Luglio 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Incendio in Kuwait: quaranta indiani furono tra i 49 uccisi quando il fuoco distrusse un condominio

Incendio in Kuwait: quaranta indiani furono tra i 49 uccisi quando il fuoco distrusse un condominio
Commenta la foto, Molti dei residenti dell’edificio provenivano dal Kerala e dal Tamil Nadu

  • autore, Robert Greenall
  • Ruolo, Londra

Il ministero degli Esteri indiano ha affermato che almeno 40 indiani sono tra le 49 persone uccise in un incendio scoppiato in un edificio residenziale nella città kuwaitiana di Mangaf.

L’incendio è scoppiato mercoledì in un edificio che ospitava decine di lavoratori.

Un video diffuso sui social media mostrava le fiamme che divampavano nella parte inferiore dell’edificio e un denso fumo nero che si levava dai piani superiori.

Le autorità hanno affermato che molte delle vittime provenivano dagli stati dell’India meridionale del Kerala e del Tamil Nadu. Sono rimasti feriti anche circa 50 indiani.

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha inviato le sue condoglianze alle vittime e alle loro famiglie.

“L’incidente dell’incendio a Kuwait City è triste”, ha detto su Channel X.

“I miei pensieri sono con tutti coloro che hanno perso i loro cari e prego affinché le persone colpite si riprendano il prima possibile”.

Ha aggiunto che l’ambasciata indiana sta monitorando la situazione e collaborando con le autorità sul posto.

Kirti Vardhan Singh, ministro di Stato del governo partito giovedì mattina per il Kuwait, ha affermato che sono stati condotti test del DNA per identificare le vittime.

“Un aereo dell’Aeronautica Militare è in attesa. Una volta identificati i corpi, i loro parenti saranno informati e l’aereo dell’Aeronautica riporterà i corpi”, ha detto all’agenzia di stampa ANI.

Commenta la foto, L’incendio ha interessato i piani inferiori dell’edificio

Lo sceicco Al-Sabah, che è anche ministro degli Interni ad interim, ha detto all’agenzia di stampa Reuters: “Sfortunatamente, è stata l’avidità dei proprietari immobiliari a portare a questo”.

“Stanno violando le norme e questo è il risultato delle violazioni”.

Il portavoce del ministero dell’Interno, il maggiore generale Eid Al-Owaihan, ha detto alla televisione di stato che l’incendio è stato segnalato mercoledì alle 06:00 ora locale (03:00 GMT). Successivamente è stato controllato.

Un testimone oculare, Manikandan, dello stato indiano del Tamil Nadu, ha detto alla BBC che molti dei lavoratori facevano turni di notte.

Ha aggiunto: “Alcuni di coloro che sono tornati in quell’appartamento la mattina presto stavano cucinando il cibo dopo essere tornati dal lavoro”.

“Una volta scoppiato, l’incendio si è diffuso rapidamente. Le persone che vivevano nell’edificio non sono state in grado di controllare l’incendio.”

Commenta la foto, Le immagini della scena mostrano l’edificio danneggiato dall’incendio

I media locali riferiscono che l’edificio ospitava 196 lavoratori e si ipotizza che potesse essere sovraffollato.

Un alto funzionario di polizia ha detto alla televisione di stato che c’erano “un gran numero” di persone nell’edificio al momento dell’incendio.

“Decine sono stati salvati, ma sfortunatamente molti sono morti a causa dell’inalazione del fumo dell’incendio”, ha aggiunto, aggiungendo che spesso venivano lanciati avvertimenti sul sovraffollamento in questo tipo di alloggi.

Due terzi della popolazione del Kuwait sono costituiti da lavoratori stranieri e il paese fa molto affidamento sulla manodopera migrante, soprattutto nel settore edile e domestico.