Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le proteste contro i blocchi del coronavirus in Cina sono scoppiate dopo l’incendio nello Xinjiang

Sospensione

Le proteste sono scoppiate nelle città e nei campus di tutta la Cina questo fine settimana, mentre cittadini frustrati e arrabbiati sono scesi in piazza in una straordinaria ondata di manifestazioni contro la politica di “odio zero” del governo e contro i leader che la attuano.

I residenti di Shanghai, la città più popolosa della Cina, si sono riuniti sabato sera e domenica mattina, chiedendo la fine dei blocchi epidemici e cantando “Vogliamo la libertà!” e “Apri lo Xinjiang, apri tutta la Cina!” Secondo i testimoni dell’evento. In straordinarie scene di rabbia pubblica rivolte al leader supremo del governo, un gruppo di manifestanti ha cantato: “Xi Jinping, dimettiti!” e “Partito Comunista, dimettiti!”

“C’era gente ovunque”, ha detto Chen, un residente di Shanghai di 29 anni che è arrivato alla veglia intorno alle 2 di domenica. “All’inizio la gente gridava di revocare il blocco nello Xinjiang, e poi è diventato ‘Xi Jinping, dimettiti, dimettiti, il Partito Comunista!'”, ha detto. “

L’impulso immediato alle manifestazioni, che sabato si sono svolte anche nelle università di Pechino, Xi’an e Nanchino, è stato fuoco mortale a Urumqi, Giovedì la capitale dello Xinjiang nell’estremo nord-ovest della Cina. Dieci persone, tra cui tre bambini, sono morte dopo che i vigili del fuoco di emergenza non sono stati in grado di avvicinarsi abbastanza a un condominio in fiamme. I residenti hanno accusato le misure di blocco di ostacolare gli sforzi di salvataggio.

I funzionari venerdì hanno negato che le restrizioni alla diffusione del coronavirus fossero un fattore e hanno affermato che “la capacità di alcuni residenti di salvarsi era molto scarsa”, provocando ulteriore derisione e rabbia per inghiottire le piattaforme dei social media cinesi. I residenti di Urumqi, una delle città più strettamente controllate in Cina a seguito di una più ampia repressione della sicurezza, sono usciti per protestare venerdì. Molti hanno sventolato la bandiera nazionale della Cina e hanno chiesto la revoca completa del blocco.

READ  Le azioni di Hong Kong sono aumentate del 2%; La Cina pubblica i dati sull'inflazione in linea con le aspettative

I disordini si diffusero. Sabato, gli abitanti di Shanghai si sono riuniti per una veglia a lume di candela in Middle Wolumukhi Road, intitolata a Urumqi, che si è trasformata in una manifestazione. Le immagini inviate al Washington Post da un fotografo sulla scena mostravano i manifestanti con in mano fogli bianchi – simbolica opposizione alla censura dilagante nel Paese – e che deponevano fiori e candele sulle vittime mentre la polizia osservava.

Una persona ha tenuto in mano pezzi di carta con il numero “10” scritto in uiguro e cinese, in riferimento alle dieci vittime di Urumqi. La folla iniziò a scorrere le pagine bianche.

“Tutti lo tenevano”, ha detto Meng, il fotografo, che ha fornito solo il suo cognome per motivi di sicurezza. “Nessuno ha detto niente, ma sappiamo tutti cosa intendevano. Cancella quello che vuoi. Non puoi censurare ciò che non viene detto”.

Tali manifestazioni sono estremamente rare in Cina, dove le autorità si muovono rapidamente per reprimere ogni forma di dissenso. Le autorità sono particolarmente diffidenti nei confronti delle proteste nelle università, sede delle manifestazioni a favore della democrazia nel 1989 che si sono diffuse in tutto il Paese e si sono concluse con una sanguinosa repressione e un massacro intorno a piazza Tiananmen a Pechino.

Con la segnalazione di nuovi casi di virus, la Cina si sta affrettando a colmare una lacuna immunitaria

All’Università della Cina di Nanchino, sabato sono stati rimossi manifesti che deridevano “No Covid”, spingendo uno studente a stare in piedi per ore con un foglio di carta bianco in segno di protesta. Centinaia di studenti solidali.

Alcuni hanno deposto fiori per terra in onore delle vittime dell’incendio e hanno cantato: “Riposa in pace”. Altri hanno cantato l’inno nazionale cinese e l’inno di sinistra “The Internationale”. Hanno gridato: “Lunga vita al popolo!”

