Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NATO è in massima allerta dopo che un aereo russo si è quasi schiantato contro un aereo polacco sopra il Mar Nero

La NATO è in massima allerta dopo che un aereo russo si è quasi schiantato contro un aereo polacco sopra il Mar Nero

Un funzionario della NATO ha dichiarato al Daily Beast che una collisione sfiorata tra un aereo militare russo e uno polacco ha costretto la NATO a mettere la sua polizia aerea in “massima allerta”.

L’incidente è avvenuto venerdì sul Mar Nero vicino alla Romania, quando l’aereo polacco era di pattuglia nell’ambito delle sue responsabilità con l’agenzia di frontiera dell’UE Frontex. Frontex ha sede a Varsavia, in Polonia.

“I distaccamenti della polizia aerea della NATO sono stati posti in allerta in risposta al comportamento pericoloso di un aereo militare russo vicino a un aereo polacco di Frontex sopra il Mar Nero vicino alla Romania venerdì”, ha detto il funzionario a The Daily Beast. “La NATO è ancora vigile”.

Il funzionario non ha risposto alle domande su ciò che la NATO valuta l’intenzione della Russia nell’incidente.

Il Su-35 russo ha effettuato tre “manovre aggressive e pericolose” verso l’aereo polacco, secondo la guardia di frontiera polacca. Le guardie di frontiera polacche hanno dichiarato sui social media che l’equipaggio polacco ha perso il controllo e l’altitudine di conseguenza.

Secondo la valutazione dell’equipaggio, l’aereo russo era a soli cinque metri di distanza in un punto.

Il funzionario della NATO ha affermato che le unità con il più alto livello di prontezza sono gli aerei spagnoli assegnati alla missione di polizia aerea in Romania.

Gli aerei russi effettuano spesso voli non sicuri e non professionali vicino ad aerei di altri paesi, secondo i funzionari statunitensi. Alcune di queste manovre potrebbero portare a un’escalation involontaria, secondo i funzionari statunitensi. Funzionari statunitensi hanno affermato che questo comportamento ha iniziato ad aumentare a marzo.

READ  Alle Nazioni Unite, Amal Clooney fa pressioni per la giustizia per i crimini di guerra in Ucraina

La notizia arriva poche settimane dopo che un Su-35 russo ha effettuato un’intercettazione “non sicura e poco professionale” di un F-16 statunitense sopra la Siria, secondo il Pentagono. L’ultimo incidente arriva anche due mesi dopo che un Su-27 russo ha eseguito una manovra pericolosa e poco professionale, colpendo infine un drone statunitense sopra il Mar Nero. Aeronautica degli Stati Uniti L’MQ-9 è stato completamente abbattuto dopo l’incidente a causa dei danni subiti.

Nell’incidente dell’MQ-9, i jet russi hanno sparato carburante davanti al drone con una mossa provocatoria.

All’epoca, la Russia ha negato di aver agito in modo non professionale e di aver colpito il drone statunitense. Funzionari russi hanno affermato che il drone è sceso dopo aver effettuato una brusca manovra e ha affermato che stava volando verso la penisola di Crimea, che la Russia ha sequestrato all’Ucraina nel 2014.

John Kirby, il coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, disse all’epoca che questo tipo di mosse non impedirebbe agli Stati Uniti di operare sul Mar Nero anche se la Russia continua a fare la guerra in Ucraina.

“Se il messaggio è che vogliono dissuaderci o dissuaderci dal volare e operare nello spazio aereo internazionale, sopra il Mar Nero, quel messaggio fallirà… Continueremo a volare e operare nello spazio aereo internazionale sopra le acque internazionali”, ha detto Kirby. a marzo.