Dicembre 8, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna afferma che la Russia è molto probabilmente responsabile della fuga di gas del Nord Stream

La Spagna afferma che la Russia è molto probabilmente responsabile della fuga di gas del Nord Stream

BORNHOLM, DANIMARCA – 27 SETTEMBRE: La difesa danese mostra una fuga di gas nel Nord Stream 2 da un aereo intercettore F-16 danese a Bornholm, in Danimarca, il 27 settembre 2022.

Difesa danese / | Agenzia Anadolu | Getty Images

Lo ha detto giovedì il ministro dell’Energia spagnolo Teresa Ribera Danni a due gasdotti sottomarini Nord Stream Molto probabilmente è stato un attacco premeditato legato al governo russo.

“È stato un atto deliberato e, secondo me, potrebbe probabilmente essere collegato alla spinta per la continua provocazione da parte del Cremlino”, ha detto ai giornalisti la Reuters ha citato Ribera.

Non è stato possibile raggiungere il ministero degli Esteri russo per un commento quando è stato contattato dalla CNBC giovedì mattina.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato mercoledì che le accuse secondo cui la Russia era dietro il sospetto attacco erano “sciocche”.

La causa della fuga di gas non è ancora nota. La polizia svedese sta attualmente indagando sulle fughe di notizie e sull’Unione europea sospetti di sabotaggioSoprattutto perché l’incidente arriva nel mezzo di un’amara crisi energetica tra Bruxelles e Mosca.

I gasdotti Nord Stream 1 e 2 collegano la Russia con la Germania attraverso il Mar Baltico.

Lunedì, i sismologi hanno segnalato esplosioni vicino all’insolita fuga di gas Nord Stream, che si trova in acque internazionali ma all’interno delle zone economiche esclusive di Danimarca e Svezia.

Le esplosioni hanno portato a un deflusso di gas nel Mar Baltico. Le forze armate danesi hanno affermato che una videocassetta ha mostrato che la più grande perdita di gas ha causato un disturbo alla superficie di circa un chilometro (0,62 miglia) di diametro, mentre la più piccola perdita ha causato un cerchio alto circa 200 metri.

READ  La Russia investe un'offensiva "sproporzionatamente costosa" per catturare Bakhmut nonostante lo scarso vantaggio strategico: l'intelligence britannica

“È stato un atto deliberato e, secondo me, molto probabilmente legato alla spinta per una provocazione in corso da parte del Cremlino”, ha citato Ribera ai giornalisti giovedì.

Notizie stampa Europa | Europa Stampa | Getty Images

Josep Borrell, coordinatore della politica estera dell’UE messo in guardia Misure di ritorsione “forti e unite” se vengono rilevate prove di interruzione intenzionale.

I suoi commenti hanno fatto eco alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha promesso che qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche attive dell’Europa si tradurrebbe in “la risposta più forte possibile”.

In particolare, nessuno dei due ha incolpato direttamente la Russia per il sospetto attacco.

Secondo quanto riferito, le navi russe sono state viste vicino all’area delle perdite

Canale di notizie americano della CNN menzionato Giovedì, citando tre fonti anonime, che funzionari della sicurezza europea hanno notato la presenza di navi e sottomarini della Marina russa vicino all’area delle perdite nei gasdotti Nord Stream.

Quando è stato chiesto al Cremlino di commentare il rapporto della CNN, Peskov ha detto che c’era una presenza della NATO molto più ampia nella regione.

Il Consiglio Nord Atlantico, il principale organo decisionale politico nell’alleanza militare occidentale NATO, Egli ha detto In una dichiarazione rilasciata giovedì, ha affermato: “Qualsiasi attacco deliberato contro infrastrutture alleate critiche riceverà una risposta unificata e risoluta”.

“Tutte le informazioni attualmente disponibili indicano che questo è il risultato di atti di sabotaggio intenzionali, sconsiderati e irresponsabili. Queste perdite causano rischi di spedizione e danni ambientali significativi”, ha affermato il consiglio.

Nessuno dei due gasdotti stava pompando gas al momento delle perdite, ma entrambi erano compressi: il Nord Stream 1 ha smesso di pompare gas in Europa “a tempo indeterminato” all’inizio di questo mese, con l’operatore di Mosca che ha affermato che le sanzioni internazionali alla Russia hanno impedito di svolgere lavori di manutenzione vitali .

Nel frattempo, il gasdotto Nord Stream 2 non è mai stato ufficialmente aperto poiché la Germania ha rifiutato di certificarlo per operazioni commerciali a causa di Invasione russa dell’Ucraina.

– Holly Eliat della CNBC ha contribuito a questo rapporto.