Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kiev: continui attacchi russi a est – DW – 10/01/2023

I funzionari di Kiev hanno detto lunedì che le forze russe stanno lanciando una serie di attacchi contro Bakhmut e altre città nella regione orientale del Donbass in Ucraina, ma che le forze ucraine sono riuscite a frenare la loro avanzata.

In un rapporto quotidiano, lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha affermato che le forze russe hanno effettuato sette attacchi missilistici, 31 attacchi aerei e 73 attacchi con lanciamissili nell’ultimo giorno.

Ha affermato che le forze ucraine sono riuscite a resistere agli attacchi a 14 insediamenti, tra cui Bakhmut, che è diventato un focolaio di aspri combattimenti nelle ultime settimane.

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che Bakhmut “è risoluto nonostante tutto”.

“Sebbene la maggior parte della città sia stata distrutta dagli attacchi russi, i nostri soldati stanno respingendo i continui tentativi russi di avanzare”, ha detto domenica sera in un video discorso.

Zelensky ha aggiunto che le forze ucraine sono riuscite anche a difendere la vicina città di Solidar, “anche se c’è più distruzione e le cose sono molto difficili”.

Anche il viceministro della Difesa Hana Malyar ha definito “difficile” la situazione dei soldati ucraini vicino a Solidar, che si trova a 14 chilometri (8,7 miglia) da Pakhmut, sul suo canale Telegram domenica.

Ha detto che gli attacchi russi non sono effettuati solo dall’esercito regolare, ma anche da forze mercenarie del gruppo Wagner.

L’Ucraina deve mantenere entrambe le città per proteggere Sloviansk e Kramatorsk, due grandi città del Donbass che rimangono sotto il controllo di Kiev. La caduta di queste città avrebbe significato che la Russia avesse effettivamente conquistato l’intera regione del Donbass, uno degli obiettivi che Mosca si era pubblicamente prefissata all’inizio della sua invasione lo scorso febbraio.

Ecco altri sviluppi rilevanti riguardanti la guerra in Ucraina del 9 gennaio:

Zelensky afferma che l’Ucraina sta resistendo “agli attacchi più duri” in Solidar

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato nel suo discorso notturno che le forze ucraine stavano affrontando “nuovi e ancora più gravi attacchi” a Solidar, vicino alla città orientale di Bakhmut, che Mosca ha cercato di catturare per mesi.

“Ringrazio tutti i nostri soldati che proteggono Bakhmut”, ha detto Zelensky, riferendosi a “tutti i combattenti di Solidar, che sopportano nuovi e ancora più duri attacchi degli invasori!”

Solidar si trova nella regione di Donetsk, a circa 15 chilometri (nove miglia) da Bakhmut, una città che aveva una popolazione di 70.000 abitanti prima della guerra ed è ora un centro di combattimenti.

“Grazie alla resilienza dei nostri soldati lì, a Solidar, abbiamo guadagnato tempo e forze extra per l’Ucraina”, ha aggiunto Zelensky.

“Tutto è stato completamente distrutto”, ha detto Zelensky. “L’intera terra di Solidar è ricoperta dai cadaveri degli invasori e sfigurata dalle esplosioni”, ha aggiunto.

Lunedì scorso, le forze armate ucraine hanno affermato di aver respinto un tentativo di impadronirsi di Solidar, ma che i combattimenti erano ripresi.

La Russia afferma che più carri armati prolungherebbero la guerra e non ne cambierebbero l’esito

L’agenzia di stampa russa Interfax ha citato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov affermando che l’invio di carri armati in Ucraina non farebbe altro che prolungare le sofferenze del popolo ucraino e non cambierebbe l’esito della guerra.

“In linea di principio, queste spedizioni non possono e non cambieranno nulla in Ucraina”, ha detto Peskov.

Il portavoce russo ha affermato che non si tratta solo dei carri armati leggeri francesi AMX-10 RC, ma di tutte le forniture di armi occidentali.

Peskov si riferiva alla decisione della Francia della scorsa settimana di inviare carri armati leggeri in Ucraina. Dopo l’annuncio della Francia, la Germania e gli Stati Uniti hanno dichiarato che invieranno anche veicoli blindati, anche se di tipo diverso, in Ucraina.

La Germania non ha attualmente in programma di inviare carri armati Leopard 2 in Ucraina

Un portavoce del governo tedesco ha detto che al momento non ha intenzione di inviare carri armati Leopard 2 in Ucraina.

Il vice cancelliere tedesco Robert Habeck ha dichiarato durante il fine settimana che le decisioni sull’invio di altri carri armati in Ucraina dovevano ancora essere prese.

Il portavoce del governo Stephen Hebbestreit ha dichiarato lunedì di non essere a conoscenza di alcuna richiesta di inviare carri armati Leopard 2 in Ucraina da parte di partner della NATO, ma ha affermato che inviarli non è “impossibile”.

Berlino ha dichiarato la scorsa settimana che fornirà i veicoli da combattimento della fanteria Mardier all’Ucraina, ma ha ripetutamente sottolineato che non agirà da sola quando si tratta di inviare i veicoli corazzati.

La Polonia propone una possibile alleanza per rifornire di carri armati l’Ucraina

Il viceministro degli Esteri polacco Pawel Jablonski ha detto alla radio nazionale polacca che stava valutando la possibilità di formare un’ampia coalizione di paesi per fornire carri armati all’Ucraina.

Un consigliere per la sicurezza del presidente polacco Andrzej Duda ha dichiarato a Radio Zeit che la questione è “in evoluzione” e che la prima cosa da fare è sapere “cosa faranno i nostri alleati nei paesi occidentali”.

Jakob Komuch ha detto a Radio Zet che la Polonia potrebbe far parte della coalizione ma non agire da sola.

Ha negato le notizie secondo cui Varsavia era pronta a consegnare i carri armati Leopard 2 all’Ucraina come “disinformazione”.

Crescono i dubbi sul presunto attacco russo alle forze ucraine

Le affermazioni russe secondo cui 600 soldati ucraini sono stati uccisi in un attacco missilistico a Kramatorsk sono state sempre più messe in discussione da un certo numero di funzionari.

Domenica, Mosca ha dichiarato di aver preso di mira i soldati come rappresaglia per un attacco dell’Ucraina nel nuovo anno che ha ucciso dozzine di militari russi e ha scatenato proteste in Russia.

Ma il portavoce dell’esercito ucraino per la regione orientale, Serhiy Chervaty, ha affermato che le accuse russe sono un tentativo di dimostrare che Mosca è in grado di rispondere allo stesso modo all’attacco ucraino.

Anche i blogger militari pro-Cremlino hanno messo in dubbio le affermazioni di Mosca.

L’agenzia di stampa Reuters ha affermato che i suoi corrispondenti non hanno trovato chiari segni di ferite nei due dormitori del college, dove Mosca ha detto che i dipendenti ucraini morti erano temporaneamente ospitati.

Gli eserciti russo e ucraino hanno spesso esagerato le perdite dei nemici, sottovalutando le proprie. Lunedì, il Cremlino ha ribadito la sua fiducia nelle affermazioni del ministero della Difesa sull’attacco di Kramatorsk.

rm, tj/rs (Reuters, AP, dpa)