Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La tempesta tropicale Martin si trasforma in un uragano mercoledì

La tempesta tropicale Martin si trasforma in un uragano mercoledì

Martedì, la tempesta tropicale Martin si è formata nell’Atlantico settentrionale centrale, diventando la tredicesima tempesta della stagione degli uragani atlantici del 2022 e la seconda a formarsi in due giorni. I meteorologi hanno detto che avrebbe dovuto trasformarsi in un uragano mercoledì.

La tempesta era 680 miglia a est-nordest di Bermuda, Lo ha detto il National Hurricane Center. Si stava muovendo verso est a 10 miglia orarie e non rappresentava un pericolo immediato per l’atterraggio, ma ci si aspettava che virasse a nord-est, aumentasse la sua velocità e potenzialmente influisse sulle rotte marittime.

Il centro per gli uragani ha affermato che la tempesta dovrebbe trasformarsi in un uragano mercoledì pomeriggio o notte e passare a un forte ciclone extratropicale giovedì.

un altro sistema meteorologico, Tempesta tropicale Lisasi stava spostando a ovest attraverso i Caraibi occidentali e dovrebbe rafforzarsi martedì mentre passa a sud delle Isole Cayman nei Caraibi occidentali, prima di raggiungere lo stato di uragano mercoledì.

A una tempesta viene dato un nome dopo che raggiunge velocità del vento di almeno 39 miglia orarie.

La stagione degli uragani atlantici, che va da giugno a fine novembre, È stato un inizio relativamente tranquillocon solo tre tempeste nominate prima del 1 settembre e nessuna tempesta nel mese di agosto, la prima volta che si è verificata dal 1997. L’attività delle tempeste è aumentata all’inizio di settembre con Daniele E il Conteche si sono formati entro un giorno l’uno dall’altro. Entro la fine di settembre, L’uragano Ian ha colpito la costa della Florida Come un uragano di categoria 4, una delle tempeste più potenti che ha colpito gli Stati Uniti negli ultimi dieci anni.

READ  L'Ucraina dovrebbe avvicinarsi alla candidatura Ue: aggiornamenti in tempo reale

All’inizio di agosto, gli scienziati della National Oceanic and Atmospheric Administration Emettere previsioni aggiornate Per il resto della stagione, che richiede comunque un livello di attività superiore al normale. In esso, anticipa la stagione: potrebbe vedere da 14 a 20 tempeste con nome, con da sei a 10 che si trasformano in uragani con venti sostenuti di almeno 74 mph.

L’anno scorso ci sono state 21 tempeste con nome Record 30 nel 2020. Negli ultimi due anni, i meteorologi hanno esaurito l’elenco dei nomi utilizzati per identificare le tempeste durante la stagione degli uragani atlantici, un evento che si è ripetuto solo nel 2005.

I legami tra uragani e cambiamenti climatici stanno diventando più chiari ogni anno che passa. I dati lo dimostrano Gli uragani stanno diventando più forti in tutto il mondo negli ultimi quattro decenni. Un pianeta in fase di riscaldamento può aspettarsi uragani più forti nel tempo e una percentuale maggiore di tempeste più forti, sebbene il numero totale di tempeste possa diminuire, perché fattori come un forte wind shear possono impedire la formazione di tempeste più deboli.

Anche gli uragani sono diventati più umidi a causa della maggiore quantità di vapore acqueo nell’atmosfera più calda; Gli scienziati hanno suggerito tempeste come L’uragano Harvey nel 2017 Ha prodotto molta più pioggia di quanta ne sarebbe stata se non fosse stato per le influenze umane sul clima. Inoltre, l’innalzamento del livello del mare contribuisce all’aumento delle mareggiate, la componente più distruttiva dei cicloni tropicali.