Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La richiesta di scambio di Kevin Durant non è un punto di potenziamento dei giocatori NBA, è un sottoprodotto dello scambio

LAS VEGAS – Sembra Kevin DurantS Richiesta commerciale Sarà un punto di svolta per l’era dell’empowerment dei giocatori, un’opportunità per i proprietari di squadre NBA di ripristinare il paradigma dopo oltre un decennio di celebrità.

Dopotutto, se una star che entra in un’estensione di quattro anni del valore di quasi $ 200 milioni nel mercato di New York se ne va, un contratto tra giocatore e squadra potrebbe essere scritto con l’inchiostro che scompare.

Il tempo che è iniziato LeBron James Esercita il diritto di lasciare la sua città natale come free agent Cleveland Cavaliers Per Miami nel 2010, dopo l’appello di Durant, che raccontava tutto il caos, nel 2010 c’è stato un trambusto per i giocatori di prendere e andare dove volevano.

Il commissario NBA Adam Silver ha parlato di equilibrio E negli ultimi 20 anni la lega ha cercato di percorrere una linea sottile tra riconoscimento ed evoluzione.

“Penso che sia importante sia per noi che per l’associazione dei giocatori sederci e concordare sui principi in gioco qui, che è la santità dei contratti e il desiderio di stabilità che riguarda non solo quel giocatore, ma anche altri giocatori”, ha detto Silver . Dopo la riunione del Consiglio dei governatori a Las Vegas martedì. “Abbiamo un rapporto molto produttivo con l’associazione dei nostri giocatori. Non elimineremo completamente i giocatori che chiedono di essere spostati, ma troveremo un modo per riportare l’attenzione sul campo.

Diverse fonti della lega hanno riferito a Yahoo Sports che la mobilità dei giocatori non è stata discussa tra i proprietari delle squadre NBA, anche se è certo che verrà discussa in qualche modo quando la National Basketball Association e i proprietari delle squadre negozieranno il prossimo round di contrattazione collettiva.

Grandi argomenti all’ordine del giorno questa volta: il divario tra i team del grande mercato e del piccolo mercato, alla moda, i ricchi e i ricchi e il futuro delle entrate legate agli accordi televisivi locali e nazionali.

Questo non vuol dire che qualcuno come Durant che richiede uno scambio non abbia inviato onde d’urto attraverso l’ecosistema NBA, ma, come ha sottolineato il proprietario di una squadra a Yahoo Sports, reti Non c’è bisogno di scambiarlo.

READ  Il CDC porta l'Ucraina al massimo rischio di viaggio Covid-19

“Il problema dei giocatori che vogliono essere scambiati nel corso degli anni non è stato proprio lì [remaining]”ha detto il titolare della squadra. “Onestamente, i giocatori in quella posizione possono testare la loro influenza, ma alla fine della giornata sono sotto contratto e non devi scambiarli”.

La richiesta di scambio di Kevin Durant dai Brooklyn Nets non è stata certo un punto di svolta per l’era del potenziamento dei giocatori nella NBA. (Elsa/Getty Images)

Per essere chiari, Sliver ha detto “Non ci piace che i giocatori richiedano scambiE non vogliamo che le cose vadano così com’è,” e da qui, senza questa nuvola incombente sulle loro teste, sarebbe una mossa intelligente per i Brooklyn Nets scambiare Durant il prima possibile. Durant o Porro.

Data la quantità di agenti che ha nell’organizzazione Nets, non importa se Durant vuole andarsene o meno. I Nets hanno affrontato tutti i loro problemi a causa di Kyrie Irving e Durant, assumendo Steve Nash come capo allenatore con la benedizione di Durant e sicuramente dando più peso alla sua voce.

Ma questa è la via della NBA, la struttura del potere è inclinata e non sembra tornare presto. Per una star che vuole partire, sono tante le star che scelgono di restare. Per le star che vogliono andarsene, c’è una squadra con scelte al draft, cap space e un tesoro in attesa di assorbire una stella ribelle.

Non va bene per tutti, ma non lo è mai stato. Nell’era dell’espansione post-playoff (dal 1984) non c’erano molte squadre con un timbro del campionato, ma quello non era lo standard per ogni fuoriclasse o franchigia.

“Non credo che cambierà”, ha detto a Yahoo Sports un direttore generale.

