Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’amministrazione Biden considera un programma di libertà vigilata umanitaria per i venezuelani

L'amministrazione Biden considera un programma di libertà vigilata umanitaria per i venezuelani

WASHINGTON – L’amministrazione Biden sta valutando un programma di libertà vigilata umanitaria per i venezuelani che sono fuggiti in massa dall’instabilità politica e dalla povertà, secondo funzionari dell’amministrazione che hanno familiarità con il piano proposto, che l’amministrazione spera scoraggerà i venezuelani dall’attraversare illegalmente il confine sud-occidentale.

Se attuato, il programma per i venezuelani sarebbe simile a quello di a Programma umanitario per gli ucrainiche consente a un familiare oa uno sponsor negli Stati Uniti di presentare domanda per conto del rifugiato e l’obbligo di fornire loro assistenza finanziaria mentre si trovano nel paese.

Sebbene il programma ucraino abbia ricevuto un sostegno bipartisan, i repubblicani sono stati meno accoglienti nei confronti dei venezuelani, con oltre 150.000 arrestati al confine sud-occidentale degli Stati Uniti da ottobre 2021 fino alla fine di agosto.

Il programma di libertà vigilata umanitaria non si applicherà ai venezuelani già nel Paese, ma la speranza è che incoraggi gli immigrati a cercare rifugio più vicino a casa ea recarsi negli Stati Uniti piuttosto che viaggiare verso nord a piedi e attraversare il confine illegalmente. I venezuelani nel loro paese d’origine o che hanno attraversato legalmente un paese vicino avranno diritto a presentare domanda per il programma. I porti ufficiali di ingresso sono stati chiusi agli immigrati dall’inizio della pandemia, costringendo di fatto coloro che intendono raggiungere gli Stati Uniti a prendere una strada più pericolosa da attraversare illegalmente.

Funzionari dell’amministrazione hanno parlato a condizione di anonimato per discutere un piano che non è stato ancora finalizzato.

Dal momento che Washington e Caracas non hanno relazioni diplomatiche formali, gli Stati Uniti non sono stati in grado di restituire la maggior parte dei venezuelani che entrano nel paese e si arrendono ai funzionari di frontiera. Invece, l’amministrazione ha concesso alla maggior parte dei permessi di rimanere temporaneamente nel paese e di affrontare procedimenti di espulsione presso il tribunale per l’immigrazione.

READ  Le forze ucraine si arrendono a Mariupol registrati come prigionieri di guerra

In un significativo allontanamento da questo processo, in base al nuovo piano, l’amministrazione espellerà molti venezuelani che non hanno uno sponsor o attraversano illegalmente. Saranno espulsi in Messico sotto l’autorità sanitaria pubblica – nota come Titolo 42 – istituita all’inizio della pandemia. Questo è possibile solo perché il Messico ha recentemente accettato di accogliere i venezuelani che sono stati espulsi dagli Stati Uniti con il titolo 42, secondo i funzionari.

Non è stato immediatamente chiaro quale sarebbe stata l’intera portata del programma di libertà vigilata umanitaria e perché l’amministrazione lo sta considerando ora. I sostenitori dell’immigrazione chiedono da tempo un processo più snello che permetta agli immigrati vulnerabili di entrare nel paese senza ricorrere alla violazione della legge statunitense. Ma si oppongono con veemenza all’uso continuato del potere della salute pubblica, che un tribunale federale ha impedito all’amministrazione Biden di revocare all’inizio di quest’anno.

Durante le amministrazioni Obama e Trump, le famiglie messicane e centroamericane costituivano la maggior parte di coloro che hanno attraversato il confine per cercare protezione negli Stati Uniti. Ma l’amministrazione Biden si è affrettata a trovare modi per scoraggiare più popolazioni che storicamente non sono state invase in numero record, compresi i venezuelani. Durante il mandato di Biden, alti funzionari della Casa Bianca sono stati preoccupati per le critiche di repubblicani e democratici secondo cui l’amministrazione non dispone di un modo organizzato per processare e respingere gli immigrati che non hanno diritto all’asilo.

negli ultimi mesi, Migliaia di venezuelani compiono il pericoloso viaggio attraverso il Darien Gap Tra Sud e Centro America per raggiungere gli Stati Uniti. La maggior parte di coloro che sono autorizzati a rimanere temporaneamente alla fine dovranno affrontare procedure di espulsione che probabilmente richiederanno anni. Il Stime ONU Più di 6,8 milioni di venezuelani sono fuggiti dal loro paese.

I venezuelani rappresentavano ancora solo il 7% circa di tutti i valichi nel sud-ovest tra lo scorso ottobre e la fine di agosto, secondo gli ultimi dati del governo.

“I venezuelani sono solo un gruppo. Vedi anche cubani e nicaraguensi che arrivano a frotte”, ha detto Chris Ramon, un consulente per l’immigrazione che ha scritto per l’Immigration Policy Institute e il George W. Bush Institute. “Questa politica non si occuperà di questi gruppi che ora stanno raggiungendo il confine”.

Un piano allo studio della Casa Bianca fino alla scorsa settimana includeva l’offerta della stessa libertà condizionale umanitaria a cubani, haitiani e Nicaragua, secondo funzionari che hanno familiarità con le discussioni. Non è stato immediatamente chiaro il motivo per cui queste nazionalità sono state infine escluse. Secondo gli ultimi dati disponibili del governo, le persone provenienti da Cuba, Nicaragua e Venezuela rappresentavano circa un quarto del numero totale di migranti che hanno attraversato il confine sud-occidentale tra lo scorso ottobre e la fine di agosto.

Biden ha detto il mese scorso“Quello che vedo ora sono Venezuela, Cuba, Nicaragua e poterli rimandare in quei paesi non è razionale”.

Gli Stati Uniti non hanno rimpatriato la maggior parte degli immigrati da Cuba e dal Nicaragua a causa dell’instabilità politica in corso in quei paesi e probabilmente continueranno a rilasciarli provvisoriamente fino a quando non dovranno affrontare un’udienza presso un tribunale per l’immigrazione in cui potranno tentare di sostenere che non dovrebbero essere espulsi.

READ  Il Cile "punisce" i responsabili della dolina vicino alla miniera di rame

La Casa Bianca è stata a lungo diffidente nell’apportare modifiche alla sua politica di confine che potrebbero incoraggiare più immigrati ad attraversare illegalmente.

Gli appelli a proteggere gli immigrati venezuelani sono aumentati dopo che il governatore Ron DeSantis, un repubblicano della Florida, Volò un gruppo di immigrati per lo più venezuelani che è entrato illegalmente nel paese a Martha’s Vineyard, un’isola di lusso al largo delle coste del Massachusetts, il mese scorso.

Il nuovo programma potrebbe avvantaggiare la Florida, “dove il turismo, l’edilizia e la ricostruzione dai disastri naturali dipendono interamente da immigrati e rifugiati”, ha affermato Rebecca Shea, direttore esecutivo del gruppo di difesa delle imprese, l’American Business Immigration Alliance.