Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Inizia il conto alla rovescia per la missione sulla luna Artemis 1 della NASA e il volo inaugurale dell’imponente veicolo SLS

Inizia il conto alla rovescia per la missione sulla luna Artemis 1 della NASA e il volo inaugurale dell'imponente veicolo SLS

L’orologio del conto alla rovescia ha iniziato ad apparire sabato per il primo lancio del nuovo razzo Space Launch System della NASA lunedì Una missione tanto attesa Per inviare una capsula dell’equipaggio Orion senza equipaggio intorno alla luna e ritorno.

Charlie Blackwell Thompson, il primo direttore del lancio della NASA, ha chiamato la sua squadra alle loro stazioni nella sala di tiro 1 del Kennedy Space Center e ha iniziato un conto alla rovescia di 46 ore e 10 minuti accuratamente scritto alle 10:23 EDT.

“Al momento non abbiamo a che fare con problemi significativi”, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa prima del volo. “Quindi sono felice di riferirlo e tutto sta andando secondo i tempi”.

082722-fulmine.jpg
Un fulmine colpisce una delle tre torri di 600 piedi che proteggono il Launch Complex 39B al Kennedy Space Center, dove il nuovo razzo lunare SLS della NASA sta per essere lanciato lunedì alle 8:33 EDT.

Spaceflightnow.com


Poco dopo il briefing, un fulmine ha colpito due delle tre torrette protettive da 600 piedi attorno al razzo SLS al Launch Pad 39B. Lo sciopero ha richiesto una revisione dei dati per garantire che nessun sistema elettrico sensibile fosse interessato, ma i controlli iniziali hanno indicato che gli scioperi erano “a basso volume”.

Se tutto va bene, gli ingegneri che lavorano attraverso un piano telecomandato per iniziare a pompare 750.000 galloni di ossigeno liquido e idrogeno nello stadio principale del razzo gigante SLS alle 00:18 EDT, aprendo la strada al decollo alle 8:33. Per due ore. I meteorologi si aspettano che ci sia una probabilità del 70% di bel tempo.

Il volo di prova senza pilota di 42 giorni del razzo SLS e della capsula dell’equipaggio Orion da 4,1 miliardi di dollari è una pietra miliare negli sforzi della NASA per riportare gli astronauti sulla superficie lunare per l’esplorazione a lungo termine e, infine, testare attrezzature e procedure per diversi anni. Viaggi su Marte.

“Con il lancio di Artemis 1 lunedì, la NASA si trova a un punto di svolta storico, preparandosi a iniziare la più importante serie di missioni di esplorazione scientifica e umana in più di una generazione”, ha affermato Bhavya Lal, direttore associato della NASA per la tecnologia, le politiche e strategia.

“Ci stiamo assicurando che l’architettura dell’agenzia per l’esplorazione umana sia basata su una visione strategica a lungo termine, che è la continua presenza americana sulla Luna, su Marte e in tutto il Sistema Solare”.

Ma il direttore della missione Mike Sarafin ha avvertito: “Questo è un volo di prova. Teniamo presente che questo è uno stress test significativo della navicella spaziale Orion e del razzo Space Launch System. È una nuova innovazione, è un nuovo razzo e una nuova navicella spaziale per manda gli umani sulla Luna con il prossimo volo.”

“Questo è qualcosa che non è stato fatto in oltre 50 anni ed è molto impegnativo. Impareremo molto dal viaggio di prova di Artemis 1… Capiamo che c’è molto entusiasmo per questo, ma il team è molto entusiasta. Focalizzata.”

Una domanda che entra nel conto alla rovescia è il caso di un’installazione a sgancio rapido di idrogeno liquido da 4 pollici che è trapelata durante un conto alla rovescia e un test di rifornimento il 20 giugno.

L’installazione è stata riparata dopo che il razzo è stato restituito al NASA Assembly Building. Ma le perdite di idrogeno di solito non si verificano a meno che l’attrezzatura non sia esposta a temperature estremamente basse – in questo caso, meno 423 gradi Fahrenheit – e non si verificheranno fino al rifornimento di carburante lunedì mattina.

Se viene rilevata una perdita che viola gli standard di sicurezza, il rilascio verrà eliminato. Ma Blackwell Thompson si è detta fiduciosa che l’installazione avrebbe funzionato normalmente.

“Non ottieni davvero il test completo finché non lo fai in condizioni molto fredde”, ha detto in un’intervista. “Quindi pensiamo di aver fatto di tutto per correggere questo problema e di sicuro il giorno del lancio, come parte del nostro loadout, lo sapremo per certo.”

Il responsabile del lancio Charlie Blackwell Thompson è visto in una foto di un file nella sua posizione nella sala di tiro 1 presso il Centro di controllo del lancio presso il Kennedy Space Center.
Il responsabile del lancio Charlie Blackwell Thompson è visto in una foto di un file nella sua posizione nella sala di tiro 1 presso il Centro di controllo del lancio presso il Kennedy Space Center.

Nasa/Kim Shefflet


Gli obiettivi primari della missione Artemis 1 sono verificare le prestazioni del gigantesco razzo SLS, mettere in moto la capsula dell’equipaggio di Orion e riportarla in sicurezza sulla Terra e garantire che lo scudo termico largo 16,5 piedi della capsula possa proteggere il ritorno astronauti. Dal calore ad alta velocità al ritorno.

Un manichino strumentato e dotato di equipaggiamento spaziale, “Moonikin Campos”, e due torsi femminili artificiali aiuteranno gli scienziati a misurare l’ambiente radioattivo dello spazio profondo, insieme a vibrazioni, livelli sonori, accelerazione, temperature e pressioni nella cabina dell’equipaggio durante la missione.

Se il volo andrà bene, la NASA procederà con i suoi piani per lanciare quattro veri astronauti su un percorso frequente per tornare liberamente intorno alla luna alla fine del 2024, seguito da una missione per far atterrare due astronauti vicino al polo sud lunare all’inizio del 2025.

Quel volo dipenderà in gran parte dai finanziamenti in corso del Congresso, dallo sviluppo di nuove tute spaziali per camminare sulla superficie della Luna e dai progressi di SpaceX nello sviluppo di un lander lunare basato sul progetto del futuro razzo spaziale, che non è ancora volato nello spazio.

Gli amministratori della NASA si dicono ottimisti, ma non si sa ancora quanto sarà realistico l’obiettivo di atterraggio del 2025.

“Stiamo lavorando anche su quel ritmo”, ha detto l’astronauta Randy Bresnik, che ha aggiunto che SpaceX “sta lavorando anche su quel ritmo”.

“E questo dà grande speranza che, se vogliamo arrivarci, abbiamo il partner giusto per quella prima missione”, ha detto Bresnik. “Tute e Starship, il lander lunare, vanno di pari passo. Non possiamo avere l’uno senza l’altro. Quindi otterremo più chiarezza nei prossimi mesi.”

READ  I funzionari hanno confermato che diverse tempeste magnetiche colpiranno la Terra questa settimana