L’NBA potrebbe sopportare un’estate tranquilla, i fan potrebbero vedere del tessuto connettivo tra i giocatori e le squadre e la storia sarebbe un po’ più sfumata. Ma nella continua ricerca della supremazia globale da parte della lega, il costante clamore e il rimanere nel ciclo delle notizie a luglio non sembra infastidirli, anche se sono lontani dalle partite da novembre ad aprile.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

“In effetti, crea un senso di rinnovamento in alcuni mercati e offre a giocatori e squadre maggiori opportunità di ricostruire, di cambiare le circostanze”, ha detto Silver. “Vuoi trovare il giusto mix. Alla fine, tutto nasce dal gioco. Quindi non vogliamo che il gioco sia un’ombra per i social media e tutti gli intrighi che circondano i nostri giocatori.

Il terreno è molto stratificato e non lineare. La prima responsabilità di un giocatore è verso se stesso o la sua franchigia? Di per sé, o l’NBA in generale? Sono tutti programmi in conflitto piuttosto che correre sulla stessa pista.

Blake Griffin è stato scambiato sei mesi dopo aver detto al mondo che era un “Clipper per la vita” e Rudy Gobert ha firmato un’estensione del contratto di cinque anni con gli Utah Jazz prima dell’inizio della stagione 2020-21. In precedenza – senza richiesta commerciale generale.

Ovviamente, nessuno di questi giocatori ha la statura di Durant, un giocatore generazionale con la responsabilità intrinseca di portare il campionato sulle spalle sottili.

Solo pochi giocatori hanno questa gravità. Non tutte le stelle perenni sviluppano questo interesse.

È una preoccupazione, ma un po’ esagerata.

Non è impossibile, ma quando parole come “eredità” vengono usate in modo improprio per discutere della reputazione di una superstar, è difficile chiedere a un franchise o all’NBA di trascurare un giocatore, come se non fosse una mossa. L’obiettivo non è concreto finché non ci prendiamo il tempo per fare diversi respiri profondi.

Per i giocatori delle generazioni precedenti, era più facile far crescere le radici e piantarle dove erano state disegnate. Il libero arbitrio non era un’opzione e il ciclo di notizie di 24 ore non valutava le loro carriere in tempo reale come fa ora. E i soldi, mentre i tempi sono grandi, non sono astronomici.

I giocatori, i proprietari delle squadre e la lega hanno stipulato un accordo per far crescere il gioco, responsabili di rendere la torta abbastanza grande da poter essere mangiata da tutti.

Bene, la torta è molto più grande ora, costruita grazie all’equità sudata dei giocatori che hanno contribuito a portare il gioco a livello globale e sono migliorati dalle stelle di oggi. Potrebbe diventare ancora più grande in un paio d’anni quando l’accordo sui diritti TV finirà, aggiungendo più soldi alle casse dei proprietari delle squadre e alle tasche dei giocatori.

READ  Un portavoce di Trump ha citato in giudizio il comitato del 6 gennaio per i registri finanziari

La prova degli ultimi due campioni, i Milwaukee Bucks e i Golden State Warriors, è il più grande elisir. Entrambi sono ancorati da star (Giannis Antetokounmpo e Stephen Curry) che trasudano stabilità sul pavimento e nell’organizzazione, organizzazioni che hanno scavato a fondo nelle risorse finanziarie e per di più: le star si sono fidate delle organizzazioni per svolgere il loro lavoro in modo efficiente.

È un modello per la prossima generazione di stelle a cui aspirare a copiare. Nonostante tutti i meravigliosi doni di Durant e il suo valido desiderio di lasciare quella che sembra essere un’organizzazione instabile, le squadre non sono in fila con l’offerta migliore per portarlo via.

Cosa impedisce a Durant di fare la stessa cosa 12 mesi dopo, alcuni gruppi opinano apertamente. Questo non è un colpo a Durant, ma alcune squadre non sanno cosa ci vorrà per fargli rimanere.

È una conseguenza involontaria, creata dalla NBA per proteggere le sue squadre da decisioni sbagliate. I contratti a lungo termine (da sei a sette anni) sono stati notevolmente ridotti, aiutando a sbarazzarsi di cattivi affari che significavano che anche le star più affidabili avrebbero colpito il libero arbitrio più volte durante una lunga carriera.

Mentre i giocatori più anziani assorbono gran parte del limite, i contratti da principiante che sopprimono le buste paga anticipate, il che significa che opteranno sempre per la stabilità sul front-end e si preoccuperanno della geografia in seguito, spesso sotto forma di richiesta di scambio. .

Non esiste una soluzione perfetta, in quanto il mercato determinerà la prossima tendenza: se un giocatore deve rimanere o se deve giocare a kicker nei primi anni di contratto quando si tratta di campionato e NBPA.

Ma la richiesta di Durant non è un punto di svolta o un punto di svolta nell’era del potenziamento dei giocatori, perché nessuno lo vuole davvero.