Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rover Mars Perseverance della NASA sta scavando alla ricerca di indizi per la ricerca della vita

Sospensione

Sul fondo di un cratere poco profondo su Marte, lo era Il rover della NASA Perseverance Colpire ciò che gli scienziati sperano sia una spinta sterrata. Le rocce marziane scavate dal rover mostrano segni di un passato acquoso e sono cariche del tipo di molecole organiche che costituiscono la base della vita così come la conosciamo.

Gli scienziati che collaborano alla missione affermano anche che i campioni di roccia, che il rover ha temporaneamente immagazzinato in tubi per il futuro ritorno sulla Terra, hanno la giusta formula chimica. Preservare le prove dell’antica vita marziana, se mai esistita.

La nuova ricerca sulla perseveranza è dettagliata in tre ampi studi pubblicati mercoledì, uno su Science e due su Science Advances. Il I rapporti della rivista sono altamente tecnici e privi di clamore – osando essere noiosi come sporcizia – ma gli scienziati coinvolti li hanno tradotti in una storia più eccitante.

“È incredibile. In quasi tutte le rocce troviamo materiale organico”, ha detto Abigail Allwood, geologa del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, che gestisce il rover e la più ampia missione di ritorno del campione su Marte.

Uno studio ha concluso che le rocce nel cratere hanno subito tre diversi eventi in cui sono state esposte all’acqua.

“Fondamentalmente, le condizioni nella roccia durante ogni volta che l’acqua è migrata attraverso di essa potrebbero supportare piccole comunità di microrganismi”, ha detto in una e-mail l’autore principale Michael Tice, geologo della Texas A&M University. “Non lo sapremo finché non riporteremo i campioni sulla Terra”, ha aggiunto in una successiva intervista.

Il 18 febbraio 2021, la NASA ha fatto atterrare con successo il rover su Marte. Ecco un video in diretta dell’atterraggio. (Video: NASA, Foto: NASA/NASA)

la perseveranza ha fatto a Collirio di toro al cratere Jezero il 18 febbraio 2021, e da allora lo ha setacciato, conservando nella cache campioni di roccia lungo il percorso per un successivo esame sul terreno. Si tratta di un’ambiziosa missione in più fasi che richiederà alla NASA e al suo partner, l’Agenzia spaziale europea, di inviare un altro rover sulla superficie di Marte con la capacità di lanciare campioni in orbita. Il veicolo spaziale quindi trasporta quei campioni sulla Terra per la ricerca di laboratorio. La tempistica esatta deve ancora essere determinata, ma la NASA spera di riportare i campioni a casa nei primi anni ’30.

READ  La scoperta dei segnali radio dallo spazio per la seconda volta

Questo studio di Marte fa parte del fiorente campo della giovinezza Astrobiologia, che include la ricerca di mondi potenzialmente abitabili e il primo esempio di vita extraterrestre. Nonostante gli sforzi di generazioni di scienziati e nonostante le affermazioni degli appassionati di UFO, rilevare la vita extraterrestre rimane un’aspirazione.

Anche trovare sostanze organiche – molecole amiche della vita con una miscela di carbonio, idrogeno e ossigeno – è ben lungi dal rilevare la vita o addirittura provare la sua esistenza in passato. Queste molecole possono essere di origine biologica o non biologica.

Marte rimane al centro della ricerca della NASA perché ha molti tratti favorevoli. Marte potrebbe essere stato più simile alla Terra circa 3 miliardi di anni fa, con condizioni molto più calde e umide. La vita potrebbe essere esistita sulla Terra e su Marte contemporaneamente, e probabilmente ha avuto origine su Marte e si è diffusa sulla Terra tramite meteoriti. E sebbene la superficie sia ora una terra desolata, il pianeta potrebbe avere acqua liquida in grandi quantità sotto la superficie, e Forse una vita “misteriosa”.

Sebbene il rover Perseverance non disponga di strumenti per il rilevamento chimico di organismi viventi, se esistono oggi, i suoi strumenti danno agli scienziati la possibilità di studiare la superficie di Marte a un livello di dettaglio non possibile prima.

Un nuovo articolo che esamina da vicino la chimica di Marte ha sorpreso i geologi. Presumevano che avrebbero scavato un gruppo di rocce sedimentarie. Invece è roccia vulcanica.

