Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rover perseverante scopre il “tesoro” della materia organica su Marte

Il rover perseverante scopre il "tesoro" della materia organica su Marte

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Durante le indagini su un antico sito del delta del fiume, il Perseverance Chariot ha raccolto alcuni dei campioni più importanti fino ad oggi che esso compito per Determina se la vita esiste su Marte, secondo gli scienziati della NASA.

Alcuni degli esemplari raccolti di recente includono materia organica, indicando che il cratere Jezero, che probabilmente conteneva un lago e un delta in cui si è svuotato, Ambienti potenzialmente abitabili 3,5 miliardi di anni fa.

“Le rocce che abbiamo cercato nel delta contengono la più alta concentrazione di materia organica che abbiamo trovato finora nella missione”, ha affermato Ken Farley, uno scienziato del progetto di perseveranza presso il California Institute of Technology di Pasadena.

La missione della sonda, iniziata sul Pianeta Rosso 18 mesi fa, prevede la ricerca di segni di antica vita microbica. perseveranza Raccogli campioni di roccia che possono Hai Ho mantenuto questo avviso Firme biometriche. Attualmente, il rover ne contiene 12 campioni di roccia.

chiamato una serie di missioni Ritorno del campione di Marte Alla fine avrebbe riportato il gruppo sulla Terra negli anni ’30.

La posizione del delta rende il cratere Jezero, che si estende per 28 miglia (45 chilometri), in particolare Grande interesse per gli scienziati della NASA. La caratteristica geologica a forma di ventaglio, un tempo situata dove un fiume incontrava un lago, conserva strati di storia marziana nelle rocce sedimentarie, che si sono formate quando le particelle si sono fuse insieme in questo ambiente un tempo acquoso.

Il rover ha esaminato il fondo del cratere e ha trovato prove di rocce ignee o ignee. Durante la sua seconda campagna di studio del delta negli ultimi cinque mesi, Perseverance ha trovato ricchi strati di roccia sedimentaria che si aggiungono alla storia del clima e dell’ambiente dell’antica Marte.

Perseverance ha recentemente catturato un panorama del delta e delle sue intriganti rocce al cratere Jezero.

“Il delta, con le sue diverse rocce sedimentarie, contrasta magnificamente con le rocce ignee, formate dalla cristallizzazione del magma, scoperte nel fondo del cratere”, ha detto Farley.

“Questa giustapposizione ci fornisce una ricca comprensione della storia geologica dopo la formazione del cratere e una varietà di campioni. Ad esempio, abbiamo trovato granuli di arenaria e frammenti di roccia che sono stati creati lontano dal cratere Jezero”.

Il team di spedizione ha chiamato una delle rocce che Perseverance ha campionato come Wildcat Ridge. Le rocce probabilmente si sono formate quando fango e sabbia si sono depositati in un lago di acqua salata dove sono evaporati miliardi di anni fa. Il rover ha raschiato la superficie della roccia e l’ha analizzata con uno strumento noto come Raman & Luminescence for Organics & Chemicals Survey, o SHERLOC.

Questo laser stordente solido come una roccia agisce come una luce nera immaginaria per rilevare sostanze chimiche, metalli e materia organica, ha affermato Sunanda Sharma, uno scienziato Sherlock presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena.

L’analisi del dispositivo ha rivelato che i minerali organici sono probabilmente molecole aromatiche o stabili di carbonio e idrogeno, che sono legate ai solfati. I minerali solfati, spesso presenti all’interno di strati di rocce sedimentarie, conservano informazioni sugli ambienti acquatici in cui si sono formati.

Le molecole organiche sono interessanti su Marte perché sono i mattoni della vita, come carbonio, idrogeno e ossigeno, nonché azoto, fosforo e zolfo. Non tutte le molecole organiche richiedono vita per formarsi perché alcune possono essere create attraverso processi chimici.

Questo mosaico, ripreso dal rover, mostra dove gli scienziati della NASA hanno soprannominato Wildcat Ridge la perseveranza nel campionamento e l'erosione delle rocce.

