Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia afferma che non intraprenderà alcuna azione immediata sulla navicella spaziale Soyuz danneggiata

La Russia afferma che non intraprenderà alcuna azione immediata sulla navicella spaziale Soyuz danneggiata
Ingrandire / Tre ore dopo che la perdita di refrigerante è stata inizialmente scoperta mercoledì notte, ha continuato a funzionare.

TV della NASA

Dopo aver lavorato durante il fine settimana per determinare meglio i danni alla sua navicella Soyuz attaccata alla Stazione Spaziale Internazionale, gli specialisti russi hanno deciso di non intraprendere alcuna azione immediata.

in Lunga dichiarazione Pubblicando lunedì mattina (è necessaria una VPN per accedere al sito dai paesi occidentali), la compagnia spaziale russa ha affermato di ritenere che un piccolo pezzo di detriti abbia strappato un circuito di raffreddamento esterno che irradia il calore dall’interno della Soyuz nello spazio.

Lavorando con la NASA domenica per far funzionare il braccio lungo del manipolatore Canadarm2, gli specialisti russi sono stati in grado di dare un’occhiata chiara all’area danneggiata nella parte posteriore della navicella Soyuz. Il foro ha un diametro di circa 0,8 mm, il che, nonostante le sue piccole dimensioni, ha permesso a tutto il refrigerante nell’anello esterno di essere scaricato nello spazio lo scorso mercoledì. Ancora più importante, un’ispezione visiva non ha rilevato altri danni evidenti alla Soyuz a causa dell’impatto con i detriti.

Parlando ai media russi lunedì, ha detto Ha detto il direttore generale di Roskosmos Gruppi di lavoro di specialisti trascorreranno circa un’altra settimana a valutare il problema. Yuri Borisov ha affermato che una decisione sulle azioni future verrà presa il 27 dicembre. A questo punto sono al vaglio due opzioni: trasferire tre membri dell’equipaggio sulla Terra all’interno della Soyuz MS-22 oppure volare autonomamente sulla successiva Soyuz in linea, la Soyuz MS-23, fino alla stazione per il viaggio di ritorno. La Soyuz potrebbe essere pronta a volare già dal 19 febbraio.

READ  Sotto l'Australia è stato identificato un pezzo di crosta terrestre di 4 miliardi di anni fa

L’equipaggio della Soyuz MS-22 della NASA e i cosmonauti Sergey Prokopyev, Dmitry Petlin e Frank Rubio sono partiti per la stazione spaziale a settembre. Dovevano tornare sulla Terra a marzo prima della drammatica perdita di refrigerante, che ora ha ritardato Ceren nello spazio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale mentre gli astronauti lavorano con i controllori di terra per valutare i danni alla Soyuz.

Senza un dispositivo di raffreddamento esterno funzionale, ci sono preoccupazioni per il surriscaldamento dell’interno della navicella Soyuz. Ciò potrebbe danneggiare i computer di volo sensibili, rendendo necessario un rientro manuale nell’atmosfera terrestre. Molto lavoro sarà probabilmente fatto durante la prossima settimana per capire come cambierà la temperatura interna del veicolo spaziale una volta che lascerà la stazione spaziale.

In effetti, Soyuz è un potente veicolo spaziale progettato per resistere a molti guasti. Certamente, i funzionari russi saranno desiderosi di utilizzare il veicolo spaziale esistente per tornare a casa, se possibile. Questo perché ci sarebbe un costo finanziario significativo se il veicolo spaziale Soyuz MS-23, che avrebbe dovuto portare tre nuovi passeggeri alla stazione a marzo, dovesse essere dirottato ai fini di questo viaggio di ritorno.

Poiché Rubio è uno dei tre membri dell’equipaggio programmati per tornare a casa, anche la NASA sta esaminando attentamente i dati. Finora, l’agenzia ha offerto commenti pubblici limitati sulla questione, preferendo dare agli specialisti russi il tempo di lavorare sul problema e formulare raccomandazioni per i prossimi passi.

In questo momento, il pericolo maggiore arriverà se ci sarà un’emergenza sanitaria con Prokopyev, Petelin o Rubio, o se c’è un problema con la stazione che costringe a un’evacuazione di emergenza. Al momento, non è certo che la Soyuz MS-22 sia una capace scialuppa di salvataggio.

READ  Il razzo cinese da 21 tonnellate cadrà sulla Terra dopo il lancio della stazione spaziale