Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Incendio in una prigione in Iran: quattro prigionieri uccisi e 61 feriti in un incendio nella famigerata brutale prigione di Evin, riferiscono i media statali

Incendio in una prigione in Iran: quattro prigionieri uccisi e 61 feriti in un incendio nella famigerata brutale prigione di Evin, riferiscono i media statali



CNN

Almeno quattro prigionieri sono stati uccisi e altri 61 sono rimasti feriti dopo lo scoppio di un incendio nella prigione di Evin, a nord di Teheran, secondo quanto riportato dalle autorità iraniane, ha riferito l’agenzia di stampa della Repubblica islamica iraniana.

L’agenzia ha aggiunto che i prigionieri sono morti a causa dell’inalazione di fumo. L’incendio è avvenuto sabato notte e un funzionario della sicurezza iraniano ha affermato che “teppisti” hanno appiccato il fuoco al magazzino di vestiti della prigione, secondo quanto riportato in precedenza dall’agenzia di stampa iraniana.

Sabato sera, in diversi video sui social media, è stato visto un grande pennacchio di fumo scuro fluttuare vicino alla prigione.

Il governatore di Teheran Mohsen al-Mansoori ha detto all’agenzia di stampa ufficiale IRNA che l’incendio è stato contenuto e che “la pace è salda”, aggiungendo che i prigionieri hanno appiccato il fuoco. La prigione di Evin a Teheran è una struttura notoriamente brutale in cui il regime tiene gli oppositori politici.

“Ora la situazione nella prigione è sotto il pieno controllo e la pace nel complesso carcerario e le strade circostanti sono sotto sorveglianza e controllo”, ha detto Al-Mansoori.

Il gruppo di attivisti 1500tasvir ha riferito che nei video pubblicati sui social media sono stati uditi spari e sono state viste forze speciali iraniane dirigersi verso l’area in cui si ritiene si trovi la prigione.

L’agenzia di stampa ufficiale IRNA ha citato il funzionario iraniano dicendo che i “rivoltosi” sono stati separati dagli altri prigionieri e gli altri detenuti sono tornati nelle loro celle. La CNN non può verificare autonomamente la situazione.

Agnes Callamard, segretario generale di Amnesty International Rispondi su Twitter ai video sui social media, ricordando alle autorità iraniane il loro “obbligo legale di rispettare e proteggere” la vita dei prigionieri dopo l’incendio.

Callamard ha definito la prigione un “famigerato” e ha ritwittato un post del giornalista Jason Rezaian che racconta il podcast “544 Days” sul suo tempo in prigione.

“Evin non è una prigione normale. Molti dei migliori e più brillanti dell’Iran hanno trascorso lunghi periodi confinati lì, dove a uomini e donne coraggiosi vengono negati i loro diritti fondamentali di dire la verità al potere”, Rezaian Ha scritto. “Il sistema è responsabile di ciò che sta accadendo all’interno ora.”

Parlando alla radio di stato iraniana, il procuratore di Teheran Ali Salehi ha affermato che il “conflitto” in carcere non è legato alle proteste che hanno travolto il Paese dopo la morte di una giovane donna in custodia di polizia.

A settembre, Mahsa Amini, 22 anni, è morta dopo essere stata detenuta dalla polizia morale del paese per non aver indossato correttamente il velo. Da allora le autorità iraniane hanno lanciato una brutale repressione dei manifestanti, che si sono uniti attorno a una serie di lamentele del regime autoritario del paese.

“Il conflitto del prigioniero oggi non ha nulla a che fare con le recenti rivolte e, fondamentalmente, il reparto dei prigionieri di sicurezza è separato e lontano dalle prigioni di ladri e detenuti finanziari che sono scoppiati in fiamme e conflitti”, ha detto Salehi.

Secondo il procuratore di Teheran, i reparti 7 e 8 erano sovraffollati e il problema principale era l’incendio, che secondo lui aveva appiccato alcuni prigionieri. Ha detto che sia la prigione che le strade intorno erano ora sotto controllo.

Testimoni oculari hanno detto in precedenza che le forze di sicurezza iraniane Colpisci, spara e arresta Studenti dell’Università Sharif di Teheran. Il mese scorso, quasi due dozzine di bambini sono stati uccisi durante le proteste, secondo A Rapporto di Amnesty International.

Almeno 23 bambini – alcuni di appena 11 anni – sono stati uccisi dalle forze di sicurezza solo nell’ultima decade di settembre, disse il rapporto.

All’inizio di questa settimana, ha detto un funzionario iraniano Confessa anche tu Gli studenti delle scuole che partecipano alle proteste di piazza vengono detenuti e portati in istituti psichiatrici.

READ  Mosca minaccia di vendicarsi se la NATO si muove con armi nucleari vicino ai suoi confini