Maggio 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La corte ordina il rilascio di Josie Smollett dal carcere in appello

La corte ordina il rilascio di Josie Smollett dal carcere in appello

CHICAGO (AFP) – Jussie Smollett è stato rilasciato mercoledì da una corte d’appello che ha concordato con il suo avvocato di essere libero di attendere un appello contro la sua condanna Per aver mentito alla polizia di Chicago su un attacco razzista e omofobo.

La decisione è arrivata dopo che un giudice della contea di Cook si è pronunciato contro Smollett La scorsa settimana avrebbe immediatamente iniziato a scontare 150 giorni di carcere per essere stato condannato per cinque reati di condotta disordinata per aver mentito alla polizia.

Sulla baldoria subito dopo la condanna, l’ex star del programma televisivo “Empire” ha proclamato la sua innocenza e ha detto “Non sono un suicida. E se mi succede qualcosa quando vado lì, non lo faccio da solo. E dovreste saperlo tutti”.

La Corte d’Appello, nella sua decisione 2-1, ha affermato che Smollett potrebbe essere rilasciato dopo aver fatto un impegno personale di $ 150.000, il che significa che non deve depositare il denaro ma accetta di comparire in tribunale come richiesto. Non era chiaro alla fine di mercoledì quando sarebbe stato rilasciato.

Gli avvocati di Smollett hanno affermato che avrebbe completato la sua condanna prima del completamento del processo di appello e che Smollett potrebbe essere a rischio di danni fisici se fosse rimasto in custodia nella prigione della contea di Cook.

L’ufficio del procuratore speciale ha definito l’accusa secondo cui la salute e la sicurezza di Smollett erano a rischio “di fatto errata”, in risposta alla richiesta, rilevando che Smollett era tenuto in custodia protettiva. in prigione. Dopo aver iniziato a scontare la pena la scorsa settimana, l’ufficio dello sceriffo della contea di Cook ha detto che Smollett era detenuto nella sua cella, monitorato dalle telecamere a circuito chiuso e da un ufficiale.

READ  Kanye West sta seguendo il nuovo account Instagram di Pete Davidson

Anche il vice procuratore speciale Sean Webber ha messo in dubbio l’idea del rilascio di Smollett perché la sua condanna sarebbe stata completa prima della sentenza della corte d’appello, affermando che in base a questo ragionamento, chiunque dovesse affrontare una pena inferiore a pochi anni potrebbe rimanere libero.

Weber ha scritto: “Questa semplicemente non è la norma e non può esserlo”.

La decisione del tribunale segna l’ultimo capitolo di una storia bizzarra iniziata nel gennaio 2019 quando Smollett, nero e gay, ha detto alla polizia di Chicago di essere stato vittima di un attacco razzista e omofobo da parte di due uomini che indossavano passamontagna. Ha affermato che gli uomini lo hanno aggredito mentre camminava vicino a casa sua nel centro di Chicago per prendere qualcosa da mangiare. Uno degli uomini, disse Smollett, gli mise un laccio al collo.

La caccia agli aggressori si è presto trasformata in un’indagine e nell’arresto dello stesso Smollett, accusato di aver orchestrato l’attacco e di aver mentito alla polizia al riguardo.

L’indagine ha rivelato che Smollett aveva pagato due uomini che conosceva dal suo lavoro all’Empire per lanciare l’attacco.

Una giuria ha condannato Smollett a dicembre per cinque capi di imputazione per condotta disordinata, l’accusa mossa quando qualcuno mente alla polizia. Fu assolto dal sesto conteggio.

Il giudice James Lane ha condannato Smollett la scorsa settimana a 150 giorni di prigione, ma con buona condotta avrebbe potuto essere rilasciato in appena 75 giorni. Smollett ha mantenuto la sua innocenza durante il processo.

I giudici della Corte d’Appello Thomas Hoffman e Joey Cunningham hanno firmato l’ordinanza di accoglimento della richiesta di rilascio di Smollett, che indicava che era stato condannato per crimini non violenti. Il giudice Maureen Connors non era d’accordo.

READ  Elizabeth Olsen accetta critiche per i film Marvel - Deadline

___

Scopri la copertura completa dell’Associated Press Nel caso di Josie Smollett.