Dicembre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La caratteristica “sorprendente” del panda gigante è stata sviluppata almeno sei milioni di anni fa

Ailurarctos Reconstruction

Un artista ricostruisce Ailurarctos da Shuitangba. La funzione di presa del suo falso pollice (mostrato nell’individuo di destra) ha raggiunto il livello del panda moderno, mentre il sesamoide radiale può essere leggermente più prominente della sua controparte moderna mentre cammina (visto nell’individuo di sinistra). Credito: Illustrazione di Mauricio Anton

mangiare bambù? È tutto al polso.

Quando un pollice non è davvero un pollice? Quando l’osso carpale è allungato dal panda gigante che viene utilizzato per afferrare il bambù. Attraverso la sua lunga storia evolutiva, la mano del panda non ha mai sviluppato un pollice veramente ostile. Invece, ha sviluppato un dito simile a un pollice dall’osso carpale, il sesamoide radiale. Questo adattamento unico aiuta questi orsi a vivere interamente di bambù nonostante siano orsi (membri dell’ordine Carnivori o carnivori).

In un nuovo documento di ricerca pubblicato oggi (30 giugno 2022), gli scienziati riportano la scoperta del più antico panda ancestrale che mangiava bambù e che aveva questo “pollice”. Sorprendentemente, è più alta dei suoi discendenti moderni. La ricerca è stata condotta dal Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles, curatore dei fossili di vertebrati Xiaoming Wang e colleghi.

Mentre il famoso pollice falso nei panda giganti contemporanei (panda gigante melanoleuca) è noto da più di 100 anni e non si comprende come si sia evoluto questo osso carpale a causa della quasi completa assenza di reperti fossili. Falso pollice fossile di antenati panda giganti, Ilorarctus, risalente a 6-7 milioni di anni fa, è stato scoperto nel sito di Shuitangba nella città di Zhaotong, nella provincia dello Yunnan nel sud della Cina. Offre agli scienziati una prima occhiata all’uso precoce di questo numero extra (sesto) – e la prima prova di una dieta di bambù negli antenati dei panda – aiutandoci a capire meglio l’evoluzione di questa struttura unica.

Il panda di Chengdu mangia il bambù

Il panda di Chengdu mangia il bambù. Credito: immagine riprodotta con il permesso di Sharon Fisher

“Nel profondo della foresta di bambù, i panda giganti si sono scambiati una dieta bituminosa di carne e bacche per consumare tranquillamente il bambù, una pianta abbondante nella foresta subtropicale ma di basso valore nutritivo”, afferma il dottor Xiaoming Wang, curatore di paleontologia dei vertebrati di NHM. “Tenere saldamente gli steli di bambù per schiacciarli alle loro dimensioni del morso è forse l’adattamento più importante per consumare una quantità enorme di bambù”.

Come camminare e masticare bambù allo stesso tempo

La scoperta potrebbe anche aiutare a risolvere un enigma di lunga data dei panda: perché i loro pollici falsi sembrano essere sottosviluppati? Come il nonno del panda moderno, Ilorarctus Ci si poteva aspettare che avessero uno pseudo-pollice meno sviluppato, ma Wang e colleghi fossili hanno scoperto un falso pollice più lungo con un’estremità più dritta rispetto alla figura più corta e uncinata dei suoi discendenti moderni. Allora perché il pollice del falso panda ha smesso di crescere per ottenere una figura più alta?

“Il pollice del panda sdraiato dovrebbe camminare e ‘masticare'”, dice Wang. “Questa doppia funzione agisce come un limite su quanto grande può essere questo ‘pollice'”.

panda spazzare vs camminare

Tenere un panda contro camminare (l’osso bianco è lo pseudo-pollice). Credito: Per gentile concessione del Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles

Wang e colleghi ritengono che il falso pollice più corto del panda moderno sia un compromesso evolutivo tra la necessità di manipolare il bambù e la necessità di camminare. La punta uncinata del secondo pollice consente ai panda moderni di manipolare il bambù consentendo loro di portare il loro peso impressionante al loro prossimo pasto di bambù. Dopotutto, il “pollice” svolge il doppio compito del sesamoide radiale, un osso nel polso dell’animale.

“Da cinque a sei milioni di anni dovrebbero essere sufficienti perché i panda sviluppino uno pseudo-pollice più lungo, ma sembra che la pressione evolutiva del bisogno di viaggiare e portare il proprio peso abbia mantenuto il “pollice” corto, abbastanza forte da essere utile senza essere abbastanza grande”, afferma Dennis Su, professore associato. Nel College of Human Evolution and Social Change and Research Scientist presso l’Human Origins Institute dell’Arizona State University, e co-leader del progetto che ha recuperato gli esemplari di panda:

“I panda si sono evoluti da antenati carnivori e sono diventati un puro mangiatore di bambù e devono superare molti ostacoli”, afferma Wang. “Il ‘pollice’ resistente dell’osso del polso potrebbe essere l’avanzamento più sorprendente contro questi ostacoli”.

Riferimento: “Ancient Giant Panda’s False Thumb Points to Conflicting Demands for Movement and Feeding” di Xiaoming Wang, Dennis F. Su, Nina Jablonsky, Shuibing Jie, Jay Kelly, Lawrence J. Flynn e Tao Ding, 30 giugno 2022, Rapporti scientifici.
DOI: 10.1038 / s41598-022-13402-y

Gli autori di questo articolo sono affiliati al Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles, Los Angeles, California, USA; Istituto di Paleontologia e Paleoantropologia dei Vertebrati, Accademia Cinese delle Scienze, Pechino, Cina; Arizona State University, Tempe, Arizona, USA; Penn State University, University Park, Pennsylvania, USA; Istituto di zoologia di Kunming, Accademia cinese delle scienze, Kunming, Yunnan, Cina; Yunnan Institute of Cultural Relics and Archaeology, Kunming, Yunnan, Cina; Università di Harvard, Cambridge, Massachusetts, USA.

Il finanziamento è stato fornito dalla US National Science Foundation, dalla Yunnan Natural Science Foundation, dalla National Natural Science Foundation of China, dai governi di Zhaotong e Chaoyang e dall’Istituto di paleontologia e paleoantropologia dei vertebrati.

READ  L'imaging ad alto contrasto rivela una struttura sconosciuta nella galassia