Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ex aiutante di Trump Mark Meadows ha ordinato di testimoniare davanti al gran giurì della Georgia

L’ex capo dello staff della Casa Bianca di Trump, Mark Meadows, deve testimoniare davanti a un gran giurì della Georgia che indaga sugli sforzi repubblicani per influenzare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020 dello stato, ha stabilito mercoledì un giudice della Carolina del Sud.

Il procuratore distrettuale della contea di Fulton Fannie Willis (D) Ha affermato che la sua indagine sta esaminando “sforzi coordinati multistatali per influenzare i risultati delle elezioni del novembre 2020 in Georgia e altrove”. Poiché Meadows non vive in Georgia, non ha potuto citarlo in giudizio per testimoniare, ma ha presentato una mozione ad agosto per farlo.

Il giudice del circuito della Carolina del Sud Edward Miller ha stabilito mercoledì che Meadows deve rispettare una citazione perché la sua testimonianza è “materiale e necessaria per le indagini e garantisce che lo Stato della Georgia non gli causerà indebite difficoltà”.

Il 21 giugno, il Comitato del 6 gennaio ha delineato un piano approvato dal presidente Donald Trump per ribaltare le elezioni del 2020. (Video: Adriana Euro/The Washington Post)

Jeff DeSantis, portavoce di Willis, ha confermato il verdetto mercoledì. DeSantis ha detto che Meadows non sarà convocato fino a dopo le elezioni di medio termine.

L’avvocato di Meadows ha dichiarato mercoledì che esiste la possibilità di un ricorso o di un’ulteriore azione legale.

“Potrebbero esserci ulteriori procedimenti davanti al giudice del processo prima che venga presa qualsiasi decisione sull’appello”, l’avvocato di Meadows, George J. disse Terwilliger.

Meadows, un membro del Congresso per quattro mandati della Carolina del Nord prima di diventare capo del personale della Casa Bianca di Trump, ha contribuito a promuovere le affermazioni infondate di Trump secondo cui la diffusa frode elettorale ha dato a Joe Biden la presidenza. Meadows ha detto che ora vive nella Carolina del Sud Registrati per votare nel 2020 utilizzando un indirizzo di casa mobile della Carolina del Nord.

READ  CVS, Lucid, Southwest Airlines, Boeing, GameStop e molti altri

in lei Petizione Alla ricerca della testimonianza di Meadows, Willis ha osservato che Meadows ha partecipato a una telefonata del 2 gennaio 2021 che Trump ha fatto al Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger (R) per “trovare” 11.780 voti per aiutare Trump a sconfiggere Biden nello stato.

‘Voglio trovare 11.780 voti’: Trump chiede al segretario di Stato della Georgia di ricontare i voti a suo favore in un’ora straordinaria

Il 21 dicembre 2020, Willis ha scritto che Meadows, che ha partecipato alla Casa Bianca con Trump e altri, era interessato a testimoniare “per discutere le accuse di frode elettorale e la certificazione dei voti del Collegio elettorale dalla Georgia e da altri stati”.

Willis ha anche notato nella petizione che il 22 dicembre 2020 Meadows ha effettuato una “visita a sorpresa” al Cobb County Civic Center a Marietta, nella contea di Cobb, dove il Segretario di Stato della Georgia e il Georgia Bureau of Investigation stavano conducendo un audit. Firma scrutini per assente.

Lì, Meadows “ha chiesto di osservare il processo di audit in privato, ma gli è stato impedito di farlo perché l’audit non era aperto al pubblico”, ha scritto Willis.

Meadows ha cercato di uccidere la citazione della Georgia, citando il privilegio esecutivo, sostenendo che un gran giurì speciale della Georgia stava conducendo un processo civile e non un procedimento penale che richiedeva la sua testimonianza. Willis ha affermato che l’indagine della giuria speciale si è concentrata sull’attività criminale.

L’avvocato di Meadows nella Carolina del Sud, James W. Bannister ha sostenuto in atti giudiziari che il termine di settembre per la sua testimonianza originariamente richiesta era scaduto.

READ  Joe Biden arrostisce Fox News, elogia Trevor Nova su WHCD - Timeline

Un altro eminente repubblicano, il sen. Lindsey O. Graham (SC), mercoledì nella sentenza Meadows. appellato alla Corte Suprema per bloccare la sua richiesta di testimonianza.

Graham ha affermato di essere protetto dal testimoniare dalle protezioni costituzionali offerte ai legislatori che conducono affari ufficiali.

Il giudice Clarence Thomas ha temporaneamente sospeso l’ordine per la comparizione di Graham lunedì. Il Ordine riepilogativo Sembra essere un tentativo di mantenere lo status quo La petizione di Graham alla Corte Suprema Anticipi. Gli avvocati devono affrontare una scadenza di giovedì per rispondere alla richiesta di Graham, il che significa che l’intera corte prenderà in considerazione la questione.

La scorsa settimana, una giuria di tre giudici della Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’11° Circuito ha concordato Ha rifiutato il tentativo di Graham Per impedire la citazione di Willis. Graham ha detto alla corte che un senatore in carica è protetto dal testimoniare a tali udienze.

Nonostante l’opposizione di Graham, Meadows e altri, il gran giurì della Georgia ha ascoltato le testimonianze dei principali consiglieri di Trump, inclusi gli avvocati Rudy Giuliani e John Eastman. Le richieste di testimonianza sono pendenti dall’ex presidente della Camera Newt Gingrich (R-Ga.) e dall’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump Michael Flynn.

Diversi funzionari del Partito Repubblicano della Georgia hanno testimoniato. L’elenco include Raffensberger e il suo staff, incluso il procuratore generale della Georgia Christopher M. Carr (R), compresi i legislatori statali e gli operatori elettorali locali. Brian Kemp, il governatore repubblicano dello stato, ha presentato una petizione di 121 pagine ad agosto. Il giudice che sovrintende al processo ha accettato di ritardare la comparsa del governatore fino a dopo le elezioni del 2022. Kemp è in cerca di rielezione.

READ  Le azioni cadranno poiché i dati economici forti sollevano preoccupazioni sui tassi