Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’incapacità di Denver Broncos di finire quarto regala a Richard Sherman dei flashback

L'incapacità di Denver Broncos di finire quarto regala a Richard Sherman dei flashback

La fine della partita di giovedì sera tra Indianapolis Colts e Denver Broncos ha riportato alla mente alcuni brutti ricordi Richard Sherman.

Un totale di sei field goal tra le due squadre ha portato la partita ai tempi supplementari e i Mullers avevano calciato un altro gol dopo otto drive through portando Indianapolis di tre. Questo non significa che le cose siano finite per i Broncos Russel Wilson Ha completato due rapidi passaggi profondi per portare la sua squadra alla serie di 14 yarde dei Colts. Melvin Gordon III Ha avuto due affondi per arrivare terzo e due sulla linea delle sei yard.

Ora, non lo è finora Uno contro uno alla fine del Super Bowl XLIX, Wilson e Sherman dei Seattle Seahawks erano in una linea di 1 yard ai New England Patriots 20 secondi prima del calcio d’inizio, e quasi tutti sul campo si aspettavano Marshawn Lynch Per controllare il punteggio vincente della partita. In quella partita, Wilson ha preso la palla nella pistola, ha lanciato un passaggio a Riccardo Lockett e… beh, cornerback dei Patriots Malcom Butler È finita. gioco finito.

Ma perché Sherman, guardando da bordo campo, vede Wilson nella pistola per il quarto e uno, lanciando un passaggio incompleto a Courtlund Sutton… beh, potrebbe avergli ricordato quella fatidica notte del 2015.

Questa è una gif della reazione di Sherman all’obiezione di Butler Wilson, che è diventata virale alla fine del Super Bowl XLIX, che ha twittato con “Flashback” dopo la partita.

READ  Phillies vs Diamondbacks: Rhys Hoskins e Kyle Schwarber guidano l'attacco per l'ottava vittoria consecutiva

“Nell’ultima giocata, devi far girare la palla”, ha detto Sherman nello show post-partita. “Amico, vorrei che Marshawn fosse qui. Tipo, una yarda. Hai bisogno di una yard. Corri la palla. Corri la palla!”