Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Cina ammorbidisce i toni del Corona virus dopo le proteste

La Cina ammorbidisce i toni del Corona virus dopo le proteste

PECHINO (Reuters) – La Cina ha attenuato i toni sulla gravità del COVID-19 e sta allentando alcune restrizioni sul coronavirus anche se il suo bilancio giornaliero delle vittime sale vicino a livelli record, dopo che la rabbia per le restrizioni più severe del mondo ha alimentato le proteste in tutto il Paese.

Diverse città della seconda economia più grande del mondo, pur segnalando ancora nuove infezioni, stanno rompendo con la pratica revocando i blocchi distrettuali e consentendo alle imprese di riaprire.

Le autorità sanitarie che hanno annunciato l’allentamento delle misure non hanno menzionato le proteste, che sono andate dalle veglie a lume di candela a Pechino agli scontri con la polizia nelle strade di Guangzhou martedì e in una fabbrica di iPhone a Zhengzhou la scorsa settimana.

Le manifestazioni rappresentano il più grande spettacolo di disobbedienza civile nella Cina continentale da quando il presidente Xi Jinping è salito al potere un decennio fa, e arrivano mentre l’economia si prepara ad entrare in una nuova era di crescita molto più lenta di quanto visto da decenni.

Nonostante i numeri di casi quasi record, il vice premier Sun Chunlan, che sta supervisionando lo sforzo COVID, ha affermato che la capacità del virus di causare malattie si sta indebolendo, secondo quanto riferito dai media statali.

“Il Paese sta affrontando una nuova situazione e nuovi compiti nel campo della prevenzione e del controllo dell’epidemia, poiché la patogenicità del virus Omicron si sta indebolendo e più persone vengono vaccinate e si accumula esperienza nel contenere il virus”, ha affermato Sun nelle osservazioni riportate dai media statali.

Sun ha anche chiesto di “migliorare” le politiche di esame, trattamento e quarantena.

READ  Altre proteste anti-COVID in Cina innescate da un incendio mortale

La menzione della bassa patogenicità contrasta con i precedenti messaggi delle autorità sulla gravità mortale del virus.

Cambia regole

Meno di 24 ore dopo le violente proteste a Guangzhou, le autorità di almeno sette distretti del vasto centro produttivo a nord di Hong Kong hanno dichiarato di aver revocato i blocchi temporanei. Una provincia ha affermato che consentirà la ripresa delle lezioni di persona nelle scuole e la riapertura di ristoranti e altre attività, compresi i cinema.

Alcuni cambiamenti sono implementati con poca fanfara.

Una comunità di migliaia di persone nella parte orientale di Pechino sta permettendo a chi ha sintomi lievi di isolarsi a casa, secondo le nuove regole emanate da un comitato di quartiere e viste da Reuters.

Un membro del comitato ha affermato che anche i vicini allo stesso piano e tre piani sopra e sotto la casa del caso positivo dovrebbero mettere in quarantena a casa.

Questo è molto diverso dai protocolli di quarantena all’inizio dell’anno in cui intere comunità sono state bloccate, a volte per settimane, anche dopo che è stato trovato un solo caso positivo.

Un’altra comunità vicina sta conducendo un sondaggio online questa settimana sulla possibilità di isolare i casi positivi a casa, hanno detto i residenti.

“Certamente accolgo con favore la decisione della nostra comunità residenziale di prendere questo voto indipendentemente dal risultato”, ha affermato Tom Simpson, amministratore delegato per la Cina presso il China UK Business Council.

Ha detto che la sua principale preoccupazione è essere costretto in una struttura di quarantena, dove “le condizioni possono essere a dir poco tristi”.

Il famoso commentatore nazionalista Hu Xijin ha dichiarato mercoledì in un post sui social media che molti portatori di coronavirus a Pechino sono già in quarantena domestica.

READ  L'italiano Mario Draghi visita l'Algeria mentre il suo paese mira ad allontanarsi dal gas naturale russo

La città cinese sudoccidentale di Chongqing consentirà ai contagiati dall’emergente coronavirus, che soddisfano determinate condizioni, di essere messi in quarantena a casa, mentre la città cinese centrale di Zhengzhou ha annunciato la ripresa “ordinata” delle attività commerciali, compresi supermercati, palestre e ristoranti.

Funzionari sanitari nazionali hanno affermato questa settimana che le autorità risponderanno alle “preoccupazioni urgenti” sollevate dal pubblico e che le regole COVID devono essere attuate in modo più flessibile, a seconda delle circostanze della regione.

Riapertura il prossimo anno?

In tutto il mondo sono aumentate le aspettative che la Cina, pur cercando di contenere le infezioni, potrebbe cercare di riaprire il prossimo anno una volta raggiunti tassi di vaccinazione migliori tra gli anziani.

Gli esperti sanitari avvertono della diffusione della malattia e della morte se COVID viene rilasciato prima dell’aumento della vaccinazione.

Le azioni e i mercati cinesi di tutto il mondo sono inizialmente scesi dopo le proteste del fine settimana a Shanghai, Pechino e in altre città, ma in seguito si sono ripresi nella speranza che la pressione dell’opinione pubblica portasse a un nuovo approccio da parte delle autorità.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato mercoledì che ulteriori focolai di coronavirus potrebbero influenzare l’attività economica cinese a breve termine, aggiungendo che vede la possibilità di una ricalibrazione sicura delle politiche che potrebbero consentire una ripresa della crescita economica nel 2023.

Le rigide misure di contenimento della Cina hanno smorzato l’attività economica interna quest’anno e si sono diffuse ad altri paesi attraverso interruzioni della catena di approvvigionamento.

Dopo i dati pessimistici di un sondaggio ufficiale di mercoledì, il PMI manifatturiero globale Caixin/S&P ha mostrato che l’attività delle fabbriche si è contratta a novembre per il quarto mese consecutivo. Leggi di più

READ  I cinesi si preoccupano per gli anziani mentre l'Organizzazione mondiale della sanità avverte di un aumento della diffusione del virus Corona durante le vacanze

Mentre il cambio di tono riguardo al COVID sembra essere una reazione al malcontento pubblico per le misure drastiche, le autorità stanno anche cercando di interrogare i presenti alle manifestazioni.

Il China Descent Monitor, gestito dalla Freedom House finanziata dal governo degli Stati Uniti, ha stimato che almeno 27 manifestazioni si sono svolte in tutta la Cina da sabato a lunedì. Il think tank australiano ASPI ha stimato 43 proteste in 22 città.

Segnalazione aggiuntiva di Elaine Zhang. Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Michael Berry, Robert Purcell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.