Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il video mostra una straordinaria animazione 3D delle nuvole “Frosted Cupcake” di Giove

I ricercatori hanno utilizzato i dati di JunoCam per creare mappe digitali di elevazione delle cime delle nuvole.

Un gruppo di scienziati ha recentemente utilizzato la navicella spaziale Juno della NASA per produrre splendidi display 3D che simulano come le tempeste furiose di Giove appaiono dallo spazio. Un breve video, pubblicato su YouTube da Europlanet, mostrava volute e cime finemente intrecciate che secondo i ricercatori assomigliavano alla glassa di cupcake.

“Questa animazione al computer mostra un volo su un tale paesaggio di dati di immagine filtrati e elaborati in rosso raccolti da JunoCam, l’imager a luce visibile grandangolare della navicella spaziale Juno della NASA, mentre sorvolava Giove a 43 vicino ad esso”, si legge. Commenta il post.

Guarda il video qui sotto:

secondo NEWSETTIMANAGerald Eichstadt, cittadino, scienziato e processore di immagini superspaziale ha guidato il progetto di animazione. I ricercatori hanno utilizzato i dati di JunoCam per costruire mappe digitali di elevazione delle cime delle nuvole.

Leggi anche | Dopo 8 anni di duro lavoro, l’indiano Mangalyaan ha finito il carburante: rapporto

Il signor Eichstadt ha detto che il Dichiarazione Europlanet.

Ha presentato i risultati del progetto al meeting Europlanet Science Conference a Granada. Il signor Eichstadt ha anche spiegato che quest’ultimo metodo ha ora aperto nuove opportunità per derivare modelli di elevazione 3D delle cime delle nubi di Giove. Ha aggiunto che “le immagini delle meravigliose tempeste caotiche su Giove sembrano prendere vita e mostrano nuvole che si innalzano a diverse altezze”.

I ricercatori ritengono che la nuvola modello digitale potrebbe anche aiutare gli scienziati a migliorare la loro comprensione della composizione chimica delle nuvole. “Una volta che i nostri dati saranno calibrati, grazie ad altre misurazioni delle stesse cime delle nuvole, testeremo e perfezioneremo le previsioni teoriche e otterremo un quadro 3D migliore della composizione chimica”, ha affermato il cittadino scienziato.

READ  Lanciato il potente satellite GOES-T per monitorare il tempo e il clima della Terra

Leggi anche | Nicole Onabu Man sta per diventare la prima donna nativa americana nello spazio

Juno è stato lanciato nel 2011. Esplora il gigante gassoso dal 2016. La sonda orbita attorno al pianeta in un’orbita altamente ellittica e la sonda completa un’orbita ogni 43 giorni. All’inizio di quest’anno, Giunone si è avvicinata di più a Giove, raggiungendo poco più di 3.300 km sopra le cime delle nubi del pianeta.

La navicella spaziale era originariamente prevista per il ritiro nel 2021, ma ora Juno continuerà a funzionare almeno fino al 2025.