Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ex presidente peruviano Castillo condannato a 18 mesi di carcere mentre i manifestanti dichiarano “ribellione”

L'ex presidente peruviano Castillo condannato a 18 mesi di carcere mentre i manifestanti dichiarano "ribellione"



Cnn

L’ex presidente deposto del Perù Pietro Castillo Rimarrà in custodia cautelare per 18 mesi, ha ordinato giovedì la corte suprema del paese, mentre la folla dei suoi sostenitori ha protestato fuori dall’aula e in tutto il paese.

Castillo, ex insegnante e leader sindacale del Perù rurale, è stato rimosso dall’incarico la scorsa settimana dopo aver tentato di sciogliere il Congresso e installare un governo di emergenza, una tattica che i legislatori hanno criticato come un tentativo di colpo di stato.

Da allora è stato accusato di ribellione e cospirazione, cosa che nega.

La detenzione prolungata riflette la complessità del caso e i potenziali rischi di fuga, ha affermato il giudice della Corte Suprema Juan Carlos Chicli, dopo che i pubblici ministeri hanno avvertito che l’ex presidente potrebbe chiedere asilo fuori dal paese e hanno affermato che 18 mesi coprirebbero la durata delle indagini. Gli avvocati di Castillo affermano che l’ex leader non rappresenta un rischio di fuga.

Lo stesso Castillo non ha parlato in tribunale. Ma in un’altra udienza all’inizio di questa settimana, ha difeso le sue azioni, dicendo “non ho mai commesso il reato di cospirazione o insurrezione” e aggiungendo che si considera ancora presidente.

All’epoca disse: “Non mi dimetterò mai e non abbandonerò mai questa causa di base”.

Nei giorni successivi alla sua rimozione dall’incarico, i sostenitori di Castillo sono scesi in piazza nelle città di tutto il Paese andino, in quella che alcuni manifestanti hanno definito una “rivolta patriottica”.

“Il Perù si è dichiarato in ribellione, una ribellione nazionale, perché non dobbiamo obbedienza a un governo usurpatore”, ha detto giovedì un manifestante a Lima, riferendosi al successore di Castillo ed ex vicepresidente Dina Boulwart, che ha rapidamente prestato giuramento. Presidenza da parte del Congresso poche ore dopo l’impeachment del suo ex presidente.

Un altro manifestante ha descritto il sistema giudiziario del Perù come “corrotto” e l’arresto di Castillo come un rapimento.

“(Castillo) è stato rapito e siamo arrabbiati… È la ribellione nazionale in Perù”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters.

Almeno 11 persone sono state uccise durante le manifestazioni. Quattro persone sono state uccise e almeno 39 ferite giovedì, ha detto il dipartimento sanitario locale, dopo che i manifestanti si sono scontrati con la polizia vicino a un aeroporto nella regione meridionale peruviana di Ayacucho.

L’attuale governo peruviano ha risposto ai manifestanti con carote e bastoni. Il presidente Boulwart ha offerto la possibilità di elezioni anticipate, mentre questa settimana il suo ministro della Difesa, Luis Alberto Otarola, ha dichiarato lo stato di emergenza e schierato truppe in piazza.

Ma finora gli sforzi per reprimere le proteste sembrano non essere riusciti a rispondere alle principali lamentele dei manifestanti, che vedono il panorama politico del paese come corrotto e disorganizzato e accusano l’élite del Perù di aver rovesciato ingiustamente il loro leader eletto.

“Se i membri del Congresso si considerano così democratici, rispettate la voce del popolo e rispettate ciò per cui noi (Castillo) abbiamo votato”, ha detto a Reuters la manifestante Sonia Castaneda.

I manifestanti hanno anche chiesto elezioni generali, lo scioglimento del Congresso e la creazione di una nuova Assemblea Costituente.

La loro rabbia è stata amplificata da alcuni leader di sinistra nella regione. In una dichiarazione congiunta di lunedì, i governi di Colombia, Messico, Argentina e Bolivia hanno espresso preoccupazione per il destino di Castillo, sostenendo che è stato vittima di “molestie antidemocratiche” dalla sua elezione lo scorso anno ed esortando il Perù a rispettare i risultati delle elezioni presidenziali dello scorso anno. elezione. votazione.

Il ministro degli Esteri peruviano Ana Cecilia Gervasi ha dichiarato sui social media che il Perù ha risposto giovedì richiamando gli ambasciatori a conferire “interferenze” negli “affari interni” del Perù.

Castillo, che non aveva mai ricoperto cariche pubbliche prima di assumere la presidenza, si è battuto per la promessa di ridistribuire la ricchezza e sollevare i più poveri del paese.

Ma il suo governo era impantanato nel caos, con decine di ministri nominati, sostituiti, licenziati o dimessi dall’incarico in poco più di un anno. Lo stesso Castillo ha affrontato molteplici indagini sulla corruzione e due tentativi falliti di impeachment prima di essere estromesso la scorsa settimana.

READ  L'ambasciatore russo in Polonia è stato colpito da vernice rossa