Ottobre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le azioni sono crollate in una delle peggiori settimane dell’anno a Wall Street

Le azioni sono crollate in una delle peggiori settimane dell'anno a Wall Street

Venerdì le azioni sono scese, chiudendo una delle peggiori settimane dell’anno a Wall Street, poiché dirigenti aziendali, banchieri e manager con miliardi di dollari in denaro degli investitori hanno avvertito di ulteriori sofferenze per l’economia e i mercati.

La recessione è l’ennesimo attacco degli investitori, dopo una serie di sorprese quest’estate che hanno costantemente minato l’ottimismo nei mercati finanziari.

Dopo aver toccato il livello più basso a giugno, l’S&P 500 è salito di oltre il 17% a metà agosto, prima di risalire. Le ultime vendite pesanti di questa settimana lasciano l’indice azionario di riferimento in calo di circa il 19% per l’anno e di circa il 5% al ​​di sopra del minimo di giugno. Il calo dell’1,4% di venerdì ha portato la perdita settimanale a oltre il 5% solo per la quarta volta quest’anno.

Ora, alcune delle più potenti società di trading del mondo, che pubblicano investimenti per conto di fondi pensione, governi e altri investitori, avvertono che c’è più dolore per il futuro.

“Se mi chiedevi un anno fa quale fosse lo scenario peggiore per i mercati finanziari, penso che ora le cose siano peggio di qualsiasi cosa avremmo potuto immaginare”, ha affermato Nikolai Tangen, capo del fondo sovrano norvegese, il più grande del suo genere. Il fondo gestisce i fondi generati dalle vaste vendite di petrolio e gas in Norvegia e investe 1,4 trilioni di dollari in tutto il mondo.

Il drop di venerdì è arrivato dopo il gigante della logistica Fedex Ha avvertito di una recessione globale che avrebbe danneggiato i suoi guadagni, l’ultimo di una serie di avvertimenti che hanno scosso la fiducia nel futuro dell’economia. Parla con Raj Subramaniam, CEO di FedEx CNBC Giovedì ha previsto una “recessione globale”.

Martedì, l’S&P 500 ha subito il peggior calo di un giorno da giugno 2020, un calo del 4,3% dopo che l’indice dei prezzi al consumo ampiamente seguito ha deluso le speranze che inflazione Ha iniziato a diminuire, riaccendendo i timori che la Federal Reserve potesse spingere gli Stati Uniti in una recessione mentre cerca di contenere i prezzi.

Il signor Tangen ha affermato di non credere che ci sia una zona di investimento in nessuna parte del mondo che potrebbe fare soldi nel prossimo futuro. “Questa è la cosa davvero frustrante”, ha detto.

La questione centrale per gli investitori è fino a che punto la Fed dovrà tagliarlo ciclo di inflazione L’economia statunitense, un’economia iniziata lo scorso anno a seguito della riapertura delle imprese e della domanda dei consumatori repressa, è stata colpita ed esacerbata dall’aumento dei prezzi dell’energia dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Il rapporto sull’inflazione di martedì ha mostrato che ora ha assunto una natura diffusa, amplificata dalle pressioni dei lavoratori per aumentare i salari mentre lottano con l’aumento del costo della vita.

“Quello che stiamo affrontando sono le aspettative di inflazione che sono molto radicate in questo”, ha affermato Seth Bernstein, presidente e CEO di AllianceBernstein, un gestore di fondi con oltre 600 miliardi di dollari di asset. Ha detto che la stagnazione era l’unico modo per “romperlo”.

READ  Charlie Munger sul crollo delle azioni di Robinhood: "Dio sta passando"

Il principale strumento della Fed per controllare l’inflazione è il tasso di interesse di riferimento, che ha già alzato da quasi zero a marzo a un intervallo dal 2,25% al ​​2,5% e dovrebbe aumentarlo nuovamente la prossima settimana.

Gli investitori hanno alzato le loro aspettative su quanto la Fed avrà bisogno per aumentare i tassi di interesse e per quanto tempo la banca centrale li manterrà alti, prevedendo più dolore per le imprese, prezzi delle azioni più bassi e maggiore disoccupazione.

I prezzi nei mercati dei futures che indicano aspettative sui tassi di interesse mostrano un aumento previsto di tre quarti di punto percentuale amministrato dalla Federal Reserve quando i governatori della banca centrale si incontreranno la prossima settimana. Qualsiasi cosa al rialzo e i mercati finanziari potrebbero scendere ulteriormente.

Nel complesso, i futures puntano a un picco dei tassi dal 4,25 al 4,5 percento il prossimo anno, ben 2 punti percentuali al di sopra dell’attuale livello di politica monetaria della Fed.

E la Federal Reserve non è la sola nella sua spinta ad aumentare i tassi di interesse per combattere l’inflazione. La Banca Mondiale ha avvertito giovedì che l’effetto delle banche centrali di tutto il mondo che alzano simultaneamente i tassi di interesse potrebbe spingere l’economia globale in recessione già il prossimo anno.

Le aspettative variano tra le maggiori banche statunitensi. JPMorgan e Morgan Stanley continuano a prevedere un cosiddetto atterraggio morbido, in cui la Fed può vincolare l’economia a tassi di interesse sufficientemente alti da abbassare l’inflazione senza andare troppo oltre e causare una recessione.

Gli economisti di Wells Fargo e Citi prevedono una recessione.

David Solomon, CEO di Goldman Sachs, ha dichiarato venerdì che la sua visione a lungo termine è rimasta invariata a causa dei nuovi dati sull’inflazione di questa settimana o delle turbolenze di mercato che ne sono seguite, ma ha osservato che i mercati finanziari stanno “attraversando una flessione, più lunga e più accidentata”. .”

READ  "Le aspettative di inflazione non valgono la carta su cui sono scritte": si tratta della reazione della Bank of Canada all'inflazione, ma è la stessa negli Stati Uniti e ovunque