Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

James Webb ha scoperto la galassia più antica dell’universo, un sistema di stelle di 13,5 miliardi di anni

Il James Webb Telescope (JWST) della NASA ha scoperto una galassia di 13,5 miliardi di anni, che ora è l'universo più antico visto dagli occhi umani.  La galassia, chiamata GLASS-z13 (GN-z13), si è formata appena 300 milioni di anni dopo il Big Bang 13,8 miliardi di anni fa.

James Webb ha scoperto la galassia più antica dell’universo, un sistema di stelle di 13,5 miliardi di anni che si è formato 300 milioni di anni dopo il Big Bang

  • James Webb ha scoperto una galassia di 13,5 miliardi di anni chiamata GN-z13
  • Questa galassia si è formata solo 300 milioni di anni dopo il Big Bang, avvenuto 13,8 miliardi di anni fa
  • Il precedente detentore del record, scoperto dal telescopio Hubble nel 2015, era GN-z11 risalente a 400 milioni di anni dopo la nascita dell’universo.

Il James Webb Telescope (JWST) della NASA ha scoperto una galassia di 13,5 miliardi di anni, che ora è l’universo più antico visto dagli occhi umani.

La galassia, chiamata GLASS-z13 (GN-z13), si è formata appena 300 milioni di anni dopo il Big Bang 13,8 miliardi di anni fa.

Il precedente detentore del record, scoperto dal telescopio Hubble nel 2015, era GN-z11 risalente a 400 milioni di anni dopo la nascita dell’universo.

JWST ha catturato uno sguardo al GN-z13 utilizzando un dispositivo Near Infrared Camera (NIRCam), È in grado di rilevare la vita dalle stelle e dalle galassie più antiche.

Scorri verso il basso per il video

Durante le indagini nell’area vicino a GN-z13, JWST ha anche osservato GN-z11 e scienziati dell’Harvard e dello Smithsonian Center for Astrophysics nel Massachusetts hanno notato che entrambe le galassie sono molto piccole, nuovo mondo rapporti.

GN-z13 è largo circa 1.600 anni luce e GLASS z-11 copre 2.300 anni luce.

Questo è paragonato alla nostra Via Lattea, che è larga circa 100.000 anni luce.

Il documento pubblicato in arXivosserva che entrambe le galassie hanno la massa di un miliardo di soli, osservando che ciò è dovuto al fatto che si sono formate poco dopo il Big Bang.

Durante lo studio della regione vicino a GN-z13 (in alto), JWST ha anche osservato GN-z11 (in basso) e gli scienziati dell'Harvard e dello Smithsonian Center for Astrophysics nel Massachusetts hanno notato che entrambe le galassie sono molto piccole.

Durante lo studio della regione vicino a GN-z13 (in alto), JWST ha anche osservato GN-z11 (in basso) e gli scienziati dell’Harvard e dello Smithsonian Center for Astrophysics nel Massachusetts hanno notato che entrambe le galassie sono molto piccole.

Il precedente detentore del record, scoperto dal telescopio Hubble nel 2015, è GN-z11 (nella foto) risalente a 400 milioni di anni dopo la nascita dell'universo

Il precedente detentore del record, scoperto dal telescopio Hubble nel 2015, è GN-z11 (nella foto) risalente a 400 milioni di anni dopo la nascita dell’universo

Il team suggerisce che ciò sia accaduto quando le galassie stavano crescendo e divorando le stelle nella regione.

I ricercatori hanno condiviso nel documento di ricerca: “Questi due oggetti stanno già ponendo nuovi vincoli all’evoluzione delle galassie nell’era dell’alba cosmica.

Sottolineano che la scoperta di GNz11 non è stata solo una questione di fortuna, ma che è probabile che un gruppo di sorgenti luminose ultraviolette con un’efficienza di formazione stellare molto elevata sia in grado di assemblarsi.

Gabriel Brammer del Niehls Bohr Institute in Danimarca, parte del team GLASS e co-scopritore di GN-z11, ha detto a New Scientist che saranno necessarie ulteriori analisi per confermare la distanza delle due galassie.

