Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Turchia ferma il petrolio non soggetto a sanzioni russe, aumentando le preoccupazioni per l’approvvigionamento energetico

La Turchia ferma il petrolio non soggetto a sanzioni russe, aumentando le preoccupazioni per l'approvvigionamento energetico

Navi da carico e navi attraversano il Bosforo, uno specchio d’acqua che collega il Mar Nero con il Mar di Marmara e il Mar Mediterraneo passando per Istanbul, in Turchia. Sopra, la petroliera Taganrog sul fiume Volga, battente bandiera russa, passa a sud attraverso lo stretto del Bosforo nell’ottobre 2022.

Norfoto | Norfoto | Immagini Getty

Le petroliere piene di petrolio kazako sono invischiate in ritardi di viaggio attraverso lo stretto del Bosforo a causa delle nuove prove di misure assicurative della Turchia per le navi che trasportano petrolio russo ora soggette a Le sanzioni dell’Unione Europea e il prezzo massimo dei paesi del G7.

Il petrolio kazako passa attraverso un oleodotto attraverso la Russia e viene caricato su petroliere nel porto di Novorossijsk. I funzionari possono rintracciare la fonte del petrolio sulla polizza di carico.

“Sembra che tutte, tranne una, delle venti petroliere cariche di greggio in attesa di attraversare lo stretto stiano trasportando petrolio kazako”, ha detto alla CNBC un funzionario che ha fissato il tetto massimo. “Queste spedizioni non saranno soggette a limiti di prezzo in nessun caso e non dovrebbero esserci cambiamenti nel loro stato assicurativo rispetto alle spedizioni kazake nelle settimane o nei mesi precedenti”, ha affermato il funzionario, che non è stato identificato a causa della natura sensibile. delle questioni geopolitiche.

In base al numero di navi, sono stati sospesi più di 20 milioni di barili di petrolio per un valore di circa 1,2 miliardi di dollari.

Le nuove norme assicurative turche per le petroliere che trasportano greggio russo hanno rallentato il movimento delle petroliere al largo delle coste turche e tra i porti russi del Mar Nero e del Mediterraneo dall’inizio di questa settimana, quando sono entrati in vigore limiti di prezzo e sanzioni.

READ  Immagini della portaerei della US Navy da 13 miliardi di dollari, la USS Gerald R. Guado

Se i ritardi aumentano, le raffinerie cercheranno forniture alternative da altri paesi o taglieranno la capacità perché non hanno abbastanza petrolio, influenzando le forniture di benzina e diesel, ha affermato Andrew Lipow, presidente di Lipow Oil Associates.

“Se continua così per un’altra settimana, inizieremo a vedere un impatto sul mercato petrolifero”, ha affermato Lipow.

Tra gli acquirenti di olio Rainbow ci sono l’Asia, l’Europa e alcuni volumi sulla costa orientale degli Stati Uniti.

Aumento dei tempi di attesa per i vettori

Nikos Potitakis, portavoce della compagnia, ha dichiarato: “Potremmo vedere un elenco crescente di petroliere di petrolio greggio e prodotti chimici in attesa di attraversare il Bosforo da entrambi i lati, con una varietà di destinazioni AIS segnalate, tra cui principalmente Turchia e Russia, ma anche Ucraina, Georgia e Italia. traffico marittimo. Le navi in ​​questione battono bandiera di Russia, Grecia, Liberia e Isole Marshall.

Mercoledì, il vice segretario al Tesoro degli Stati Uniti Wali Ademo ha parlato con il vice ministro degli Esteri turco Sedat Onal per discutere l’attuazione dei massimali di prezzo per il petrolio russo trasportato via mare. Adeyou ha sottolineato che il sistema del prezzo massimo si applica solo al petrolio di origine russa e non richiede ulteriori ispezioni sulle navi che transitano nelle acque territoriali turche, secondo una dichiarazione del Dipartimento del Tesoro. I due funzionari hanno affermato che un semplice regime di conformità da parte della Turchia per consentire al petrolio trasportato via mare di passare attraverso lo stretto turco aiuterebbe a mantenere i mercati energetici globali ben riforniti.

“La politica del prezzo massimo non richiede alle navi di cercare garanzie assicurative uniche per ogni singolo viaggio, come richiesto dalla legge turca”, ha detto il funzionario del prezzo massimo alla CNBC. “Questi disordini sono il risultato del dominio turco, non della politica del price cap”.