Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Corte Suprema degli Stati Uniti consente a Gorsuch di far valere il premio di 155 milioni di dollari contro Sunoco

La Corte Suprema degli Stati Uniti consente a Gorsuch di far valere il premio di 155 milioni di dollari contro Sunoco

Scritto da Nate Raymond

(Reuters) – Il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Neil Gorsuch ha respinto giovedì la richiesta di Sunoco LP di bloccare gli sforzi per far rispettare una sentenza da 155 milioni di dollari contro il rivenditore di carburante in una causa accusandolo di non aver pagato gli interessi di mora a 53.000 proprietari Pozzi petroliferi in tutto l’Oklahoma . .

Gorsuch ha respinto la richiesta di Sunoco di sospendere l’azione esecutiva mentre la società sta facendo appello a una sentenza del giudice federale del 2020 secondo cui ha violato la legge dell’Oklahoma non pagando interessi su oltre 1,5 milioni di pagamenti in ritardo alle royalty nei pozzi in tutto lo stato.

Gorsuch gestisce alcuni casi giudiziari da una serie di stati che includono il Colorado.

Gli avvocati di Sunoco hanno sostenuto che se la Corte Suprema non fosse intervenuta, il denaro potrebbe essere raccolto e distribuito ai proprietari del pozzo prima che la società potesse impugnare la decisione di un tribunale di grado inferiore di respingere il suo ricorso per motivi giudiziari.

I giudici dovrebbero essere nominati il ​​28 settembre per valutare se accogliere l’appello di Sunoco contro la sentenza. Gli avvocati della società non hanno immediatamente risposto a una richiesta di commento. Gli avvocati dei querelanti hanno rifiutato di commentare.

La sentenza deriva da una causa intentata nel 2017 da un agricoltore di nome Perry Klein per conto suo e di altre parti interessate in pozzi in Oklahoma da cui Sunoco ha acquistato petrolio greggio e poi lo ha venduto.

Klein ha accusato Sunoco di aver violato una legge dell’Oklahoma chiamata Production Revenue Standards Act non pagando per anni gli interessi legali ai proprietari di pozzi sui pagamenti arretrati effettuati sulle entrate petrolifere. In base a questa legge, le società che acquistano petrolio greggio dai proprietari di pozzi e poi sono in ritardo nei pagamenti devono pagare gli interessi.

READ  L'S&P 500 termina sotto quota 4.000 per la prima volta da marzo 2021; I titoli di crescita portano a diminuire

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti John Gibney ha concluso nel 2020 che Sunoco sapeva di dovere i suoi interessi sui proventi ritardati, ma non ha compiuto alcuno sforzo per pagare gli interessi dovuti e ha trattenuto oltre 74 milioni di dollari su oltre 1,5 milioni di ritardi di pagamento.

Il giudice ha ritenuto che l’azienda avesse deciso da tempo di non pagare gli interessi di mora adottando una politica di pagamento solo su richiesta del proprietario del pozzo, consentendole di evitare di pagare milioni di dollari ogni anno.

Gibney ha scoperto che Sunoco “semplicemente tiene il denaro per proprio uso, sapendo due cose: che la maggior parte dei proprietari non rivendicherà interessi e che le rivendicazioni dei potenziali proprietari alla fine moriranno per mano della prescrizione”.

Il giudice ha assegnato $ 80 milioni di danni e $ 75 milioni di danni punitivi.

(Segnalazione di Nate Raymond a Boston; Montaggio di Will Dunham)