Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’eccesso di polvere nell’atmosfera potrebbe mascherare i reali effetti del cambiamento climatico

Immagine satellitare terrestre

Una tempesta di polvere che copre il Golfo Persico e il Medio Oriente nel 2014.

Non è un segreto che gli umani abbiano apportato grandi cambiamenti alla Terra e alla sua atmosfera. Ma quando i gas serra si sono accumulati nell’aria e la temperatura media della superficie del nostro pianeta è aumentata, si è verificato un fenomeno meno noto.

L’atmosfera terrestre è diventata molto più polverosa dall’era preindustriale. Ed è possibile che tutte queste particelle extra funzionino sottilmente per contrastare alcuni degli effetti del cambiamento climatico, raffreddando un po’ il pianeta, secondo Studio di revisione È stato pubblicato martedì sulla rivista Nature Reviews Earth & Environment.

Leggi di più

Secondo la nuova analisi, gli effetti della polvere atmosferica sono assenti da quasi tutti gli studi e le proiezioni sul clima. Ciò significa che questi modelli possono sottovalutare il riscaldamento associato al cambiamento climatico causato dall’uomo. E se l’atmosfera diventa meno polverosa, potremmo vedere un rapido aumento della temperatura.

“Vogliamo che le proiezioni climatiche siano il più accurate possibile e questo aumento di polvere potrebbe mascherare fino all’8% del riscaldamento globale”, ha affermato Jasper Cook, ricercatore principale dello studio e fisico dell’atmosfera presso l’Università della California, a Los Angeles. comunicato stampa. Ha continuato dicendo che aggiungendo gli effetti della polvere ai futuri modelli climatici, gli scienziati possono migliorarli. “Questo è fondamentale perché previsioni migliori possono aiutare a prendere decisioni migliori su come mitigare o adattarsi ai cambiamenti climatici”.

Cook e colleghi sono arrivati ​​a questa cifra dell’8% attraverso una complessa serie di modelli, basandosi su una vasta gamma di studi pubblicati in precedenza.

READ  Il Perseverance Rover della NASA aiuta gli scienziati a scoprire voli sonori più lenti su Marte

Innanzitutto, hanno dovuto scoprire come è cambiata la polvere atmosferica nel tempo. Utilizzando modelli computerizzati e dati esistenti da campioni di ghiaccio e record di sedimenti, hanno scoperto che la quantità di grandi particelle di polvere nell’atmosfera è aumentata di circa il 55% oggi, rispetto all’era preindustriale. Ci sono molte ragioni dietro l’aumento della polvere nel pianeta, ma è dovuto a cambiamenti nell’uso del suolo come l’aumento dell’agricoltura e dello sviluppo, insieme a cambiamenti climatici come la siccità, secondo i ricercatori.

Successivamente, gli autori dello studio hanno dovuto determinare gli effetti climatici complessivi di questa polvere.

La polvere interagisce con il clima in molti modi diversi. Diffondendo e assorbendo il calore dal sole e dalla superficie terrestre, le particelle di polvere possono farlo Tutti e due Raffredda e riscalda il pianeta. La polvere, ad esempio, può riflettere il calore del sole nello spazio. Oppure può assorbire e trattenere il calore sprigionato dalla Terra stessa. Gli effetti variano anche in base alla regione: la polvere sui deserti riflettenti, il ghiaccio e la neve portano a un aumento del riscaldamento, mentre la polvere sugli oceani e le foreste oscure portano al raffreddamento.

La direzione e l’entità dell’effetto della polvere sulla temperatura globale dipende anche da fattori come la dimensione delle particelle, la lunghezza d’onda della radiazione coinvolta e la copertura del suolo sotto la polvere atmosferica. La polvere può anche reagire chimicamente con l’acqua e altri composti nell’atmosfera per spostare il calore e le particelle di polvere possono modificare i cicli delle nuvole. Infine, la polvere che alla fine si deposita nell’acqua porta con sé sostanze nutritive e può quindi aumentare la produttività del fitoplancton e aumentare la quantità di anidride carbonica che i nostri oceani assorbono, influenzando indirettamente il cambiamento climatico.

READ  Un asteroide si è scontrato permanentemente con il telescopio spaziale James Webb della NASA: rapporto

TL; DR: È difficile sapere esattamente come e di quanto la polvere atmosferica cambi effettivamente la temperatura globale. Per arrivare alla loro stima finale, Kok e l’equipaggio hanno calcolato gli effetti termici di 12 diversi parametri relativi alla polvere – alcuni dei quali hanno aumentato la temperatura della polvere e altri hanno contribuito al raffreddamento – e li hanno combinati insieme. Hanno scoperto che il flusso di potenza netto era compreso tra “raffreddamento significativo” (-0,7 +/- 0,18 watt per metro quadrato) e “lieve riscaldamento” (+0,3 watt per metro quadrato), con una media di -0,2 watt per metro quadrato . Pertanto, l’effetto di raffreddamento massimo calcolato è di circa l’8%.

Precedenti ricerche hanno documentato come utilizzare il particolato e gli aerosol L’inquinamento può causare il raffreddamento planetario. Ad esempio, le temperature più fredde sono un noto effetto collaterale di Alcune eruzioni vulcanichee un intero sottoinsieme di Cerniere di geoingegneria su questo concetto. Ma la recensione di martedì è fresca per la sua attenzione alla polvere presente in natura.

Il loro modello non è perfetto e i ricercatori notano che c’è molta incertezza nei loro calcoli, in gran parte perché sono stati tra i primi scienziati a tentare tali stime. “Questa è la prima revisione del suo genere che riunisce davvero tutti questi diversi aspetti”, ha detto Gisela Winkler, scienziata del clima alla Columbia University che non faceva parte della nuova ricerca. ha detto al Guardian. Ma nonostante tutta questa incertezza, lo studio afferma: “È più probabile che la polvere raffreddi il clima piuttosto che riscaldarlo”: cattive notizie per la nostra comprensione del cambiamento climatico.

READ  Gli scienziati hanno escogitato un nuovo modo per produrre ossigeno su Marte

“Abbiamo a lungo previsto che siamo diretti verso un brutto posto quando si tratta di aumentare il riscaldamento globale”, ha detto Cook al Guardian. “Ciò che questa ricerca mostra è che, fino ad ora, abbiamo avuto freni di emergenza”.

Un buffer di temperatura accidentale potrebbe non rimanere sul posto per sempre. Sebbene le concentrazioni di polvere atmosferica siano aumentate dall’era preindustriale, hanno raggiunto il picco negli anni ’80 e da allora sono diminuite. Se questo declino continua o si intensifica, il riscaldamento potrebbe raggiungerci ancora più rapidamente: una prospettiva preoccupante per il futuro Ha già battuto il recordcalda realtà.

Altro da Gizmodo

firmato per Bollettino Gizmodo. ultime notizie, FacebookE Cinguettio E Instagram.

Clicca qui per leggere l’articolo completo.