“Mi sentivo solo, ma ieri tutti si sono uniti”, ha detto lo studente di fotografia di 21 anni, che ha parlato a condizione di anonimato per motivi di sicurezza. “Sento che siamo tutti coraggiosi, abbastanza coraggiosi da perseguire i diritti che dobbiamo, abbastanza coraggiosi da criticare questi torti e abbastanza coraggiosi da esprimere la nostra opinione”.

READ  Notizie su Russia e Ucraina: Biden dettaglia l'assistenza alla difesa

“Gli studenti sono come una molla, vengono schiacciati ogni giorno. Ieri quella molla è rimbalzata di nuovo.

I video pubblicati domenica sui social media mostrano una folla di studenti dell’Università Tsinghua di Pechino che tengono in mano fogli di carta bianchi e cantano: “Democrazia, stato di diritto, libertà di parola!” Una giovane donna ha gridato attraverso un megafono: “Se non parliamo perché abbiamo paura dell’arresto, credo che la nostra gente sarà delusa da noi. Come studentessa Tsinghua, me ne pentirò per il resto della mia vita”.

La folla si è radunata anche all’Accademia di Belle Arti di Xi’an, alzando i telefoni come parte di una veglia per coloro che sono morti a Urumqi, secondo i post sui social media. Altri post mostrano slogan di protesta offuscati nei campus universitari di quattro città e due province.

In tutto il paese, e non solo nei campus, i cittadini sembrano raggiungere un punto di rottura. Chiamati “Zero Covid”, hanno vissuto quasi tre anni di severi controlli che hanno lasciato molti di loro rinchiusi nelle loro case, mandati in centri di quarantena o interdetti dai viaggi. I residenti devono sottoporsi a frequenti controlli del coronavirus e monitorare i loro movimenti e la loro salute.

L’incendio di Urumqi è stato seguito da A incidente d’autobus A settembre, 27 persone sono state uccise durante il trasporto in un centro di quarantena. Ad aprile, un blocco improvviso a Shanghai ha lasciato i residenti senza cibo a sufficienza che ha portato a proteste online e offline. E le morti legate alle restrizioni, tra cui un bambino di 3 anni morto dopo che i suoi genitori non potevano portarlo in ospedale, si sono aggiunte all’indignazione pubblica.

Le autorità sanitarie affermano che questa strategia per fermare la trasmissione del coronavirus il prima possibile e mettere in quarantena tutti i casi positivi è l’unico modo per prevenire un aumento dei casi gravi e dei decessi, che travolgerebbe il sistema sanitario. A causa del basso tasso di infezione, 1,4 miliardi di cinesi hanno un basso livello di immunità naturale. Coloro che erano stati vaccinati avevano ricevuto vaccini fatti in casa che si sono dimostrati meno efficaci contro la variante più infettiva di Omicron.

READ  L'ondata di caldo porta temperature estreme ad aprile in India e Pakistan

Mentre la Cina allenta le restrizioni sul coronavirus, seguono confusione e ansia

L’incendio nello Xinjiang arriva anche dopo settimane di crescente frustrazione, in particolare per le politiche della pandemia, che sono state allentate e poi nuovamente rafforzate in alcuni punti a causa di una nuova ondata di casi. Domenica, la Cina ha registrato 39.791 nuove infezioni, che è il quarto giorno consecutivo in cui è stato registrato un numero record di infortuni.

Un articolo apparso domenica sul People’s Daily, gestito dallo stato, ha chiesto “una costante adesione” alle politiche anti-coronavirus esistenti. In un briefing di domenica, i funzionari di Urumqi hanno affermato che i trasporti pubblici riprenderanno parzialmente lunedì come parte degli sforzi per revocare gradualmente le misure di blocco.

A Shanghai, la polizia alla fine ha invaso il luogo della veglia e ha chiuso l’accesso alla strada. Si sono scontrati con i manifestanti, spingendoli nelle auto prima di disperdere la folla intorno alle 5 del mattino.

I video pubblicati domenica mostrano la folla nella zona che urla “lasciali andare, in un chiaro riferimento ai detenuti. Chen ha detto di aver visto dozzine di persone arrestate.

“Non sono il tipo da essere un leader”, ha detto, “ma se c’è l’opportunità di parlare o fare qualcosa per aiutare, lo voglio”.

Bi Lin Wu e Vic Chiang a Taipei e Lyric Lee a Seoul hanno contribuito a questo rapporto.