Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’astronauta James McDevitt, che ha guidato le missioni Gemini e Apollo, è morto all’età di 93 anni

L'astronauta James McDevitt, che ha guidato le missioni Gemini e Apollo, è morto all'età di 93 anni



CNN

James McDevitt, l’ex astronauta della NASA che ha comandato le missioni Gemini IV e Apollo 9, è morto nel sonno la scorsa settimana a Tucson, in Arizona, ha detto la NASA in una dichiarazione lunedì. Aveva 93 anni.

McDevitt era circondato dalla sua famiglia e dai suoi amici quando è morto giovedì. Secondo la NASA.

Scelto per unirsi alla seconda classe di astronauti della NASA nel 1962, il lavoro di McDevitt durante la missione Apollo 9 ha svolto un ruolo importante nell’aiutare infine a far atterrare i primi umani sulla luna durante la missione Apollo 11. Il suo lavoro su Gemini IV ha contribuito a prolungare il tempo della primi esseri umani, ha detto la NASA, astronauti nello spazio, quasi raddoppiando la durata a quel punto nella prima storia dello spazio.

La missione Gemini IV nel 1965 è stata la prima missione di McDevitt come comandante, ed è stata la prima volta che l’astronauta americano Ed White si è avventurato fuori da una navicella spaziale in quella che alla fine divenne nota come passeggiata nello spazio.

“Negli anni successivi, è stata l’abilità che ha permesso agli esploratori dell’Apollo di camminare sulla luna e agli astronauti americani e ai loro partner di tutto il mondo di costruire la Stazione Spaziale Internazionale”, ha scritto la NASA nella dichiarazione.

La NASA ha affermato che questa missione di quattro giorni ha battuto il precedente record statunitense di 34 ore trascorse nello spazio durante la missione Mercury 9.

Anni dopo, McDevitt comandò la sua seconda missione, Apollo 9, che durò 10 giorni e fu lanciata il 3 marzo 1969, dal Kennedy Space Center della NASA. A lui si unirono il pilota del modulo di comando David Scott e il pilota del modulo lunare Russell Schweickart.

“Questo è stato il primo volo di un set completo di strumenti Apollo ed è stato il primo volo del modulo lunare”, ha affermato la NASA. “Hanno simulato le manovre che sarebbero state eseguite durante le vere missioni lunari”.

Pochi mesi dopo, nel luglio 1969, la NASA riuscì a far sbarcare umani sulla Luna.

In totale, McDivitt ha registrato più di 14 giorni nello spazio prima di ritirarsi dalla NASA nel 1972.

Ha ricevuto due medaglie dalla NASA Distinguished Service Medal e dalla NASA Exceptional Service Medal.

L’ex astronauta è nato a Chicago e si è diplomato al liceo di Kalamazoo, nel Michigan. Una dichiarazione della NASA afferma che ha conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale presso l’Università del Michigan, dove si è laureato per la prima volta nella sua classe nel 1959.

La sua università si è detta rattristata dalla sua perdita, osservando che i suoi contributi all’università hanno “ispirato generazioni di studenti”.

“La sua eredità di esplorazione spaziale vivrà come una parte centrale della nostra storia”. libri universitari in un tweet.
McDevitt si unì alla US Air Force nel 1951. Prestò servizio nella guerra di Corea e fece 145 missioni di combattimento. Ha ricevuto diverse medaglie, tra cui due Distinguished Air Service Medals, per il suo lavoro nell’esercito.

READ  Le esplosioni di supernova rivelano dettagli minuziosi sull'energia oscura e sulla materia oscura