Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NBA ha multato e sospeso il proprietario dei Phoenix Suns Robert Sarver

L’NBA ha sospeso per un anno il proprietario di maggioranza dei Phoenix Suns, Robert Sarver, e lo ha multato di $ 10 milioni dopo che un’indagine ha scoperto che era coinvolto in una cattiva condotta che includeva insulti razzisti, urla contro i dipendenti e trattamento ingiusto delle dipendenti di sesso femminile.

“Le dichiarazioni e la condotta descritte nei risultati dell’indagine indipendente sono inquietanti e deludenti”, ha affermato il commissario NBA Adam Silver in una nota.

Ha aggiunto: “Indipendentemente dalla posizione, dall’autorità o dallo scopo, dobbiamo tutti riconoscere l’impatto corrosivo e offensivo del linguaggio e del comportamento razzista e dispregiativo. A nome dell’intera NBA, mi scuso con tutti coloro che sono stati colpiti dalla cattiva condotta delineata nel rapporto degli inquirenti. Dobbiamo fare meglio.”

Il server possiede anche il Phoenix Mercury della WNBA.

Sarver ha dichiarato in una dichiarazione di aver accettato le conseguenze della decisione della NBA.

“Anche se non sono d’accordo con alcuni dettagli della dichiarazione della NBA, voglio scusarmi per le mie parole e azioni che hanno offeso il nostro staff”, ha detto. “Mi assumo la piena responsabilità di ciò che ho fatto. Mi dispiace di aver causato questo dolore e questi errori di giudizio non sono coerenti con la mia filosofia personale o i miei valori.

In risposta, l’NBA ha avviato un’indagine Articolo di novembre 2021 di ESPN Per quanto riguarda le accuse di comportamento scorretto del server. Dopo la pubblicazione dell’articolo, la lega ha trattenuto lo studio legale Wachtell, Lipton, Rosen & Katz per condurre un’indagine indipendente.

Martedì, la società e l’NBA sono state rilasciate Rapporto di 43 pagine Ha rilevato che il server “ha tenuto una condotta che violava chiaramente gli standard generali sul posto di lavoro”, inclusi commenti inappropriati sull’aspetto e il bullismo delle dipendenti di sesso femminile. Il rapporto afferma che in quattro occasioni si è impegnata in comportamenti fisici inappropriati con dipendenti di sesso maschile.

READ  La NFL sceglie di ospitare il draft 2024 di Detroit

Più di 100 persone intervistate dagli investigatori hanno affermato di aver assistito a comportamenti che “superano gli standard applicabili”. Secondo il rapporto, c’era una sensazione generale tra i dipendenti che il server ritenesse che le regole sul posto di lavoro non si applicassero a lei.

Il server ha anche fatto battute crude, insultato i dipendenti e detto a un’impiegata incinta che non poteva fare il suo lavoro dopo essere diventata madre, secondo il rapporto.

Testimoni hanno ricordato il server dicendo che il dipendente sarebbe stato impegnato ad “allattare” e che “il bambino ha bisogno della mamma, non del papà”. Il dipendente ha pianto in risposta ai commenti del server, afferma il rapporto. Il server ha quindi chiesto perché le donne “piangessero così tanto”.

Secondo il rapporto, il server “ha ripetuto la parola N contando le dichiarazioni di altre persone”. Quando Sarver ha usato il termine durante un allenamento di team building durante la stagione 2012-13, era di fronte a giocatori, allenatori e membri del front office. Ha usato il termine dopo una partita del 2016 quando si è lamentato con un allenatore dei Suns che un giocatore di colore della squadra avversaria poteva usare il termine senza subire un fallo tecnico. Dopo che l’allenatore dei Suns ha “ammonito” Server per aver usato la parola, Server lo ha detto ad alta voce diverse volte, secondo il rapporto. In seguito ha usato una versione della parola in un’e-mail alla NBA

Secondo il rapporto, il server ha fatto riferimenti sessuali osceni in almeno 20 occasioni e ha tirato giù i pantaloncini di un altro dipendente davanti ai membri del consiglio. Sebbene il dipendente non fosse completamente esposto, era imbarazzato.

READ  "The Batman": il nuovo trailer mostra un gotico gotico con molti nemici familiari

Nel 2015, secondo quanto riferito, ha scherzato sul fatto che la squadra dovrebbe “arricchire gli striper locali in modo che si sentano collegati all’area, dando ai Suns un potenziale vantaggio nel reclutamento di free agency”.

Durante l’udienza, Sarver ha cercato di difendersi citando i suoi contributi alla giustizia sociale e razziale e ha indicato il record dei Suns di impiegare una percentuale alta di campionato di persone nel dipartimento delle operazioni di basket.

Un totale di 320 persone sono state intervistate durante l’indagine, inclusi 202 dipendenti attuali, 100 ex dipendenti, 12 proprietari di squadre di minoranza e un server. Gli investigatori hanno affermato di aver esaminato 80.000 pagine di e-mail, messaggi di testo e altri documenti e 51 video di riunioni dei dipendenti.

La punizione più severa della NBA per il proprietario di una squadra è arrivata nel 2014, quando la lega ha emesso una squalifica a vita e una multa di $ 2,5 milioni a Donald Sterling, allora proprietario dei Los Angeles Clippers. Sterling aveva registrato commenti razzisti in una conversazione privata.

Silver ha detto all’epoca che la punizione era basata su quel singolo incidente e ha incoraggiato il consiglio di amministrazione della lega a terminare la franchigia di Sterling.

L’allora moglie di Sterling, Rochelle Sterling, ha venduto la squadra per $ 2 miliardi, nonostante gli sforzi infruttuosi per bloccare la vendita di suo marito.