Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’arbitro Karl Chivers ha difeso la durezza della chiamata di un passante contro Chris Jones

L'arbitro Karl Chivers ha difeso la durezza della chiamata di un passante contro Chris Jones

Raramente ci sono momenti nello sport che uniscono un intero pubblico di spettatori. Ma quando è stato riferito che Chris Jones avrebbe minacciato un passante del quarterback Derek Carr nel secondo quarto della vittoria per 30-29 dei Kansas City Chiefs sui Las Vegas Raiders lunedì, in pratica Tutto persona Guadare ero dubitare come tale per me Come colui il quale ero un Pena.

L’arbitro Karl Chivers aveva una visione buona come chiunque altro. Dopotutto, è lui che ha lanciato la bandiera a Jones. Come al solito, Chivers filo giornalista in piscina, in ESPN Adam Teicher, dopo il match per spiegare perché è stata lanciata la bandierina e se ha resistito alla chiamata che è stata fatta.

Se stai cercando il rimpianto, sei capitato nel posto sbagliato.

Chivers ha spiegato quando gli è stato chiesto perché Jones è stato punito per essere stato messo in Carr. “Ottiene piena protezione da tutti i lati di ciò che diamo al centrocampista in passaggio. Quindi, quando è stato gestito, il mio verdetto è stato che il difensore è caduto su di lui con tutto il peso. Il centrocampista è protetto dall’essere esposto a tutto il peso corporeo”.

Ciò che ha reso la chiamata ancora più confusa per molti spettatori, è stato che Jones si è anche spogliato e ha ripreso il pallone da Carr in azione. Il fatto che Jones possedesse un pallone da calcio non influirebbe sull’idea che avesse paura dei passanti?

“No”, rispose Chivers. “Perché riceve ancora una protezione di passaggio in modo da potersi difendere. Quindi, essendo in una posizione di passaggio e cercando effettivamente di passarlo, riceverà una protezione completa fino al momento in cui potrà effettivamente proteggersi. Il fatto che la palla è uscito e la difesa l’ha recuperato più tardi non è rilevante in quello che riguarda la protezione che ottiene il centrocampista”.

Schiacciamo un attimo i freni. Quindi, anche se Carr non possiede più il pallone quando Jones lo ha atterrato, viene comunque trattato come uno spettatore?

“Come se avesse lanciato la palla, ha comunque avuto protezione”, ha insistito Chivers. “È lo stesso qui. È solo una palla vagante di un altro tipo, ma otterrà comunque la protezione data ai giocatori in modalità passaggio. Ciò si estende dopo che non ha più il controllo della palla”.

Quella chiamata, secondo la spiegazione di Chivers, sembra dipendere dal fatto che Jones è atterrato su Carr a tutto il suo peso corporeo, su cui i funzionari si sono sempre più concentrati negli ultimi anni. Ciò che rimane senza risposta, tuttavia, è come ci si aspetterebbe che un essere umano di 310 libbre che si muove a piena velocità sollevi il suo peso corporeo dalla persona che sta (con successo) tentando di affrontare mentre tiene un pallone da calcio in una mano.

READ  Randy Gregory discute della settimana "pazza" che includeva il corteggiamento di Russell Wilson e che ha portato alla firma con i Denver Broncos

Non è chiaro se riceveremo una risposta adeguata a questa domanda. Forse la NFL farà un passo indietro e valuterà come dovrebbe procedere con giocate come quella che abbiamo visto lunedì sera. O forse sarebbe meglio che i difensori chiedessero educatamente il permesso ai loro centrocampisti prima di posizionarli ordinatamente sul prato.

Fortunatamente per Kansas City, è stata comunque in grado di scappare con una vittoria, rendendo questa chiamata discutibile una nota frustrata piuttosto che giustificare il motivo per cui hanno perso. Ma con queste sanzioni da grattacapo che continuano a fare notizia in tutta la NFL, spiegazioni come quelle offerte dai Chivers non dissipano molte preoccupazioni su come viene gestito lo sport.