Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La perseveranza può produrre tanto ossigeno su Marte quanto un piccolo albero

La perseveranza può produrre tanto ossigeno su Marte quanto un piccolo albero

Un esperimento in situ sulle risorse di ossigeno di Marte, noto come MOXIE, è riuscito a produrre ossigeno dall’atmosfera ricca di anidride carbonica di Marte in una serie di test, come parte della missione della sonda esplosiva della NASA, che è atterrato su Marte nel febbraio 2021.

MOXIE è stato in grado di produrre ossigeno in sette cicli sperimentali condotto dall’inizio dei test nell’aprile 2021, in una varietà di condizioni meteorologiche, incluso durante il giorno e la notte sul pianeta, e in diverse stagioni di Marte, secondo una ricerca pubblicata mercoledì sulla rivista Science Advances.
(Come la Terra, Marte ha stagioni distinte, ma durano più a lungo delle stagioni qui sulla Terra perché Marte impiega più tempo a ruotare attorno al Sole, Secondo la NASA.)

In ogni corsa, MOXIE ha raggiunto il suo obiettivo di produrre sei grammi di ossigeno all’ora, la velocità di un albero modesto sulla Terra.

“Questa è la prima dimostrazione dell’utilizzo effettivo delle risorse sulla superficie di un altro corpo planetario e della loro conversione chimica in qualcosa che potrebbe essere utile per una missione umana”, ha affermato Jeffrey Hoffman, vice investigatore principale di Moxy. astronauta in pensione e professore presso il Dipartimento di aeronautica e astronautica del MIT in un comunicato stampa.

“È storico in questo senso.”

Il MOXIE è compatto – delle dimensioni di un tostapane – per consentire il posizionamento sul rover Perseverance. È progettato per funzionare per brevi periodi, iniziando e chiudendo ad ogni round, per allinearsi al programma di esplorazione del rover e ad altre responsabilità della missione.

Il MOXIE ampliato includerà unità più grandi che possono operare continuamente e potenzialmente essere inviate su Marte prima di una missione umana di produzione di ossigeno al ritmo di diverse centinaia di alberi. Ciò gli consentirebbe di generare – e immagazzinare – abbastanza ossigeno per supportare gli umani una volta arrivati ​​e rifornire di carburante un razzo per riportare gli astronauti sulla Terra.

READ  Il telescopio James Webb della NASA cattura le prime prove di anidride carbonica su un esopianeta WASP-39b

Michael ha affermato che la produzione stabile di MOXIE dall’arrivo su Marte è un primo passo promettente verso questo obiettivo, sebbene siano necessarie ulteriori regolazioni per assicurarsi che possa funzionare all’alba e al tramonto, tempi in cui la temperatura del pianeta cambia drasticamente. Hecht, investigatore principale della missione MOXIE presso l’Osservatorio Haystack del MIT.

I membri del progetto Mars 2020 della NASA stanno installando il Mars Oxygen Resource Utilization Experiment (MOXIE) nel telaio del Persevering Rover.

Come funziona MOXIE

La sottile atmosfera di Marte è composta per il 96% da anidride carbonica, che non è di grande aiuto per la respirazione dell’ossigeno.

È anche molto più diversificata dell’atmosfera terrestre. “La densità dell’aria può variare fino a due volte durante l’anno e la temperatura può variare di 100 gradi”, ha detto Hoffman. “Uno degli obiettivi è dimostrare che possiamo correre (MOXIE) in tutte le stagioni».

MOXIE funziona scindendo le molecole di anidride carbonica, che sono composte da un atomo di carbonio e due atomi di ossigeno, da cui la sua formula chimica CO2. Separa le molecole di ossigeno ed emette monossido di carbonio come prodotto di scarto.

Il rover perseverante ha creato ossigeno su Marte

Gli ingegneri stanno ancora testando MOXIE. Hanno in programma di aumentare la sua capacità e aumentare la sua produzione, concentrandosi sui mesi primaverili marziani quando i ricercatori hanno affermato che la densità atmosferica e i livelli di anidride carbonica in particolare alto.

“Il prossimo round sarà durante la più alta densità dell’anno e vogliamo solo produrre più ossigeno possibile”, ha detto Hecht. “Imposteremo tutto il più in alto possibile e lo faremo funzionare il più a lungo possibile”.

MOXIE sembra anche essere potente. Ha funzionato con successo nonostante dovesse accendersi e spegnersi ripetutamente per la corsa di prova, uno stress termico che può degradare il sistema nel tempo. Ciò indicherebbe che un sistema su larga scala, progettato per funzionare continuamente, potrebbe farlo per migliaia di ore, Lo afferma un comunicato stampa del Massachusetts Institute of Technology.

READ  Misteriose sfere di vetro avvistate dal rover cinese sulla superficie lunare

“Per supportare una missione umana su Marte, dobbiamo portare molte cose dalla Terra, come computer, tute spaziali e habitat”, ha affermato Hoffman nella dichiarazione. “Ma stupido vecchio ossigeno? Se riesci ad arrivarci, vai a trovarlo – sei molto più avanti del gioco.”