Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Senato ha votato per approvare l’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia

Commento

Il Senato ha votato a stragrande maggioranza mercoledì per l’ammissione di Svezia e Finlandia alla NATO, approvando un’espansione dell’alleanza che i sostenitori sperano invierà un messaggio di condanna dell’aggressione russa in Ucraina.

Il voto 95-1 ha reso gli Stati Uniti il ​​23° dei 30 membri della NATO ad approvare l’aggiunta proposta, che i leader di Helsinki e Stoccolma hanno iniziato a riflettere questa primavera in risposta all’aggressiva campagna transfrontaliera della Russia.

Il leader della maggioranza al Senato Charles E. Schumer (DNY) ha affermato che il voto è stato “un segnale alla Russia: non possono minacciare l’America o l’Europa”.

Il presidente Biden ha elogiato il Senato per la velocità con cui ha ratificato il protocollo di adesione, affermando che l’adesione di Finlandia e Svezia “rafforzerebbe ulteriormente la sicurezza collettiva della NATO e approfondirebbe il partenariato transatlantico”.

L’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO rafforzerebbe le risorse militari dell’alleanza, soprattutto perché la notevole artiglieria, i caccia e le armi navali di entrambi i paesi sono già compatibili con i sistemi NATO.

L’espansione – che includerebbe la Finlandia più del doppio del territorio dell’organizzazione direttamente al confine con la Russia – è “l’esatto opposto di ciò che Putin intendeva quando ordinò ai suoi carri armati di invadere l’Ucraina”, ha affermato il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato Robert Menendez. .).

Mentre la guerra infuria, in Ucraina stanno riemergendo vecchie divisioni politiche

Secondo l’articolo 10 della Carta della NATO, ulteriori paesi europei possono essere aggiunti solo “di comune accordo”. Negli Stati Uniti, l’approvazione dell’espansione della NATO rientra nel potere del trattato del Senato; La Camera non voterà sulla questione.

READ  Govind Holiday Tour: United, Delta, Jet Blue Weather, cancella molti voli della vigilia di Natale a causa dell'aumento di Omigron

Tra i sette paesi che devono ancora ratificare l’adesione di Svezia e Finlandia ci sono alcuni paesi in cui l’opposizione è una barriera, come l’Ungheria e la Turchia.

Dopo aver inizialmente sollevato obiezioni all’offerta, la Turchia ha raggiunto un accordo a fine giugno in cui avrebbe abbandonato la sua opposizione. Includerebbe Finlandia e Svezia se accettasse di chiudere le reti di reclutamento e finanziamento del Partito dei lavoratori del Kurdistan, o PKK, e rispondere alle richieste di Ankara di estradare determinate persone.

All’epoca, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan suggerì di visitare la Svezia e la Finlandia. “Fare il loro dovere” Prima che il parlamento turco approvi la loro candidatura per l’adesione alla NATO. E in poche settimane, la Turchia ha avvertito che potrebbero succedere di più “Busta” Il processo è sulla buona strada ed è insoddisfatto dei loro progressi rispetto ai termini dell’accordo.

Erdogan ha avvertito Svezia e Finlandia di “adempiere” ai propri obblighi ai sensi del trattato NATO

Nel frattempo, Viktor Orbán, il leader autoritario della destra ungherese, dovrebbe parlare alla Conferenza sull’azione politica conservatrice in Texas. Questa settimana ha mantenuto una posizione intrigante su come gestire le offerte di Svezia e Finlandia.

Anche negli Stati Uniti c’è un piccolo ma esplicito gruppo contrario all’espansione della NATO. In vista del voto di mercoledì, il sen. Josh Hawley (R-Mo.) ha affermato che consentire alla Finlandia e alla Svezia di entrare nella NATO sarebbe contro gli interessi degli Stati Uniti perché “l’espansione della NATO richiederebbe più forze statunitensi in Europa, più manodopera, più potenza di fuoco, più risorse, più costi, e non solo ora, ma per molto tempo”.

READ  Bruce Willis si ritira dalla recitazione dopo che gli è stata diagnosticata l'afasia - Hollywood Reporter

“Il nostro più grande nemico straniero non è in Europa, il nostro più grande nemico straniero è in Asia”, ha insistito.

L’opposizione di Hawley è stata fortemente condannata dai membri del suo stesso partito.

“Una più stretta cooperazione con questi partner ci aiuterà a confrontarci con Russia e Cina”, ha detto in aula il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.), definendo l’accesso una “schiacciata per la sicurezza nazionale”.

I democratici hanno applaudito dopo il voto sull’aborto in Kansas

Il senatore Tom Cotton (R-Ark.), nel frattempo, ha sottolineato che è stato “strano” per i senatori che hanno votato per la Macedonia del Nord entrare a far parte della NATO nel 2019 – un gruppo che include Hawley – si oppone improvvisamente alla candidatura di Finlandia e Svezia.

“Siamo onesti, chi può negare i casi molto forti per Finlandia e Svezia?” Cotton ha sostenuto che quei paesi “Molto più grande, più efficiente e più strategicamente posizionato.”

Il senatore si è opposto all’adesione della Macedonia del Nord nel 2019 e all’adesione del Montenegro nel 2017. L’opposizione di Hawley è stata particolarmente notevole perché Mike Lee (R-Utah) ha votato a favore dell’ammissione di Finlandia e Svezia alla NATO.

Il senatore Rand Paul (R-Ky.), l’unico senatore a opporsi alle offerte di Macedonia del Nord e Montenegro, ha votato “no” mercoledì. Sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, “Sono fermamente convinto di bloccare l’espansione della NATO con Svezia e Finlandia”

Il Senato ha respinto i tentativi di Ball di allegare un emendamento all’approvazione affermando espressamente che gli obblighi dell’articolo 5 degli Stati Uniti per proteggere gli stati membri non violano il diritto costituzionale del Congresso di autorizzare l’uso della forza militare.

READ  Logitech ha creato accessori di gioco per PC colorati e altamente inclusivi di genere

Menendez ha affermato che l’emendamento era “non necessario” per proteggere il ruolo costituzionale del Congresso. Ha detto ai suoi colleghi che era “profondamente dannoso” e “fare qualsiasi cosa per dubitare del nostro fermo impegno nei confronti della NATO sarebbe controproducente”.

Il Senato ha approvato a voce un emendamento che richiede a tutti i membri della NATO di spendere almeno il 2 per cento del loro prodotto interno lordo per la difesa.