Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA Voyager 1 torna in vita

La NASA Voyager 1 torna in vita

La navicella spaziale Voyager 1 della NASA ha superato una battuta d’arresto tecnica dal novembre 2023 e ha ripreso con successo le normali operazioni e la trasmissione dei dati entro maggio 2024. Tutti e quattro i suoi strumenti scientifici sono tornati attivi, studiando lo spazio oltre il nostro sistema solare. Fonte: California Institute of Technology/NASA-JPL

Dopo che i problemi tecnici furono risolti, la Voyager 1 ritornò alle normali operazioni, con tutti gli strumenti pienamente operativi e continuando a studiare lo spazio interstellare.

La manutenzione è in corso per verificare i dati Precisione e stabilità del sistema. La Voyager 1, insieme alla Voyager 2, è ancora una parte importante dello spazio NASAEsplorazione dello spazio profondo.

Risoluzione dei problemi tecnici di Voyager 1

La navicella spaziale Voyager 1 della NASA sta conducendo normali operazioni scientifiche per la prima volta dopo un problema tecnico verificatosi nel novembre 2023.

Sonda spaziale della NASA Voyager 2

Rappresentazione artistica della navicella spaziale Voyager della NASA. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech

Restauro di strumenti scientifici

Il team della missione ha parzialmente risolto il problema in aprile, quando ha invitato la navicella spaziale a iniziare a restituire dati tecnici, che includono informazioni sulla salute e sulle condizioni della navicella. Il 19 maggio, il team ha effettuato la seconda fase del processo di riparazione e ha inviato il comando alla navicella spaziale di iniziare a restituire i dati scientifici. Due dei quattro strumenti scientifici sono tornati immediatamente alle normali posizioni operative. Altri due strumenti hanno richiesto del lavoro aggiuntivo, ma ora tutti e quattro gli strumenti stanno restituendo dati scientifici utilizzabili.

Le missioni della Voyager continuano

Studia i quattro strumenti plasma Onde, campi magnetici e particelle. Voyager 1 e Voyager 2 sono gli unici veicoli spaziali ad aver campionato direttamente lo spazio interstellare, la regione al di fuori dell’eliosfera, la bolla protettiva dei campi magnetici e del vento solare creata dal Sole.

READ  Perché alcune immagini sono più memorabili di altre?

Manutenzione continua e traguardi

Mentre la Voyager 1 ritorna alla ricerca scientifica, è necessario un piccolo lavoro aggiuntivo per rimuovere le tracce del problema. Tra gli altri compiti, gli ingegneri risincronizzeranno il software di cronometraggio nei tre computer di bordo della navicella in modo che possano eseguire i comandi in modo tempestivo. Il team eseguirà anche la manutenzione del registratore digitale, che registra alcuni dati per lo strumento a onde di plasma che viene inviato sulla Terra due volte l’anno. (La maggior parte dei dati scientifici della Voyager vengono trasmessi direttamente alla Terra e non vengono registrati.)

Voyager 1 si trova a più di 15 miliardi di miglia (24 miliardi di km) dalla Terra e Voyager 2 è a più di 12 miliardi di miglia (20 miliardi di km) dal pianeta. Le sonde celebreranno 47 anni di attività entro la fine dell’anno. È la navicella spaziale più lunga e distante della NASA. Entrambi i veicoli spaziali sono passati in volo Giove E SaturnoMentre anche la Voyager 2 ha volato Urano E Nettuno.

Le missioni Voyager, composte da Voyager 1 e Voyager 2, sono due sonde spaziali della NASA lanciate nel 1977 per esplorare gli esopianeti e oltre. La Voyager 1 si è concentrata su Giove e Saturno, mentre la Voyager 2 ha esplorato Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Dopo le loro missioni primarie, entrambe le sonde hanno continuato a studiare i limiti esterni del sistema solare e ora stanno viaggiando attraverso lo spazio interstellare, inviando dati preziosi sull’eliosfera e sull’universo più ampio oltre il nostro sistema solare. Queste missioni hanno notevolmente ampliato la nostra comprensione del sistema solare e rimangono tra gli oggetti più lontani nello spazio realizzati dall’uomo.