Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’analisi del DNA ha rivelato l’identità di misteriosi fossili trovati in una grotta cinese

L'analisi del DNA ha rivelato l'identità di misteriosi fossili trovati in una grotta cinese

Nel 1989, un femore e parte di un cranio sono stati trovati in una grotta nella provincia cinese dello Yunnan, nella regione sud-occidentale del paese.

La datazione al radiocarbonio condotta nel 2008 sui sedimenti in cui sono stati trovati i fossili suggerisce che abbiano circa 14.000 anni, il che significa che risalgono a un periodo di tempo in cui l’Homo sapiens (l’uomo moderno) emigrò in molte parti del mondo.

Tuttavia, le caratteristiche primitive delle ossa hanno infastidito gli scienziati, che si sono chiesti a quale tipo di umano appartenessero i fossili.

La forma del cranio ricorda quella dei Neanderthal – un antico gruppo umano scomparso circa 40.000 anni fa – e sembra che il cervello sarebbe stato più piccolo di quello degli umani moderni.

Di conseguenza, alcuni esperti di evoluzione umana hanno pensato che il teschio potesse appartenere a un gruppo ibrido di umani antichi e moderni o forse a una specie umana precedentemente sconosciuta che coesisteva accanto alla nostra. I ricercatori hanno dato al gruppo il nome Red Deer People dal nome della grotta dove sono stati trovati i resti.

Ora, gli scienziati cinesi hanno estratto materiale genetico dalla calotta cranica e sequenziato il DNA. Hanno scoperto che il teschio apparteneva a una femmina, che molto probabilmente era un diretto antenato degli umani, un membro dell’Homo sapiens. sapiens – non un tipo di essere umano precedentemente sconosciuto.

“L’antica tecnologia del DNA è uno strumento davvero potente”, ha affermato Ping Su, professore al Kunming Institute of Zoology. presso l’Accademia cinese delle scienze dello Yunnan che ha partecipato alla ricerca, in un comunicato stampa. “Ci dice in modo definitivo che le persone nella Grotta dei Cervi Rossi erano umani moderni piuttosto che una specie antica, come i Neanderthal o i Denisoviani, nonostante le loro insolite caratteristiche morfologiche”.

READ  I muri invisibili nello spazio possono spiegare un problema che ha sconcertato gli scienziati

Su e colleghi condividono i loro risultati in uno studio pubblicato giovedì sulla rivista Current Biology. La loro analisi del genoma ha rivelato a quale individuo appartenevano le ossa Avevano livelli di ascendenza neanderthaliana e denisoviana simili a quelli degli umani moderni, indicando che non facevano parte di un gruppo ibrido che si incrociava tra loro.

Nella foto è raffigurato un teschio scoperto dalla Grotta dei Cervi Rossi nello Yunnan, in Cina.

Il DNA dei Denisoviani, un gruppo poco conosciuto di umani antichi, e i Neanderthal vivono in alcuni umani oggi. Questo perché molto tempo fa i nostri antenati Homo sapiens incontrarono questi gruppi mentre si diffondevano in tutto il mondo e si riproducevano con loro.

I primi americani?

I ricercatori hanno confrontato i genomi estratti dal DNA antico con i genomi di altre persone di tutto il mondo, sia moderne che antiche.

Hanno scoperto che le ossa appartenevano a un individuo che era strettamente imparentato con l’ascendenza dei nativi americani nell’Asia orientale. I ricercatori ritengono che questo gruppo di persone abbia viaggiato a nord verso la Siberia e poi abbia attraversato lo stretto di Bering per diventare alcuni dei primi americani.

“Il suo genoma riempie una parte mancante davvero importante della storia generale di come gli umani sono arrivati ​​nelle Americhe. Gran parte del lavoro si è concentrato sull’altro ramo di discendenza dei nativi americani – i siberiani – ma poco si sapeva fino a questo articolo sugli antenati dei nativi americani nell’Asia orientale. È davvero importante Comprendere questo ramo, perché rappresenta la maggior parte degli antenati dei nativi americani!” Jennifer Ruff, genetista e antropologa presso l’Università del Kansas e autrice di “Origin: A Genetic History of the Americhe”, ha detto via e-mail.

Aggiunto Raff, che non è stato coinvolto nella ricerca.

Questa è l'impressione artistica del popolo delle caverne del cervo rosso, che visse nello Yunnan, in Cina, circa 14.000 anni fa.

Funzionalità robuste

Ma cosa spiega le insolite caratteristiche morfologiche dei resti?

READ  Un micidiale asteroide dinosauro ha causato un brutale tsunami globale con onde alte fino a miglia

I ricercatori hanno descritto il genoma come dotato di “bassa copertura”, il che significa che non contiene dettagli sufficienti per fornire una spiegazione del motivo per cui le ossa sono diverse da Scheletri umani moderni. Il terreno acido e le condizioni calde e umide in cui è stato trovato il cranio hanno consentito agli scienziati di recuperare solo l’11,3% del genoma. Questa è stata la prima volta che il DNA è stato sequenziato da un fossile umano trovato nel sud della Cina.

Lo studio ha indicato che l’individuo a cui appartengono le ossa Aveva molta diversità genetica, suggerendo che un certo numero di diversi lignaggi dei primi esseri umani moderni dovevano coesistere nel sud-est asiatico durante la tarda età della pietra. Lo studio ha suggerito, forse, che l’area fosse un rifugio durante il culmine dell’era glaciale.

Nel 2012 ha pubblicato un fascicolo Il primo articolo scientifico internazionale sui fossiliche ha descritto come dotato di “un’anatomia molto rigida”.
Il DNA rivela le origini inaspettate di misteriose mummie sepolte nel deserto cinese

“Conosco questi fossili meglio di chiunque altro”, ha detto via e-mail Cornu, che non è stato coinvolto nell’ultimo studio. “Sono molto anatomicamente sconcertanti, anche se sono esseri umani moderni, come suggerisce il DNA”.

“Come possiamo riconciliarlo? Forse la forma anatomica delle persone in passato, per lunghi periodi di tempo, era molto flessibile e rispondeva all’ambiente e allo stile di vita di queste prime persone. Questo potrebbe essere qualcosa che abbiamo perso da quando abbiamo iniziato a coltivare. ”

L’analisi del genoma della Grotta dei Cervi Rossi potrebbe anche aiutare a costruire un quadro più completo degli antichi umani nell’Asia orientale e sudorientale, un luogo entusiasmante per i paleontologi.

È qui che sono state trovate alcune delle più antiche opere d’arte rupestre del mondo e misteriosi resti umani antichi, come ad esempio Hobbit di Flores in Indonesia E il Dragon Man nel nord della Cina, fu scoperto. altro Le scoperte fanno luce sui misteriosi Denisoviani.

Successivamente, il team cinese spera di trovare ulteriore supporto per le sue scoperte sequenziando il DNA umano antico utilizzando fossili del sud-est asiatico, in particolare quelli che precedono il popolo delle caverne dei cervi rossi.

READ  Ora sappiamo perché i getti dei buchi neri emettono radiazioni ad alta energia