Luglio 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inflazione non diminuirà presto se il rally di martedì continua

L'inflazione non diminuirà presto se il rally di martedì continua

Jim Cramer della CNBC ha affermato che i guadagni di mercato di martedì devono essere allentati in modo che la Fed possa battere l’inflazione il prima possibile.

“Per ora, il miglior risultato sarebbe che le medie scendano rapidamente, quindi [Fed Chair Jay Powell] può essere aggirato.

“Powell sarebbe stato meglio non continuare questa corsa, altrimenti i prezzi delle case al mare, nuovi lavori di costruzione, lineare Le case, le scorte di prodotti alimentari e i prezzi del petrolio non cadranno e rimarranno bassi in qualunque momento presto”, riferendosi all’avvertimento del costruttore di case nella sua ultima richiesta di guadagni secondo cui gli acquirenti si sono ritirati dagli attuali prezzi delle case poiché le vendite rallentano in alcuni mercati.

Martedì le azioni sono aumentate Dopo la chiusura del mercato lunedì a causa delle vacanze di giugno. Sebbene il rally sia stato una gradita tregua per gli investitori dopo i cali della scorsa settimana, molti temono che il ritorno non durerà a lungo poiché i timori di recessione incombono su Wall Street.

Cramer ha affermato che, sebbene di solito sia a favore di un aumento dei prezzi delle azioni, la Fed ha bisogno di un ritiro del mercato affinché anche l’inflazione scenda. Il motivo, ha affermato, è che una flessione del mercato ridurrà la spesa e manterrà le persone nel mercato del lavoro.

“Negli ultimi anni, i guadagni eccezionali del mercato azionario hanno permesso ai vincitori di spendere come matti”, ha detto.

“Se Powell può far scendere questo mercato e rimanere, e annullare molti di questi guadagni, è meno probabile che i ricchi spendano in modo aggressivo e molte persone hanno maggiori probabilità di rimanere nella forza lavoro quando altrimenti andrebbero in pensione”, ha affermato aggiunto.

READ  ECB Lin vede doppi rischi di aumento dell'inflazione e rallentamento economico