Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’astronauta della NASA ha detto che le tute di volo dei russi non erano una dichiarazione politica

L'astronauta della NASA ha detto che le tute di volo dei russi non erano una dichiarazione politica

C’erano tre cosmonauti russi Non hanno fatto una dichiarazione politica quando sono saliti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale a metà marzo Indossa tute da volo gialle e blu, i colori della bandiera ucraina, secondo un astronauta della NASA che era sulla stazione in quel momento per riceverle.

“Penso che le persone che indossavano questi vestiti non avessero idea che la gente potesse vedere che aveva qualcosa a che fare con l’Ucraina”, ha detto l’astronauta della NASA Mark Vande Hee, tornato sulla Terra la scorsa settimana. “Penso che ne fossero rimasti scioccati”.

Durante una conferenza stampa martedì, Vande Hai ha affermato che i colori sono quelli della Bauman State Technical University di Mosca, a cui hanno partecipato tutti i nuovi arrivati.

Il signor Vandy e il cosmonauta russo Pyotr Dobrov hanno trascorso 355 giorni in orbita. Loro e un altro cosmonauta russo sono atterrati in Kazakistan dopo un breve volo di ritorno sulla Terra in una capsula russa Soyuz. Mentre le relazioni tra Stati Uniti e Russia si sono deteriorate in superficie dopo l’invasione russa dell’Ucraina, i due paesi hanno continuato a cooperare come di consueto al fine di Porta gli astronauti a casa sani e salvi.

L’astronauta statunitense ha affermato di non aver prestato attenzione ai post aggressivi sui social media di Dmitry Rogozin, il capo del programma spaziale russo che ha condiviso un video in cui suggerisce che i russi potrebbero mettere alle strette Vande Hee sulla stazione spaziale.

“Francamente, ho sentito parlare dei tweet di mia moglie”, ha detto Vande Hei. “Non ho mai veramente inteso quei tweet come qualcosa da prendere sul serio. Finora ho avuto grande fiducia nella nostra collaborazione per prendere quei tweet come qualcosa che non fosse destinato a un pubblico diverso da me”.

READ  SpaceX e la NASA hanno rinviato la decodifica di speciali astronauti Ax-1 sulla Stazione Spaziale Internazionale

Ha detto che le persone alla stazione avevano già parlato dell’invasione russa dell’Ucraina. “Non era un argomento da cui mi sono allontanato con i miei compagni di squadra”, ha detto. “Non sono state discussioni molto lunghe, ma ho chiesto loro come si sentivano e talvolta ho posto domande specifiche”.

Il signor Vande Hey ha anche affermato di fidarsi dei suoi colleghi russi. “Ci siamo supportati a vicenda in tutto”, ha detto. “E non ho avuto remore a poter continuare a lavorare con loro. Ottimi professionisti, competenza tecnica e persone fantastiche.”

I 355 giorni consecutivi di Mr. Vandy Hee nello spazio hanno stabilito un record per la permanenza più lunga in orbita di un astronauta americano. Fisicamente, si sta ancora abituando alla gravità. “Non mi sento ancora a mio agio”, ha detto. “Ma gli esseri umani sono altamente adattabili. E penso che sia di buon auspicio”.

Ma mentalmente, la vita è quasi tornata alla normalità.

“Pensavo davvero che avrei continuato con questa prospettiva unica per apprezzare tutte le cose nuove dell’essere su questo pianeta”, ha affermato Vande Hei. “Sono un po’ deluso dal modo in cui mi sento naturalmente. Volevo che sembrasse un po’ più strano dopo il mio ritorno”.