Luglio 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’audizione della commissione del 6 gennaio di oggi si concentrerà sul tentativo di Trump di influenzare la magistratura – guarda dal vivo

Indaga il Comitato della Camera 6 gennaio Attacco alla capitale degli Stati Uniti L’audizione di giovedì si è concentrata sugli sforzi dell’allora presidente Donald Trump e un ex funzionario giudiziario Jeffrey Clark Dobbiamo fare pressione sul dipartimento per aiutare a cambiare i risultati delle elezioni del 2020.

Trump voleva licenziare il procuratore generale Jeff Rosen, che è subentrato nel dicembre 2020 dopo il procuratore generale. Bill Barr si dimette È diventato ufficiale – ed è stato sostituito da Clark, un avvocato ambientale che non ha portato avanti una causa penale. Il rappresentante Adam Kingsinger, che ha presieduto l’udienza di giovedì, ha detto che l’unica qualificazione di Clark era “farà ciò che il presidente vuole che faccia”.

Il presidente della commissione, Rep. ha detto Penny Thompson.

Nella testimonianza video, l’ex avvocato della Casa Bianca Eric Hershmann ha detto di Clark: “L’unica cosa che sai sulle sfide ambientali ed elettorali è che entrambi iniziano con ‘E’.

Giovedì tre ex ufficiali giudiziari hanno testimoniato davanti al pannello: l’ex vice procuratore generale ad interim Richard Donoku, l’ex procuratore generale ad interim Jeffrey Rosen e l’ex vice procuratore generale Steven Engel. Dono ha mostrato gli appunti manoscritti che aveva preso durante la sua telefonata con Trump, in cui l’ex presidente diceva: “Dì frode elettorale, lascia il resto a me e a me. [Republican] deputati».

Indagine sulla rivolta del Campidoglio
L’ex procuratore generale aggiunto per l’Ufficio del consulente legale Steven Engel, da sinistra, l’ex procuratore generale ad interim Jeffrey Rosen e l’ex vice procuratore generale Richard Donoku hanno prestato giuramento di testimoniare.

Jacqueline Martin / AB


La determinazione di Trump a stabilire Clark come il massimo funzionario delle forze dell’ordine della nazione è chiara: il record di invito alla Casa Bianca del 3 gennaio 2021 mostra che la giuria si riferiva già a Clark come procuratore generale ad interim. Ma tutti i vice procuratori generali hanno minacciato di dimettersi se Clark fosse a capo della magistratura, come ha testimoniato giovedì l’ex vice procuratore generale Steven Engel, a capo dell’ufficio del consulente legale, e questo fatto ha spinto Trump a riconsiderare.

Giovedì, Donoghue ha testimoniato che Clark voleva inviare una lettera al legislatore della Georgia in cui metteva in dubbio la sua integrità elettorale, affermando che “se il piano fosse stato autorizzato a procedere, avrebbe potuto precipitarci in una crisi costituzionale”. disse Donoku.

Dopo le elezioni del 2020, Trump ha incessantemente spinto la magistratura a indagare anche dopo che le sue accuse di frode elettorale sono state indagate e respinte. Ad un certo punto, il Dipartimento della Difesa ha avviato alcune indagini quando la magistratura si è rifiutata di agire sulla base di una teoria del complotto sostenendo che i satelliti italiani stavano trasferendo voti da Trump a Biden. Donok ha respinto la teoria definendola “assurda”.

Kinsinger ha detto che il comitato era a conoscenza del fatto che l’ex segretario alla Difesa Chris Miller aveva chiamato un collegamento in Italia per indagare sulla richiesta del satellite italiano.

Le note scritte a mano di Donoku si riferiscono ai massimi dirigenti di Trump nella magistratura, dicendo: “Potresti non seguire Internet come me”.

“Questo è un ottimo esempio di quanto lontano possa arrivare l’amministrazione del presidente Trump”, ha detto Kinsinger. “Cercando in Internet per supportare le sue teorie del complotto”.

Nel frattempo, CBS News ha appreso che mercoledì mattina era stata condotta una perquisizione a casa di Clark.

Giovedì, il repubblicano Matt Gates del Congresso e altri membri del GOP del Congresso si sono scusati con la Casa Bianca, secondo comunicazioni registrate e testimonianze registrate di ex aiutanti della Casa Bianca.

Cinque giorni dopo l’attacco al Campidoglio, il rappresentante Mo Brooks inviò alla Casa Bianca una lettera “in ottemperanza alla richiesta di Matt Gates, in cui raccomandava al presidente di ritenere “responsabili” i seguenti comitati: respingere le proposte del collegio elettorale di ogni membro del Congresso e senatore dell’Arizona e della Pennsylvania”.

Brooks, nel frattempo, ha risposto a un comunicato stampa della CBS scusandosi: “I democratici sono preoccupati per il fatto che la magistratura sarà oggetto di abusi perseguendo e imprigionando i repubblicani che agiscono in conformità con i loro obblighi costituzionali o legali ai sensi dell’articolo 3. USC 15”.

La giuria non ha fissato le date per la prossima udienza e Thompson ha detto che potrebbe essere a luglio all’inizio di questa settimana.

Ellis Kim ha contribuito a questo rapporto.

READ  La Nuova Zelanda annuncia l'intenzione di riaprire al mondo