Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le banche centrali di tutto il mondo hanno ora inviato ai mercati un messaggio chiaro: una politica più restrittiva è qui per restare

Le banche centrali di tutto il mondo hanno ora inviato ai mercati un messaggio chiaro: una politica più restrittiva è qui per restare

Viene visualizzata una schermata di annuncio del tasso della Federal Reserve mentre un trader lavora sul pavimento della Borsa di New York (NYSE), 2 novembre 2022.

Brendan McDiarmid | Reuters

Il Riserva federale degli Stati UnitiE il Banca centrale europeaE il Banca d’Inghilterra E il Banca nazionale svizzera Tutti hanno alzato i tassi di interesse di 50 punti base questa settimana, in linea con le aspettative, ma i mercati sono sintonizzati.

La reazione del mercato è stata ancora negativa Mercoledì, la Federal Reserve ha alzato il tasso di interesse di riferimento di 50 punti base al suo livello più alto in 15 anni. Questo è stato un rallentamento rispetto alle quattro riunioni precedenti, in cui la banca centrale ha implementato un aumento di 75 punti base.

Tuttavia, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha osservato che, nonostante le recenti indicazioni che l’inflazione potrebbe aver raggiunto il picco, la lotta per riportarla a livelli gestibili è tutt’altro che finita.

“C’è una reale aspettativa che l’inflazione dei servizi non scenderà molto rapidamente, quindi dovremo rimanere lì”, ha detto Powell in una conferenza stampa mercoledì.

“Potremmo dover aumentare i tassi di interesse per arrivare dove vogliamo”.

Giovedì , La Banca centrale europea ha seguito l’esempiooltre a optare per un aumento minore ma suggerendo che sarebbe necessario aumentare i tassi di interesse “in modo significativo” per domare l’inflazione.

Il Anche la Bank of England è aumentata di mezzo puntoaggiungendo che “risponderebbe in modo aggressivo” se le pressioni inflazionistiche cominciassero a sembrare più solide.

Le principali banche centrali hanno dato ai mercati un “chiaro messaggio” che “le condizioni finanziarie devono rimanere rigide”, ha affermato George Saravelos, capo della ricerca sui cambi presso Deutsche Bank.

READ  Crypto Hedge Fund archivia tre frecce per il fallimento

“All’inizio del 2022 abbiamo scritto che l’anno riguardava una cosa: l’aumento dei tassi di interesse reali. Ora che le banche centrali ci sono riuscite, il tema del 2023 è diverso: impedire al mercato di fare il contrario”, ha affermato Saravelos.

“L’acquisto di attività rischiose nell’ipotesi di un’inflazione debole è una contraddizione in termini: l’allentamento delle condizioni finanziarie che comporta riduce la possibilità di un’inflazione debole”.

In questo contesto, ha affermato Saravelos, l’apparente spostamento dell’attenzione della BCE e della Federal Reserve dall’indice dei prezzi al consumo (CPI) al mercato del lavoro è degno di nota, poiché suggerisce che i movimenti dal lato dell’offerta di materie prime non sono sufficienti per dichiarare “missione compiuta”. ” “

“Il messaggio generale per il 2023 sembra chiaro: le banche centrali spingeranno gli asset più rischiosi fino a quando il mercato del lavoro non inizierà a cambiare”, ha concluso Saravelos.

Revisioni delle previsioni economiche

I messaggi aggressivi della Federal Reserve e della Banca centrale europea hanno in qualche modo sorpreso il mercato, sebbene le stesse decisioni politiche siano state in linea con le aspettative.

Venerdì Berenberg ha rivisto la sua previsione finale sui tassi in base agli sviluppi delle ultime 48 ore, aggiungendo un ulteriore aumento del tasso di 25 punti base per la Fed nel 2023, portando il picco a un intervallo compreso tra il 5% e il 5,25% nel periodo. I primi tre incontri dell’anno.

