Ottobre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Incendi boschivi scoppiano vicino alla regione vinicola di Bordeaux, in Francia

Incendi boschivi scoppiano vicino alla regione vinicola di Bordeaux, in Francia
Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

LE TILLAIN-MEDOC, Francia – La nebbia calda si è depositata venerdì nell’area intorno a Bordeaux quando centinaia di vigili del fuoco provenienti da tutta Europa si sono uniti alle loro controparti francesi di fronte a un enorme incendio nel sud-ovest del paese.

L’incendio in Gironda, scoppiato martedì dopo essersi acceso per la prima volta qui a luglio, è uno dei più violenti di questa stagione. Distrusse 19.000 acri di foresta, sgomberò più di 10.000 persone e diffuse paura e incertezza nelle sonnolente città che punteggiano la campagna francese.

Funzionari locali hanno affermato che i vigili del fuoco sono stati in grado di controllare l’incendio durante la notte, ma le temperature sono rimaste elevate e i venti freschi potrebbero ostacolare gli sforzi per spegnere le fiamme.

L’incendio arriva nel bel mezzo di un’estate particolarmente calda in Francia e in tutta Europa, con molti paesi che sperimentano siccità storiche.

Negli ultimi due mesi, le temperature sono salite a 104 gradi Fahrenheit nel sud-ovest della Francia, che ospita la regione vinicola di Bordeaux. Il caldo estremo e la scarsa pioggia hanno contribuito a innescare circa 264 incendi in tutta la Francia solo quest’anno, secondo lui. dati Compilato dal sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi.

Melanie Morales Toto, 39 anni, assistente esecutiva del comune di San Magni, era in vacanza con la sua famiglia dopo diverse ore da casa quando martedì ha ricevuto la notizia di un ordine di sfratto.

Corse a casa per prendersi cura dei suoi gatti e dei suoi maiali, oltre le file di bucce nere e spoglie dove un tempo sorgevano le foreste di pini. Ha detto di aver ottenuto i documenti di base, ma il maiale di 130 libbre si è rifiutato di muoversi. Totò le lasciò con una generosa quantità di zucchine e mele, sperando per il meglio.

READ  La Germania registra più di 18.000 rifugiati dall'Ucraina

“Il villaggio era una nuvola di fumo nero”, ha detto. “I vigili del fuoco ci hanno detto di partire e di non tornare”.

Quasi 400 vigili del fuoco provenienti da Germania, Polonia, Grecia, Italia, Austria e Romania si sono schierati in Francia per aiutare a combattere l’incendio. Jesselyn Charles, sindaco di St. Magen, ha dichiarato venerdì in un’intervista telefonica che i vigili del fuoco stanno dormendo nel municipio, nel suo ufficio e fuori nel parco.

I vigili del fuoco dormono nel suo ufficio al municipio e fuori nel parco.

“È davvero un drago che sputa il suo fuoco”, ha detto del fuoco. “Sta divorando la foresta.”

Negli ultimi giorni, dense nuvole di fumo si sono alzate sopra le spiagge e le autostrade della zona. L’autostrada A63 che collega Bordeaux con la Spagna settentrionale è stata chiusa dalle autorità locali a causa della scarsa visibilità.

Il capo della regione della Gironda, Jean-Luc Glezy, ha affermato che è in corso un’indagine per determinare se l’incendio si è acceso naturalmente o è stato causato da un incendio doloso. Ha detto che, sebbene l’incendio originale sia stato estinto a luglio, potrebbe essere entrato nel suolo ed essere sopravvissuto nel sottosuolo, esplodendo in superficie a causa del suolo secco, dell’aria calda e dei forti venti.

Circa Metà d’Europa sotto cosa Osservatorio europeo sulla siccità Le descrive come “condizioni di allarme”, riferendosi a una grave siccità ea significativi deficit del suolo.

Il modello generale produce ondate di calore più intense e frequenti Cambiamenti climatici causati dall’uomodicono gli esperti.

Gli europei sono scioccati dall'”apocalisse di calore” quando i record di temperatura diminuiscono

READ  Il petrolio scende mentre la chiusura di Shanghai solleva preoccupazioni per la diminuzione della domanda

Nel sud della Francia, i vigili del fuoco erano esausti ma risoluti.

“Dobbiamo respingerlo”, ha detto Guy Ruggie, un vigile del fuoco volontario di Saint-Magne. Dobbiamo proteggere le persone. Dobbiamo proteggere le case. E quando queste cose saranno fatte, possiamo prenderci il tempo necessario per spegnere il fuoco”.

Cui ha riferito da Washington.