Il cratere Jezero si è formato in un evento di impatto – una roccia che si è schiantata su Marte – almeno 3,5 miliardi di anni fa. Apparentemente la fossa poco profonda aveva acqua da molto tempo. Questo può essere determinato dalle immagini orbitali che mostrano i resti di un delta dove il fiume scorreva nel lago. I geologi planetari hanno ipotizzato che il fondo del cratere fosse un tempo ricoperto da roccia sedimentaria, formata da sporcizia e detriti che si accumulavano lentamente sul fondo del lago.

READ  L'imminente lancio di SpaceX sulla stazione spaziale è stato ritardato da venerdì a causa di possibili perdite di carburante

Se queste rocce sedimentarie sono mai esistite, ora non ci sono più. Potrebbe essersi consumato, ha detto Tice. La mancanza di rocce sedimentarie potrebbe significare che il lago ha avuto vita breve, il che sarebbe deludente per gli astrobiologi. La vita come la conosciamo ha bisogno di acqua e ci vuole tempo perché forme di vita più complesse si evolvano. Se il lago non avesse indugiato, la vita avrebbe potuto faticare a mettere radici.

La roccia vulcanica non è deludente, hanno detto gli scienziati, perché conserva molte informazioni sul passato di Marte, compresa la presenza di molecole organiche. La presenza di materia organica su Marte è stata confermata in precedenti missioni, ma la sua esatta natura e chimica non può essere individuata da questo tipo di ricerca a lungo raggio e richiederebbe un esame di laboratorio sulla Terra, ha affermato Bethany Elleman, scienziata planetaria al Caltech e ricercatrice co-autore di due dei nuovi articoli. .

“Sono solo materiale organico proveniente da questo tipo di dilavamento del sistema, forse da materiale meteoritico che era solo una parte dell’acqua?”.

Ha aggiunto che il rover “raccoglie una serie impressionante di campioni per rivelare la storia ambientale di Marte in tutte le sue forme: storia vulcanica, storia dell’acqua e relazione tra materia organica e quegli ambienti ricchi di acqua”.

Tutto questo è un tentativo di risolvere il mistero fondamentale di Marte: cosa è andato storto? Come, quando e perché questo pianeta apparentemente abitabile si è trasformato in un luogo così inospitale? Il Pianeta Rosso potrebbe non essere un pianeta morto – il rapporto del medico legale è incompleto – ma sembra sicuramente un pianeta.

READ  Il ghiacciaio Doomsday "si attacca alle sue unghie": lo slittamento all'indietro può sollevare la spina dorsale dal livello del mare di 10 piedi

Gli scienziati indicano qualcosa che oggi manca a Marte: un campo magnetico globale come quello terrestre. Un tale campo protegge La nostra atmosfera è protetta dagli effetti corrosivi del vento solare – particelle ad alta energia che fluiscono costantemente dal sole che possono strappare particelle più leggere. Su Marte manca anche la tettonica a placche, il processo geologico che sulla Terra ricicla la crosta e continua a vomitare acqua e lava ricca di sostanze nutritive attraverso i vulcani attivi.

Da qualche parte lungo la strada, il campo magnetico di Marte è morto e poi è finito È diventato un diverso tipo di pianeta. Ha perso quasi tutta la sua atmosfera. È diventato un mondo desertico ghiacciato. Non è noto quanto velocemente ciò accada. Ma questo è qualcosa che le rocce vulcaniche nel cratere potrebbero rivelare.

Il magma contiene una quantità di ferro sensibile al magnetismo del pianeta. Quando la lava si raffredda, si cristallizza in rocce ignee, facendo congelare gli elettroni all’interno dei minerali contenenti ferro in schemi che possono rivelare le caratteristiche di un campo magnetico, come la sua direzione.

Benjamin Weiss, uno scienziato planetario del MIT e coautore di due degli articoli, ha dichiarato in una e-mail: “In generale, siamo davvero molto fortunati ad avere rocce ignee nel cratere e che siamo atterrati direttamente su di esse, perché sono l’ideale per determinare le età e studiare la storia passata del campo magnetico.” su Marte.”

Una volta che una missione potrà inviare la sua preziosa raccolta di rocce sulla Terra, gli scienziati potrebbero finalmente essere in grado di dire se la vita ha trovato un punto d’appoggio su Marte, il che solleverebbe nuove domande sull’esistenza della vita, nonostante la drammatica trasformazione del pianeta. perseverare.