Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le domande di condono del prestito studentesco sono ora ufficialmente aperte, afferma Biden



CNN

Presidente Joe Biden Lunedì ha annunciato l’apertura formale delle domande federali per gli americani che chiedono il condono del prestito studentesco, l’ultima fase del suo piano, che dovrebbe fornire sollievo dal debito a 43 milioni di mutuatari.

“Oggi annuncio che milioni di lavoratori e della classe media possono richiedere e ricevere questo sollievo. È semplice ed è ora. È facile”, ha detto Biden in un commento alla Casa Bianca con il segretario all’Istruzione Miguel Cardona. “Questo è un punto di svolta per milioni di americani… e questo sito web Ci sono voluti uno sforzo incredibile per realizzarlo in così poco tempo”.

Le persone che desiderano richiedere l’agevolazione del prestito studentesco possono ora compilare il modulo in inglese o spagnolo Studentaid.gov. Il modulo contiene informazioni sulla cancellazione del debito, chi è idoneo e come funziona. Richiede il nome completo, il numero di previdenza sociale, la data di nascita, il numero di telefono e l’indirizzo e-mail dei candidati. I mutuatari hanno tempo fino al 31 dicembre 2023 per presentare la domanda.

Ad agosto, Biden ha annunciato la sua decisione di cancellare fino a $ 10.000 di debiti per prestiti studenteschi per individui che guadagnano meno di $ 125.000 all’anno o fino a $ 20.000 per mutuatari idonei beneficiari di Pell Grant.

I mutuatari devono aver ricevuto prestiti studenteschi federali per qualificarsi. Oltre ai prestiti diretti federali, utilizzati per l’istruzione universitaria, possono essere idonei anche gli studenti laureati e i prestiti Federal Plus presi in prestito dai genitori se il mutuatario soddisfa i requisiti di reddito.

L’amministrazione Biden ha affermato che i richiedenti che hanno “altamente probabilità di superare la detrazione del reddito” devono presentare informazioni aggiuntive, come una dichiarazione dei redditi. Sebbene i mutuatari non debbano pagare l’imposta sul reddito federale per il condono del debito del prestito studentesco, alcuni mutuatari potrebbero dover pagare l’imposta sul reddito statale sull’importo del prestito condonato.

Lo ha informato anche l’Assessorato all’Educazione Quasi 8 milioni di mutuatari avevano già informazioni sul reddito a causa di moduli di aiuti finanziari o richieste di piani di rimborso basati sul reddito precedentemente presentate. I mutuatari ricevono automaticamente lo sgravio del prestito se soddisfano il requisito di reddito. Il dipartimento ha affermato che verrà inviata un’e-mail ai mutuatari che saranno presi in considerazione per lo sgravio del prestito ma non dovranno presentare domanda.

Il lancio formale dell’applicazione segna il passo successivo in una massiccia iniziativa tecnologica per le agenzie federali e i gestori di prestiti studenteschi per fornire un ampio sollievo a decine di migliaia di mutuatari. La versione beta del sito è stata lanciata venerdì sera E Biden ha detto che 8 milioni di americani hanno utilizzato il sito Web durante il fine settimana per compilare le loro domande.

Il presidente ha elogiato “un talentuoso team di data scientist e ingegneri in tutto il governo federale che ha sviluppato, testato e lanciato questa nuova app in poche settimane”. Entro pochi giorni dal beta test dell’app, il sito Web ha gestito più di 8 milioni di applicazioni senza intoppi o difficoltà, ha affermato Biden.

“Con milioni di persone che compilano le domande, ci assicureremo che il sistema funzioni nel modo più fluido possibile in modo da poter fornire agevolazioni sui prestiti studenteschi a milioni di americani in modo rapido ed efficiente”, ha affermato.

Il Dipartimento dell’Istruzione sta affrontando diverse cause legali che sfidano la politica di condono del prestito studentesco. Un giudice distrettuale degli Stati Uniti potrebbe presto decidere se bloccare temporaneamente l’attuazione del programma dopo aver ascoltato una richiesta di ingiunzione preliminare la scorsa settimana. La cancellazione del prestito studentesco può essere sospesa fino a quando il giudice non emette una decisione definitiva in quel caso.

Alla domanda sulla fine dei suoi commenti sulle cause che contestano il piano, Biden ha detto che pensa che il piano dell’amministrazione reggerà in tribunale. Ha preso di mira i critici repubblicani del suo piano di sgravio del prestito studentesco, definendo la loro indignazione “fuorviante” e “ipocrita”.

“Non mi scuserò mai per aver aiutato i lavoratori americani e le persone della classe media a riprendersi dalla pandemia. Soprattutto non gli stessi repubblicani che hanno votato per $ 2 trilioni di tagli alle tasse nell’ultima amministrazione, a beneficio principalmente degli americani ricchi e delle grandi società e aumentando il deficit senza pagare un dieci centesimi”, ha detto. Ha anche detto.

I prestiti studenteschi federali garantiti dal governo e detenuti da istituti di credito privati, molti dei quali sono stati concessi nell’ambito del precedente programma federale di prestito per l’istruzione familiare e del programma federale di prestito Perkins, sono attualmente esclusi, a meno che il mutuatario non chieda di consolidare tali prestiti in un prestito diretto. Entro il 29 settembre

Il dipartimento dell’istruzione ha inizialmente affermato che questi prestiti privati ​​avrebbero diritto a un’esenzione una tantum – Ma le cose si sono capovolte a settembre Sei stati a guida repubblicana hanno citato in giudizio l’amministrazione Biden, sostenendo che il perdono dei prestiti privati ​​danneggerebbe finanziariamente gli stati e i gestori di prestiti studenteschi.

MJ della CNN Alla domanda di Lee se i mutuatari privati ​​non fossero idonei per gli aiuti di massa, Cardona ha affermato che l’amministrazione si stava “muovendo il più rapidamente possibile per fornire sollievo a quante più persone possibile”.

Questa storia è stata aggiornata con rapporti aggiuntivi.

READ  La Russia sta attaccando obiettivi civili ucraini prima dei colloqui