Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La crescita occupazionale, seppur ancora vivace, è scesa a 206.000 nuovi posti di lavoro nel mese di giugno.

I datori di lavoro hanno creato 206.000 posti di lavoro a giugno, un graduale raffreddamento rispetto al mese precedente e l’ultimo segnale che l’economia statunitense si sta stabilizzando dopo quattro anni di crescita vertiginosa.

Nel frattempo, il tasso di disoccupazione è aumentato leggermente al 4,1%, il livello più alto in più di un anno e mezzo, ha detto venerdì il Bureau of Labor Statistics. La disoccupazione tra i lavoratori neri e le donne è aumentata leggermente a giugno ed è stata più elevata per i lavoratori asiatici.

Il rapporto è stata una buona notizia per il presidente Biden, il cui mandato ha coinciso con 42 mesi consecutivi di guadagni di posti di lavoro. I datori di lavoro hanno creato Durante l’amministrazione Biden sono stati aggiunti più di 15 milioni di posti di lavoro, con una media mensile di circa 380.000 posti di lavoro. Recentemente, il ritmo di creazione di posti di lavoro è rallentato a 220.000.

I recenti guadagni si sono concentrati nel settore sanitario e governativo, che hanno rappresentato quasi 3 posti di lavoro su 4 creati a giugno. Mentre ci sono state perdite di posti di lavoro nel commercio al dettaglio, nel manifatturiero e nei servizi professionali e alle imprese, l’edilizia, i trasporti e la finanza hanno aggiunto posizioni – un tipo catartico che include molte posizioni dei colletti bianchi.

“Ci sono ampie prove che stiamo assistendo a una recessione nell’economia”, ha affermato Kathy Postjanczyk, capo economista della Nationwide Mutual. “Stiamo assistendo a rallentamenti su tutta la linea, ma è troppo presto per dire in questo momento se siamo diretti verso un ‘atterraggio morbido’ o un atterraggio più accidentato e duro.”

READ  La squadra d'attacco del Campidoglio guadagna PowerPoint, prevede di rovesciare Trump | Attacco al capitale americano

essere preso

Storie da raccontarvi

I dati sull’occupazione di giugno riflettono un raffreddamento rispetto alle assunzioni di maggio, con il Dipartimento del Lavoro che ha segnalato una significativa riduzione di 218.000 nuovi posti di lavoro rispetto al precedente rapporto di 272.000, ha affermato l’agenzia. Le 165.000 offerte di lavoro di aprile sono scese a sole 108.000, il numero più basso dallo scorso ottobre.

Un graduale rallentamento del mercato del lavoro alimenterà le speranze di un taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve nei prossimi mesi, rafforzando altri segnali di rallentamento delle assunzioni, dell’occupazione e della crescita dei salari.

“Il mercato del lavoro è ancora forte, ma non così forte come lo era un anno fa”, ha detto Gus Faucher, capo economista della PNC. “Se vedessimo una crescita occupazionale leggermente più lenta, un raffreddamento della concorrenza per i lavoratori e una crescita salariale leggermente inferiore, ciò dovrebbe contribuire a riportare l’inflazione verso l’obiettivo del 2% della Fed”.

L’inflazione, al 3,3%, è scesa drasticamente dal picco del 9,1% di due anni fa, ma è ancora superiore a quanto auspicato dalla banca centrale. In particolare, la crescita dei salari, che può spingere al rialzo i prezzi, è un obiettivo chiave per la banca centrale.

Nel complesso, i salari sono aumentati dello 0,3% rispetto a maggio e del 3,9% rispetto allo scorso anno, confermando ulteriormente i timori che l’inflazione stia nuovamente aumentando. Il presidente della Fed Jerome H. Powell ha detto questa settimana che il mercato del lavoro si sta “raffreddando subito”.

“Non sembra che il surriscaldamento o l’inflazione costituiscano un grosso problema per il futuro”, ha detto Powell martedì alla riunione annuale della Banca centrale europea.

READ  China Govt-19: Xian, una città di 13 milioni di persone, viene bloccata in risposta al cluster

I sintomi della freddezza si accumulano: reclutamento Settore terziario L’accordo è stato firmato a giugno per la sesta volta in sette mesi. Le richieste di disoccupazione sono aumentate nuovamente la scorsa settimana, il nono aumento consecutivo, segno che le persone impiegano più tempo per trovare lavoro. In effetti, la disoccupazione di lunga durata – che misura le persone in cerca di lavoro da più di sei mesi – è salita al livello più alto in più di due anni a giugno.

Marcelino Bautista ha fatto domanda per più di 100 posti di lavoro, il più recente come programmatore di computer in un negozio di alimentari a Hilo, Hawaii, il mese scorso. Il 31enne si è laureato al college a maggio dopo sei anni nel Corpo dei Marines.

“Cercare un lavoro è stato più stressante di quanto mi aspettassi”, ha detto. “Ho fatto domanda per tutto, anche per gli stage, ma era molto competitivo.”