“Sebbene la scoperta di questa classe di materia organica da sola non significhi in modo definitivo che la vita sia esistita, questa serie di osservazioni sta iniziando ad assomigliare ad alcune delle cose che abbiamo visto qui sulla Terra”, ha detto Sharma. “In parole povere, se questa caccia al tesoro è per possibili segni di vita su un altro pianeta, la materia organica ne è la prova. E stiamo ottenendo prove sempre più forti man mano che avanziamo nella campagna del Delta”.

Perseverance così come il rover Curiosity ha già trovato materia organica sulla superficie di Marte. Ma questa volta, la scoperta è avvenuta in un’area in cui la vita potrebbe essere esistita un tempo.

La roccia di Wildcat Ridge è una pietra argillosa che contiene materia organica.  Probabilmente si è formato in acqua salata quando le acque del lago antico evaporavano.

“In un lontano passato, la sabbia, il fango e i sali che ora compongono l’esemplare di Wildcat Ridge sono stati depositati in condizioni in cui la vita avrebbe prosperato”, ha detto Farley.

“Il fatto che la materia organica sia stata trovata in tali rocce sedimentarie – note per preservare fossili di vita antica qui sulla Terra – è importante. Tuttavia, per quanto persistenti siano i nostri strumenti a bordo, ulteriori conclusioni su ciò che è nel campione di Wildcat Ridge avranno aspettare fino al loro ritorno sulla Terra per uno studio approfondito come parte della campagna di restituzione del campione di Marte dell’agenzia”.

I campioni raccolti finora, ha detto Farley, rappresentano una ricchezza di diversità dalle regioni chiave all’interno del cratere e del delta, dove il team di persistenza è interessato a depositare alcuni dei tubi di raccolta in un sito specifico su Marte in circa due mesi.

Una volta che il rover rilascia i campioni in questa cache, continuerà a esplorare il delta.

Il rover stava esplorando un potenziale sito di rilascio per i suoi campioni nascosti.

Le future missioni possono raccogliere questi campioni e riportarli sulla Terra per l’analisi utilizzando alcuni degli strumenti più sensibili e avanzati del pianeta. Farley ha detto che è improbabile che la perseveranza trovi prove indiscutibili della vita su Marte perché l’onere di dimostrare la sua fondazione su un altro pianeta è troppo alto.

“Ho studiato l’abitabilità e la geologia marziane per la maggior parte della mia carriera e conosco in prima persona l’incredibile valore scientifico di restituire sulla Terra una collezione accuratamente raccolta di rocce marziane”, ha affermato Laurie Lichen, direttrice del Jet Propulsion Laboratory della NASA, in una dichiarazione. .

“Il fatto che mancano settimane al rilascio di straordinari campioni di perseveranza e solo anni per portarli sulla Terra in modo che gli scienziati possano studiarli in grande dettaglio è davvero straordinario. Impareremo molto”.

Alcune delle varie rocce del delta erano a circa 20 m di distanza l’una dall’altra e ognuna raccontava storie diverse.

I frammenti di roccia e minerali più grandi nel campione di Skinner Ridge indicano che proveniva da materiale che è stato trasportato a centinaia di miglia al di fuori del cratere Jezero.

Un pezzo di arenaria, chiamato Skinner Ridge, è la prova di materiale roccioso che è stato probabilmente portato nel cratere da centinaia di miglia di distanza, rappresentando materiale che il rover non sarebbe stato in grado di viaggiare durante la sua missione. Il Wildcat Ridge, d’altra parte, conserva tracce di fango e zolfo che si sono raggruppati e si sono formati nelle rocce.

Una volta che i campioni sono nei laboratori sulla Terra, possono rivelare approfondimenti su ambienti marziani potenzialmente abitabili, come chimica, temperatura e quando il materiale è stato depositato nel lago.

“Penso che si possa affermare con certezza che questi sono due dei campioni più importanti che raccoglieremo in questa missione”, ha affermato David Schuster, uno scienziato di campioni di persistenza e ritorno presso l’Università della California, a Berkeley.

READ  Gli scienziati hanno scoperto un antico pezzo della crosta terrestre di 4 miliardi di anni sotto l'Australia occidentale