“Riteniamo ancora che un calo dell’inflazione a C3% e un aumento del tasso di disoccupazione sopra il 4,5% entro la fine del 2023 porteranno infine a un passaggio a una posizione meno restrittiva, ma per il momento la Fed intende chiaramente salire”, ha detto il capo economista. In Berenberg Holger Schmieding.

READ  La maggior parte delle società di criptovaluta "crollerà" dopo anni di schemi Ponzi industriali: co-fondatore di Palantir
Barclays afferma che l'inflazione ha raggiunto il picco nella zona euro

La banca ha anche alzato le sue previsioni per la Banca centrale europea, che ora vede i tassi di interesse aumentati a “livelli restrittivi” a un ritmo costante per più di una prossima riunione. Berenberg ha aggiunto un ulteriore movimento di 50 punti base il 16 marzo alla sua attuale previsione di 50 punti base il 2 febbraio. Ciò aumenta il tasso di rifinanziamento principale della BCE al 3,5%.

“Da questo massimo, è probabile che la BCE dovrà tagliare nuovamente i tassi di interesse una volta che l’inflazione scenderà vicino al 2% nel 2024”, ha affermato Schmieding.

“Ora stiamo cercando due tagli di 25 punti base ciascuno a metà del 2024, lasciando invariata la nostra richiesta per il tasso di rifinanziamento principale della BCE alla fine del 2024 al 3,0%”.

La Banca d’Inghilterra è stata più accomodante della Federal Reserve e della Banca centrale europea, e le decisioni future dipenderanno probabilmente in larga misura da come si svilupperà la prevista recessione nel Regno Unito. Tuttavia, il MPC ha ripetutamente avvertito di essere cauti riguardo all’inasprimento del mercato del lavoro.

Berenberg prevede un ulteriore aumento di 25 punti base a febbraio per portare il tasso bancario a un picco del 3,75%, con tagli di 50 punti base nella seconda metà del 2023 e di altri 25 punti base entro la fine del 2024.

“Tuttavia, sullo sfondo delle sorprese positive dei recenti dati economici, un ulteriore aumento di 25 punti base dei tassi di interesse da parte della Fed e della Banca d’Inghilterra non fa alcuna differenza sostanziale per le nostre prospettive economiche”, ha spiegato Schmieding.

READ  Riunione della Fed: fino a che punto andranno i tassi di interesse e cosa aspettarsi dalla riunione di questa settimana.
Oliver Wyman: La Banca centrale europea attua una politica in tre fasi di negazione, determinazione e moderazione

“Prevediamo ancora che l’economia statunitense si contrarrà dello 0,1% nel 2023, seguita da una crescita dell’1,2% nel 2024, mentre il Regno Unito dovrebbe subire una recessione con un calo dell’1,1% del PIL nel 2023 seguito da una ripresa dell’1,8% nell’anno 2024″.

Per la BCE, tuttavia, Berenberg prevede che ulteriori 50 punti base avranno un chiaro impatto, limitando chiaramente la crescita tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024.

“Mentre lasciamo invariata la domanda del PIL reale del prossimo anno al -0,3%, abbassiamo la nostra richiesta per il ritmo della ripresa economica nel 2024 dal 2,0% all’1,8%”, ha affermato Schmieding.

Tuttavia, ha osservato che nel corso del 2022, la forward guidance e i cambiamenti di tono delle banche centrali non si sono dimostrati una guida affidabile per le future azioni politiche.

“Vediamo i rischi per le nostre nuove previsioni della Fed e della BoE equilibrati in entrambe le direzioni, ma dato che la recessione invernale nell’Eurozona sarà probabilmente più profonda dei progetti della BCE e poiché è probabile che l’inflazione diminuisca significativamente da marzo in poi, vediamo una buona probabilità che l’aumento dei tassi finale della BCE nel marzo 2023 sarà di 25 punti base invece di 50 punti base”.