Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Ucraina afferma che le forze russe si sono ritirate in una città chiave nell’est del paese

L’Ucraina afferma che le forze russe si sono ritirate in una città chiave nell’est del paese
  • L’Ucraina afferma che le forze russe si sono ritirate a Severodonetsk
  • Il Regno Unito afferma che l’attività aerea russa è elevata nella regione del Donbass
  • Macron dice che è importante non umiliare la Russia

Kiev (Reuters) – Kiev ha dichiarato sabato che stava respingendo le forze russe a Severodonetsk, mentre i combattimenti si sono intensificati intorno alla città industriale che è stata al centro di un’offensiva russa per prendere il controllo della regione orientale del Donbass.

Serhiy Gaidai, governatore della regione di Luhansk, ha affermato che le forze russe hanno subito gravi sconfitte e stavano facendo saltare in aria i ponti sul fiume Seversky Donets per impedire all’Ucraina di portare rinforzi militari e fornire aiuti ai civili a Severodonetsk. Leggi di più

“Al momento, i nostri soldati li hanno spinti a ritirarsi, loro (i russi) stanno subendo pesanti perdite”, ha detto Geday in una trasmissione televisiva in diretta sabato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“L’esercito russo, come sappiamo, sta facendo tutti i suoi sforzi e tutte le sue riserve nella direzione (Severdonetsk)”, ha detto. “I russi stanno facendo saltare in aria i ponti, quindi non abbiamo potuto portare rinforzi ai nostri figli a Severodonetsk”.

Il governatore ha affermato che le forze ucraine hanno riconquistato circa un quinto della terra che hanno perso in città.

Entrambe le parti subirono pesanti perdite nelle battaglie strada per strada per la Città Fabbrica dell’era sovietica, dove le strade erano disseminate di buche e veicoli distrutti.

Se Sievierdonetsk fosse caduta, la vicina Lysychansk sarebbe stata l’ultima città che la Russia avrebbe dovuto catturare per prendere il pieno controllo della provincia di Luhansk, che insieme alla provincia di Donetsk formano il Donbas.

READ  Famose statue moai dell'Isola di Pasqua gravemente danneggiate dagli incendi: "irreparabili"

La regione è diventata l’epicentro dell’invasione russa mentre il presidente Vladimir Putin cerca di ricostruire lo slancio dopo un tentativo fallito di impadronirsi della capitale, Kiev.

Sabato, l’esercito ucraino ha affermato che la Russia aveva usato l’artiglieria per condurre “operazioni offensive” a Severodonetsk, ma che le forze russe si erano ritirate e le forze ucraine stavano mantenendo posizioni all’interno della città.

La Reuters ha raggiunto Severodonetsk giovedì ed è stata in grado di verificare che gli ucraini controllassero ancora parte della città.

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha affermato che anche i soldati russi hanno cercato di avanzare verso Lyschansk, attraverso il fiume Seversky Donets da Severodonetsk, ma sono stati fermati.

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato sabato che l’attività aerea russa è rimasta elevata rispetto al Donbass, poiché gli aerei russi hanno lanciato attacchi utilizzando munizioni guidate e non. Leggi di più

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato sabato che le sue forze armate hanno abbattuto un aereo da trasporto militare ucraino che trasportava armi e munizioni vicino al porto di Odessa, sul Mar Nero. Leggi di più

tagliare l’offerta di grano

Decine di migliaia di persone sono morte, milioni di persone sono state cacciate dalle loro case e l’economia globale è stata turbolenta nella guerra che venerdì ha segnato il suo centesimo anniversario.

READ  Un funzionario della NATO chiede un commento sull'abbandono del territorio da parte dell'Ucraina per l'adesione

Il presidente francese Emmanuel Macron, che ha cercato di mantenere il dialogo con Putin durante la guerra, ha affermato sabato che è essenziale che la Russia non venga umiliata in modo da poter trovare una soluzione diplomatica quando i combattimenti si saranno fermati. Leggi di più

La posizione di Macron è stata più volte criticata da alcuni partner dell’Europa orientale e degli Stati baltici.

Sabato, l’Ucraina ha affermato che non aveva senso negoziare con la Russia fino a quando le forze russe non fossero state respinte il più possibile verso i confini dell’Ucraina. Leggi di più

I funzionari ucraini fanno affidamento su sistemi missilistici avanzati recentemente impegnati da Stati Uniti e Gran Bretagna a portare la guerra a loro favore e le forze ucraine hanno già iniziato ad addestrarsi su di loro.

Mosca ha affermato che le armi occidentali “alimenteranno il fuoco” ma non cambieranno il corso di quella che ha definito una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e liberarla dai pericolosi nazionalisti.

La guerra ha avuto un impatto devastante sull’economia globale, soprattutto per i paesi poveri importatori di cibo.

L’Ucraina è una delle principali fonti mondiali di grano e olio da cucina, ma tali forniture sono state in gran parte interrotte dalla chiusura dei porti del Mar Nero da parte della Russia, con oltre 20 milioni di tonnellate di grano bloccate nei silos.

Kiev e i suoi alleati incolpano Mosca per aver bloccato i porti.

Venerdì, Putin ha negato che Mosca stesse impedendo ai porti ucraini di esportare grano e ha incolpato l’Occidente per l’impennata dei prezzi alimentari globali.

Mosca afferma che le sanzioni stanno anche danneggiando le sue esportazioni di grano e fertilizzanti, aggravando la carenza.

READ  Il governo del Regno Unito ha rivelato che il costo del funerale della regina Elisabetta II ha superato i 200 milioni di dollari

Questa settimana, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha cercato di mediare quello che definisce un “accordo globale” per riprendere le esportazioni alimentari ucraine e le esportazioni russe di cibo e fertilizzanti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting per Natalia Zenets, Pavel Pollyuk, Max Hunder e Conor Humphreys a Kiev, uffici Reuters.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.