Agosto 20, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vero accordo sociale di Trump sotto il gran giurì

Il vero accordo sociale di Trump sotto il gran giurì

La quotazione pubblica della società di social media dell’ex presidente Donald J. Trump ha preso un nuovo colpo lunedì quando la società di comodo, ricca di contanti, si è fusa con la società del signor Trump. È stato divulgato in un fascicolo organizzativo Che un gran giurì federale di New York ha recentemente emesso citazioni in giudizio per la società e i suoi direttori.

La scorsa settimana sono state emesse citazioni al gran giurì, secondo un deposito di Digital World Acquisition, una società di acquisizione per scopi speciali, o SPAC, che ha annunciato la sua fusione con Trump Media & Technology Group a ottobre. Dopo la fusione, Trump Media ha rilevato la quotazione e il trading di Digital World come società per azioni.

La divulgazione di Digital World è la prima indicazione che i pubblici ministeri federali di Manhattan si sono uniti all’esame della fusione tra Digital World e Trump Media, che da mesi è sotto inchiesta da parte delle autorità di regolamentazione finanziaria. L’indagine minaccia di ritardare ulteriormente il completamento della fusione, che fornirà alla società di Trump e alla sua piattaforma di social media, Truth Social, un capitale fino a 1,3 miliardi di dollari, oltre a una quotazione in borsa.

La Securities and Exchange Commission e l’Autorità di regolamentazione del settore finanziario indagini aperte A poche settimane dall’annuncio della fusione. Il deposito di Digital World ha affermato lunedì che le citazioni del gran giurì hanno richiesto informazioni simili a quelle già richieste dalla Securities and Exchange Commission.

Il gran giurì federale ha anche richiesto “informazioni relative a Rocket One Capital”. Il deposito non ha rivelato le informazioni che il gran giurì voleva su Rocket One, una società di venture capital con sede a Miami.

in deposito separatoDigital World ha rivelato che Bruce Garelick ha rassegnato le dimissioni da Direttore. Il signor Garelick è elencato nei file di Digital World come Chief Strategy Officer di Rocket One.

READ  I futures Dow salgono dopo il rally del mercato; Netflix si blocca mentre gli abbonati cadono, i profitti di Tesla sono dovuti

Garlick non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Non ha menzionato nella causa il motivo delle sue dimissioni.

Il SEC. indagine Concentrati su se e perché ci sono state discussioni serie tra la leadership di Digital World e Trump Media prima che SPAC arrivasse al pubblico a settembre Queste conversazioni non sono state divulgate negli atti normativi. Gli SPAC, che raccolgono fondi per un’IPO nella speranza di trovare un candidato per una fusione, non dovrebbero avere in mente un obiettivo di acquisizione quando raccolgono fondi dagli investitori.

Le autorità di regolamentazione hanno anche richiesto informazioni su attività di negoziazione insolite nei titoli di Digital World prima di annunciare la fusione. là È stato un grande boom nel commercio Digital World warrants – un titolo che conferisce al suo titolare il diritto di acquistare azioni in una data successiva ea un prezzo specifico – prima dell’annuncio della fusione.

Trump Media ha rilasciato una dichiarazione in risposta alla rivelazione di Digital World secondo cui era “focalizzato sul ripristino del diritto alla libertà di parola del popolo americano”. “Incoraggiamo – e coopereremo – con la supervisione che supporta l’importante missione della SEC di proteggere gli investitori al dettaglio”, ha aggiunto la società.

Le citazioni vengono solitamente emesse a un gran giurì in relazione a una potenziale indagine penale. Un portavoce del procuratore degli Stati Uniti a Manhattan, Damian Williams, ha rifiutato di commentare le citazioni del gran giurì a Digital World.

Trump Media Truth Social, un clone di social media simile a Twitter che Trump usava per postare messaggi su di lui e dopo inizio lento, iniziò a raccogliere i suoi sostenitori, soprattutto tra i conservatori e altri sostenitori dell’ex presidente. Il signor Trump lo era Vietato twittare Nel gennaio 2021 dopo aver pubblicato ripetuti messaggi in cui si accusava il furto delle elezioni presidenziali del 2020 e la mancata denuncia rapida dell’attacco del 6 gennaio al Campidoglio.

READ  Il CEO di Applebee afferma di utilizzare i prezzi del gas e l'inflazione per tagliare i salari: rapporto

Elon Musk, uomo d’affari miliardario Chi ha fatto un’offerta per comprare TwitterTrump, ha detto, consentirebbe a Trump di tornare sulla piattaforma di social media molto più ampia se avesse completato il suo accordo. Il signor Trump ha detto che non ha intenzione di tornare su Twitter.

Ma l’accordo di licenza tra Trump Media e l’ex presidente gli permette di pubblicare i messaggi di a natura politica Su Twitter o altre piattaforme di social media.

Nei documenti normativi, Digital World ha affermato che Truth Social “esiste per fornire ai suoi utenti una vera piattaforma per la libertà di espressione ed evitare la revoca da parte di Big Tech”.

Mr. Trump è il presidente Trump Media, un titolo che dovrebbe mantenere se la fusione sarà completata. Devin Nunes, un ex membro del Congresso repubblicano della California, è l’amministratore delegato di Trump Media, che ha recentemente trasferito il suo ufficio a Sarasota, in Florida.

Secondo i documenti di Digital World, non sembra che qualcuno associato a Trump Media abbia ricevuto alcun mandato di comparizione.

READ  I prezzi delle materie prime salgono e le azioni crollano mentre gli Stati Uniti discutono dell'embargo petrolifero russo

Non è chiaro come il missile Rocket One Capital sia stato coinvolto nelle indagini. La società di venture capital è guidata da Michael Schwarzman, che non ha risposto alle richieste di commento. Poco dopo che Digiworld ha rivelato la citazione a un gran giurì, Rocket One ne ha annullato gran parte Posizione generale.

L’indagine parallela da parte dei pubblici ministeri federali e delle autorità di regolamentazione dei valori mobiliari arriva mentre l’orologio si avvicina alla scadenza dell’8 settembre per il completamento della fusione. L’accordo di fusione proposto consentirebbe di prorogare il termine dell’operazione fino all’8 marzo 2023.

Ma i contributori a Gli SPAC stanno diventando sempre più riluttanti di estendere le scadenze per il completamento delle fusioni poiché i prezzi delle azioni di molte società SPAC sono crollati negli ultimi mesi.

Le azioni di Digital World, che hanno chiuso la scorsa settimana a $ 27,82, sono scese di oltre il 10% nelle prime contrattazioni lunedì. Il titolo è in calo di oltre il 70% rispetto al picco di marzo, ma è ancora ben al di sopra del prezzo di listino di $ 10.

Se la fusione non viene completata, Digital World dovrà restituire agli azionisti quasi 300 milioni di dollari raccolti nell’IPO. Il miliardo di dollari che decine di hedge fund hanno dichiarato di voler investire nell’operazione completata verrà annullato.

Lo scarso andamento delle SPAC ha comportato l’annullamento di una serie di fusioni pianificate con il consenso delle parti. L’accordo proposto tra Trump Media e Digital World consentirebbe alle parti di concordare reciprocamente di rescindere l’accordo.

All’inizio di quest’anno, Trump Media ha raccolto circa $ 15 milioni di finanziamenti da un gruppo di investitori senza nome.

Kitty Bennett Contribuisci alla ricerca.