Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Large Hadron Collider: gli scienziati dell’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) hanno osservato per la prima volta tre particelle “strane”

Large Hadron Collider: gli scienziati dell'Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) hanno osservato per la prima volta tre particelle "strane"

Gli scienziati che lavorano con il Large Hadron Collider hanno scoperto tre particelle subatomiche mai viste prima mentre lavorano per sbloccare i mattoni di base dell’universo, ha affermato martedì il Centro europeo per la ricerca nucleare (CERN).

L’LHC di 27 chilometri (16,8 miglia) al CERN è la macchina che ha trovato il bosone di Higgs, che insieme al campo energetico associato è ritenuto importante per la formazione dell’universo dopo il Big Bang 13,7 miliardi di anni fa.

Ora gli scienziati del CERN affermano di aver osservato un nuovo tipo di “pentaquark” e la prima coppia in assoluto di “tetraquark”, aggiungendo tre membri all’elenco dei nuovi adroni trovati all’LHC.

Aiuteranno i fisici a capire meglio come i quark sono legati insieme nelle particelle composite.

I quark sono particelle elementari che di solito si combinano in gruppi binari e tripli per formare adroni, come i protoni e i neutroni che compongono i nuclei atomici.

Tuttavia, raramente, può anche combinarsi in particelle di quattro quark e cinque quark, o tetraquark e cinque quark.
“Più analisi facciamo, più adroni esotici troviamo”, fisico Nils Toning ha detto in una nota.

“Stiamo vivendo un periodo di scoperta simile agli anni ’50, quando iniziò la scoperta dello ‘zoo di particelle’ degli adroni che alla fine portò al modello a quark degli adroni convenzionali negli anni ’60. Stiamo realizzando lo ‘zoo di particelle 2.0′”.

READ  La caratteristica "sorprendente" del panda gigante è stata sviluppata almeno sei milioni di anni fa