READ  Rocket Report: Virgin Galactic ha ritardato di nuovo, a giugno il suo obiettivo era testare il prossimo SLS

“Sono candidati molto interessanti”, dice. Eravamo abbastanza sicuri che il pianeta spaziale James Webb avrebbe visto galassie lontane. Ma siamo rimasti un po’ sorpresi da quanto sia stato facile individuarli.

Brammer ha fatto notizia questa settimana quando ha pubblicato una foto inedita scattata da JWST.

Il documento di ricerca rileva che entrambe le galassie hanno la massa di un miliardo di soli, osservando che ciò è dovuto al fatto che si sono formate poco dopo il Big Bang.  Nella foto le posizioni delle galassie

Il documento di ricerca rileva che entrambe le galassie hanno la massa di un miliardo di soli, osservando che ciò è dovuto al fatto che si sono formate poco dopo il Big Bang. Nella foto le posizioni delle galassie

Sono necessarie ulteriori analisi per confermare la distanza tra le due galassie, ha affermato Gabriel Brammer, parte del team GLASS e co-scopritore di GN-z11.  Brammer ha fatto notizia questa settimana quando ha pubblicato una foto mai vista prima di JWST (nella foto)

Sono necessarie ulteriori analisi per confermare la distanza tra le due galassie, ha affermato Gabriel Brammer, parte del team GLASS e co-scopritore di GN-z11. Brammer ha fatto notizia questa settimana quando ha pubblicato una foto mai vista prima di JWST (nella foto)

L’astronomo ha condiviso una straordinaria immagine dei bracci a spirale della “galassia immaginaria”, ufficialmente conosciuta come NGC 628 o Messier 74.

Webb ha catturato l’immagine di NGC 628 il 17 luglio e ha inviato i dati sulla Terra dove sono archiviati nei Barbara Mikulski Archives for Space Telescopes (MAST), che è aperto al pubblico.

L’immagine di Brammer ha catturato l’attenzione di astronomi e altri appassionati di spazio, che volevano saperne di più su come è stata realizzata l’immagine e cosa stavano guardando.

“Per un po’ più di contesto”, ha scritto Brammer, “la dominante viola qui è in realtà ‘reale’, nel senso che le emissioni del fumo di sigaretta interstellare (particelle IPA) rendono i filtri utilizzati per i canali blu e rosso più luminosi rispetto al verde. ” in un tweet.

READ  Le nuove immagini di James Webb mostrano gli anelli, le lune e altro di Giove

Telescopio James Webb

Il James Webb Telescope è stato descritto come una “macchina del tempo” che potrebbe aiutare a svelare i segreti del nostro universo.

Il telescopio sarà utilizzato per osservare le prime galassie nate nell’universo primordiale più di 13,5 miliardi di anni fa e per osservare le sorgenti di stelle, esopianeti e persino lune e pianeti del nostro sistema solare.

L’enorme telescopio, che è già costato più di 7 miliardi di dollari (5 miliardi di sterline), è il successore del telescopio spaziale Hubble in orbita.

Il telescopio James Webb e la maggior parte dei suoi strumenti hanno una temperatura di circa 40 K – circa meno 387 gradi Fahrenheit (meno 233 gradi Celsius).

È il più grande e potente telescopio spaziale orbitante al mondo, in grado di guardare indietro di 100-200 milioni di anni dopo il Big Bang.

L’osservatorio a infrarossi orbitante è progettato per essere circa 100 volte più potente del suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble.

Alla NASA piace pensare a James Webb come a un successore di Hubble piuttosto che a un sostituto, poiché i due lavoreranno insieme per un po’.

Il telescopio Hubble è stato lanciato il 24 aprile 1990 tramite lo space shuttle Discovery dal Kennedy Space Center in Florida.

Orbita intorno alla Terra a circa 17.000 miglia orarie (27.300 chilometri orari) in un’orbita terrestre bassa ad un’altitudine di circa 340 miglia.