Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il satellite morto della NASA torna sulla Terra dopo 38 anni

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Un satellite della NASA è tornato sulla Terra dopo 38 anni di orbita attorno al pianeta.

L’Earth’s Radiation Budget Satellite, noto come ERBS, è stato lanciato nel 1984 a bordo dello space shuttle Challenger.

Fino al 2005, i dati di ERBS hanno aiutato i ricercatori a esplorare il modo in cui la Terra assorbe e irradia energia dal sole e hanno misurato la concentrazione di ozono, vapore acqueo, biossido di azoto e aerosol nella stratosfera terrestre.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha confermato che ERBS è rientrato nell’atmosfera terrestre domenica alle 23:04 ET sopra il Mare di Bering, secondo una dichiarazione della NASA.

Non è stato immediatamente chiaro se parti del satellite siano sopravvissute al rientro. La maggior parte del satellite avrebbe dovuto bruciare mentre si muoveva attraverso l’atmosfera. La NASA ha calcolato che il rischio di danni a chiunque sulla Terra fosse molto basso, circa 1 su 9.400.

Il satellite ha superato di gran lunga la sua aspettativa di vita di due anni, operando per un totale di 21 anni.

La NASA ha affermato che uno strumento a bordo di ERBS, lo Stratospheric Aerosol and Gas Experiment II (SAGE II), ha raccolto dati che hanno confermato che lo strato di ozono sta diminuendo su scala globale.

Questi dati hanno contribuito a modellarlo Convenzione sul protocollo di Montreal, Un accordo internazionale firmato da dozzine di paesi nel 1987, ha portato a una significativa riduzione a livello mondiale dell’uso di clorofluorocarburi (CFC) che distruggono l’ozono, sostanze chimiche che un tempo erano comunemente utilizzate nei vaporizzatori, nella refrigerazione e nei condizionatori d’aria.

Se non verrà concordato alcun divieto di CFC, il mondo sarà sulla buona strada per un collasso dello strato di ozono e un ulteriore riscaldamento globale di 2,5°C entro la fine del secolo, trovato uno studio del 2021.

Oggi, SAGE III sulla Stazione Spaziale Internazionale sta raccogliendo dati sulla salute dello strato di ozono.

READ  'Non ho mai visto Giove così prima': Il James Webb Telescope mostra una vista straordinaria del pianeta | Telescopio spaziale James Webb