Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA e SpaceX stanno studiando modi per mitigare i detriti della Dragon Box

La NASA e SpaceX stanno studiando modi per mitigare i detriti della Dragon Box

Washington – La NASA e SpaceX stanno studiando come modificare il processo di rientro della navicella Dragon nell’atmosfera terrestre con l’obiettivo di ridurre la quantità di detriti che dal retro della navicella raggiungono la Terra.

In diverse occasioni, sulla Terra sono stati trovati detriti delle sezioni del torso della navicella Dragon, che erano stati espulsi dalla capsula prima che la capsula la bruciasse fuori orbita. Questi includono detriti dal bagagliaio del Crew-1 Crew Dragon, che è stato trovato in Australia nel 2022; il bagagliaio del Crew-3 Crew Dragon, precipitato nel Saskatchewan a febbraio; e il bagagliaio della Crew-7, parti del quale sono state ritrovate a maggio nella Carolina del Nord.

Nell’agosto 2022, poco dopo il ritrovamento dei detriti della navicella spaziale Crew-1 in Australia, un funzionario di SpaceX ha minimizzato l’incidente come un caso isolato. “Tutto questo rientrava nello spazio analizzato e previsto di ciò che potrebbe accadere”, ha detto Benji Reed, direttore senior dei programmi di volo spaziale umano di SpaceX, in un briefing della NASA “Tuttavia, proprio come facciamo con i lanci e qualsiasi ritorno, stiamo osservando da vicino Data, impariamo tutto ciò che possiamo e siamo sempre alla ricerca di modi per migliorare le cose”.

Dopo aver recentemente individuato i detriti, la NASA e SpaceX ora riconoscono la necessità di apportare miglioramenti. L’agenzia ha recentemente riferito che studi preliminari prevedevano che il torso sarebbe stato completamente bruciato al rientro. “La NASA e SpaceX continueranno a esplorare ulteriori soluzioni man mano che impariamo dai detriti scoperti”, ha affermato la NASA.

“Abbiamo fatto l’analisi prima della Demo-2 e chiaramente i modelli non gestiscono bene il bagagliaio”, ha detto Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell’equipaggio della NASA, in un’intervista dopo il briefing di Starliner prima del lancio della missione il 6 giugno. Ha detto che probabilmente era dovuto ai materiali compositi utilizzati nel bagagliaio. “È quasi come un sistema di protezione termica.”

READ  La NASA sta cercando nuovi astronauti sulla Luna per le future missioni lunari di Artemis

Ha detto che la soluzione presa in considerazione dalla NASA e da SpaceX include la modifica delle procedure per rimuovere la capsula dall’orbita. Attualmente, il tronco viene rilasciato prima che la capsula bruci in orbita. Ciò significa che il tronco potrebbe rimanere in orbita per diversi mesi prima di rientrarvi in ​​modo incontrollabile.

Invece, ha detto Stitch, gli ingegneri stanno valutando la possibilità di eseguire un’accensione orbitale e quindi di lanciare il bagagliaio. Ciò fornirebbe un maggiore controllo sul punto di rientro del tronco, garantendo che eventuali detriti che sopravvivono al rientro atterreranno in aree disabitate.

“Stiamo svolgendo questo lavoro ora”, ha detto. “Mi piacerebbe avere qualcosa l’anno prossimo, se possibile, ma dobbiamo fare tutte le analisi giuste per assicurarci che sia sicuro per l’equipaggio.

Le sfide con questo approccio alternativo includono l’utilizzo di carburante aggiuntivo per bruciare la scatola durante la deorbita mentre la scatola è ancora attaccata e poi trovare il modo migliore per separare la scatola dopo l’incendio. Gli ingegneri stanno cercando due modi per farlo, spostando la scatola lontano dalla capsula al momento del rientro, in modo che eventuali detriti finiscano nell’oceano, ha detto Stich.

Sono state sollevate preoccupazioni circa il pericolo della caduta di detriti non solo dai tronchi della Dragon ma anche da un pezzo del portabatterie della Stazione Spaziale Internazionale che è entrato in modo incontrollabile nell’atmosfera terrestre l’8 marzo. Un pezzo di quello scaffale, del peso di circa tre quarti di chilogrammo, è sopravvissuto al rientro nell’atmosfera e ha colpito una casa a Naples, in Florida. I detriti sono caduti dal tetto della casa ma non hanno causato feriti.

READ  Cygnus non riesce a distribuire pannelli solari subito dopo il lancio

Il 21 giugno, lo studio legale Cranfill Sumner LLP ha annunciato di aver intentato una causa presso la NASA chiedendo circa 80.000 dollari di danni causati dai detriti. In effetti, la causa, che alcuni media hanno erroneamente riportato come una causa legale, è in realtà un reclamo ai sensi del Federal Tort Claims Act, che dà alla NASA sei mesi per rispondere alla causa.

Micah Nguyen Worthy, l’avvocato che ha intentato causa per conto della famiglia la cui casa è stata danneggiata, ha osservato che secondo il trattato sullo spazio noto come Convenzione sulla responsabilità, gli Stati Uniti sarebbero “assolutamente responsabili” per i danni se i detriti colpissero un altro paese, ma qui non si applica la stessa responsabilità assoluta perché il danno è stato fatto negli Stati Uniti.

“In questo caso, il governo degli Stati Uniti, attraverso la NASA, ha l’opportunità di stabilire standard o ‘creare un precedente’ riguardo a come dovrebbero essere le operazioni spaziali responsabili, sicure e sostenibili”, ha affermato nella dichiarazione. “Pagare la richiesta di risarcimento invierebbe un forte segnale sia agli altri governi che alle industrie private affinché tali vittime debbano ricevere un risarcimento indipendentemente dalla colpa”, ha concluso.

Altri vedono un’opportunità nella caduta dei detriti. I rottami del bagagliaio dell’aereo Crew-7 sono caduti in un campeggio di lusso chiamato The Glamping Collective, che ne ha mostrato le foto. “Ti invitiamo a provarlo tu stesso!” Questo è stato affermato sul suo sito webHa sottolineato che i rottami saranno esposti all’inizio del sentiero.