Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Federal Reserve alzerà nuovamente i tassi di interesse. Ma sta giocando con il fuoco

La Federal Reserve alzerà nuovamente i tassi di interesse.  Ma sta giocando con il fuoco

Una versione di questa storia è apparsa per la prima volta nella newsletter di Before the Bell della CNN Business. Non sei abbonato? Puoi registrarti quaggiù.


New York
Cnn

La Fed annuncerà sicuramente mercoledì che aumenterà nuovamente i tassi di interesse. Ma gli investitori sperano che lo sia Aumento minore Manale Le ultime quattro escursioni.

I trader scommettono su un aumento di solo mezzo punto. Contratti future sui fondi federali Il Chicago Mercantile Exchange mostra una probabilità dell’80% di aumentare di mezzo punto.

Alimentato I tassi di interesse sono aumentati di tre quarti di punto percentuale Negli ultimi quattro incontri (giugno, luglio, settembre e novembre). Ciò ha fatto seguito a due piccoli aumenti di prezzo all’inizio di quest’anno. Il principale tasso di interesse a breve termine della banca centrale, che era pari a zero all’inizio dell’anno, è ora compreso tra il 3,75% e il 4%.

La speranza è così pressioni inflazionistiche Stanno finalmente iniziando a fare marcia indietro abbastanza per la Fed Asse – La Fed parla di una serie di piccoli aumenti dei tassi di interesse – per evitare che l’economia crolli in recessione.

Ma potrebbe non essere così semplice. Il governo ha detto venerdì che A La misura principale dei prezzi all’ingrosso, l’indice dei prezzi alla produzione, è salito del 7,4% nei 12 mesi fino a novembre. Questo era leggermente superiore al tasso previsto del 7,2%, ma un netto rallentamento rispetto all’aumento dell’8% fino a ottobre.

I dati dell’indice dei prezzi al consumo ampiamente seguiti per novembre vengono pubblicati martedì, appena un giorno prima dell’annuncio della Federal Reserve. L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 7,7% su base annua fino a ottobre.

READ  "Perché non possiamo passarlo attraverso i nostri spessi crani?" L'aumento della produzione americana di petrolio e gas "non è incompatibile" con il cambiamento climatico

Finché l’inflazione rimane un problema, la Fed dovrà procedere con cautela.

“L’inflazione potrebbe aver raggiunto il picco, ma potrebbe non scendere così rapidamente come la gente vorrebbe”, ha affermato Cathy Jones, analista senior del reddito fisso presso lo Schwab Center for Financial Research.

Jones pensa ancora che la Fed aumenterà i tassi di interesse solo di mezzo punto questa settimana e potrebbe cercare di aumentarli solo di un quarto di punto all’inizio del 2023. Ma ha ammesso che la Fed ora sta “facendo le cose come vanno”.

L’altro problema: gli aumenti dei tassi della Fed quest’anno hanno finora avuto un impatto limitato sull’economia. Sì, i tassi dei mutui sono saliti alle stelle, il che ha gravemente danneggiato la domanda di alloggi, ma il mercato del lavoro è ancora forte. I salari aumentano e i consumatori continuano a spendere. Non può continuare all’infinito.

“L’effetto cumulativo dei tassi più alti è solo all’inizio. E poi la Fed deve rallentare un po’”, ha detto Jones.

Quindi gli investitori dovranno prestare attenzione non solo a ciò che dice la Fed nella sua dichiarazione politica sui tassi di interesse ea ciò di cui parla Powell nella sua conferenza stampa. Mercoledì la Fed pubblicherà anche le sue ultime previsioni sulla crescita del PIL, sul mercato del lavoro e sui prezzi al consumo.

A settembre, le proiezioni della Fed prevedevano una crescita del PIL dell’1,2% nel 2023, un tasso di disoccupazione del 4,4% e un aumento della spesa per consumi personali, la misura dell’inflazione preferita dalla Fed, del 2,8%. Sembra probabile che la Fed abbasserà il suo obiettivo sul PIL e alzerà le sue previsioni sul tasso di disoccupazione e sui prezzi al consumo.

READ  I mercati asiatici scendono dopo il crollo di Wall Street, il PMI cinese ha sovraperformato le stime

La possibilità di una recessione economica è in aumento e le previsioni della Fed potrebbero rifletterlo. Ma la Fed non dovrebbe iniziare a tagliare i tassi prima del 2024, quindi potrebbe essere troppo tardi per la banca centrale per prevenire una recessione.

“Un pivot o una pausa non è una panacea per questo mercato”, ha affermato Keith Lerner, chief investment officer di Truist Advisory Services. I tagli dei tassi di interesse potrebbero essere troppo tardi. I rischi di recessione sono ancora relativamente elevati”.

L’economia americana non è ancora in recessione. Ma gli acquirenti americani vengono esclusi? Ci faremo un’idea migliore giovedì dopo che il governo avrà rilasciato i dati sulle vendite al dettaglio per novembre.

Gli economisti si aspettano in realtà un leggero calo dello 0,1% nelle vendite al dettaglio da ottobre. Ma è importante contestualizzare questo numero. Le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1,3%. da settembre e l’8,3% negli ultimi 12 mesi.

Quindi è possibile che i consumatori abbiano semplicemente iniziato a fare acquisti natalizi. Anche l’inflazione influisce sui numeri, con le vendite al dettaglio influenzate (positivamente) dal fatto che le persone devono spendere più soldi per le cose.

Uno stratega del mercato ha anche sottolineato che finché gli aumenti dei prezzi continueranno a rallentare, anche i consumatori si sentiranno più fiduciosi.

Tutti hanno parlato di inflazione quest’anno. “Andando avanti, si tratterà maggiormente di ridurre l’inflazione nel 2023 o nel 2024”, ha affermato Arnaud Cosserat, CEO di Comgest Global Investors.

Cosa significa questo per gli investitori? Kosirat ha affermato che le persone dovrebbero cercare aziende di consumo di alta qualità che abbiano ancora potere di determinazione dei prezzi e possano mantenere i propri margini di profitto. Ha detto che due titoli di proprietà della sua azienda si adattano a quel conto: il produttore di beni di lusso Hermes

(prudenza)
E il gigante dei cosmetici L’Oreal

(LRLCF)
.

READ  I futures su azioni scendono mentre i trader valutano un altro massiccio aumento dei tassi della Fed

Lunedi: PIL mensile del Regno Unito; Guadagni da Oracle

(ORCL)

Martedì: indice dei prezzi al consumo USA; Sentimento economico in Germania

Mercoledì: Fed incontra la produzione industriale dell’UE; Guadagni di inflazione nel Regno Unito da Lennar

(flessibile)
e Trip.com

(spiegazzato)

Giovedì: vendite al dettaglio negli Stati Uniti, richieste di sussidi di disoccupazione settimanali negli Stati Uniti; decisioni sui tassi di interesse della Banca centrale europea e della Banca d’Inghilterra; Profitti da Byblos

(JBL)

Venerdì: PMI dell’Eurozona; Guadagni al dettaglio nel Regno Unito da Accenture

(ACS)
Darden Ristoranti

(DR)
e Winnebago

(OMG)