Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Ucraina esclude il cessate il fuoco mentre infuria la lotta nel Donbass

L'Ucraina esclude il cessate il fuoco mentre infuria la lotta nel Donbass
  • L’Ucraina esclude cessate il fuoco e concessioni
  • La Russia lancia un attacco a Luhansk
  • La Russia interrompe i flussi di gas finlandesi per controversia sui pagamenti
  • Il presidente polacco dell’Ucraina si rivolge domenica al Parlamento

(Reuters) – L’Ucraina ha escluso un cessate il fuoco o concessioni a Mosca mentre la Russia ha intensificato la sua offensiva nella regione orientale del Donbass e ha interrotto le forniture di gas alla Finlandia, mentre il presidente polacco Andrzej Duda si prepara a parlare domenica al parlamento ucraino.

Dopo aver messo fine a settimane di resistenza da parte degli ultimi combattenti ucraini nella strategica città sudorientale di Mariupol, la Russia sta lanciando una grande offensiva a Luhansk, una delle due province del Donbass.

I separatisti sostenuti dalla Russia avevano già il controllo di aree di territorio a Luhansk e nella vicina regione di Donetsk prima dell’invasione del 24 febbraio, ma Mosca vuole impossessarsi dell’ultimo territorio rimasto controllato dall’Ucraina nel Donbass.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La situazione nel Donbass è molto difficile”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo discorso serale. Ha detto che l’esercito russo stava cercando di attaccare le città di Sloviansk e Severodonetsk, ma che le forze ucraine stavano bloccando la loro avanzata.

Il consigliere di Zelensky, Mikhailo Podolak, ha escluso di accettare un cessate il fuoco e ha affermato che Kiev non avrebbe accettato alcun accordo con Mosca che includesse concessioni territoriali. Ha detto che fare concessioni è controproducente per l’Ucraina perché la Russia risponderà con più forza dopo ogni pausa nei combattimenti. Leggi di più

READ  Il nuovo Primo Ministro britannico Truss ha promesso di affrontare la crisi energetica e un'economia vacillante

“La guerra non si fermerà (dopo le concessioni). Si fermerà per un po’”, ha detto a Reuters Podolyak, il capo negoziatore dell’Ucraina, in un’intervista in un ufficio presidenziale fortemente sorvegliato. “Inizieranno un nuovo attacco, che sarà più sanguinoso ed esteso”.

Gli ultimi appelli per un cessate il fuoco immediato sono arrivati ​​dal segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin e dal primo ministro italiano Mario Draghi. Leggi di più

La fine dei combattimenti a Mariupol, la più grande città conquistata dalla Russia, ha regalato al presidente russo Vladimir Putin una rara vittoria dopo una serie di battute d’arresto in quasi tre mesi di combattimenti.

La Russia ha detto che le ultime forze ucraine che si sono rintanate nell’enorme acciaieria Azovstal a Mariupol si sono arrese venerdì. Leggi di più

Il pieno controllo di Mariupol dà alla Russia il comando di una rotta terrestre che collega la Crimea, che Mosca ha catturato nel 2014, con la Russia continentale e le regioni dell’Ucraina orientale controllate dai separatisti filo-russi.

Sabato le forze ucraine nelle regioni di Luhansk e Donetsk controllate dai separatisti hanno dichiarato di aver respinto nove attacchi e distrutto cinque carri armati e altri 10 veicoli corazzati nelle ultime 24 ore.

Gli ucraini hanno affermato in un post su Facebook che le forze russe stavano usando aerei, artiglieria, carri armati, razzi, mortai e razzi lungo l’intera linea del fronte per attaccare edifici civili e aree residenziali. Hanno detto che almeno sette persone sono state uccise nella regione di Donetsk.

Serhiy Gaidai, governatore della regione di Luhansk, ha affermato che le forze russe hanno distrutto un ponte sul fiume Seversky Donets tra Severodonetsk e Lyschansk. Ha detto nell’applicazione di messaggistica Telegram che i combattimenti si sono svolti nella periferia di Severodonetsk dalla mattina alla sera.

READ  L'uragano Fiona atterra nella Repubblica Dominicana, dove la maggior parte di Porto Rico è ancora senza elettricità

Severodonetsk e la sua gemella Lysichansk, dall’altra parte del fiume Seversky Donets, formano la parte orientale di un’enclave controllata dall’Ucraina che la Russia ha cercato di aggirare da metà aprile dopo che non è riuscita a catturare Kiev.

disputa sul gas

Gazprom, compagnia statale russa del gas (GAZP.MM)Ha affermato di aver interrotto le esportazioni di gas verso la Finlandia, che ha respinto le richieste di Mosca di pagare i rubli per il gas russo dopo che i paesi occidentali hanno imposto sanzioni per l’invasione. Leggi di più

Questa settimana Finlandia e Svezia hanno presentato domanda per aderire all’alleanza militare della NATO. Leggi di più

Il grossista finlandese di gas Jassum, il governo finlandese e le singole società che consumano gas in Finlandia hanno dichiarato di essere pronti a chiudere i flussi russi.

La maggior parte dei contratti di fornitura europei sono stipulati in euro o dollari. Il mese scorso, Mosca ha interrotto il gas a Bulgaria e Polonia dopo che si erano rifiutate di rispettare i nuovi termini.

Anche i paesi occidentali hanno intensificato le forniture di armi all’Ucraina. Sabato, Kiev ha ricevuto un altro grande impulso quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un disegno di legge per fornire quasi 40 miliardi di dollari in aiuti militari, economici e umanitari. Leggi di più

Mosca afferma che le sanzioni occidentali, insieme alle spedizioni di armi a Kiev, equivalgono a una “guerra per procura” degli Stati Uniti e dei loro alleati. Migliaia di persone sono state uccise in Ucraina nella guerra che ha provocato milioni di sfollati e distrutto città.

Zelensky ha affermato di aver sottolineato l’importanza di ulteriori sanzioni contro la Russia e l’apertura dei porti ucraini in una telefonata con Draghi sabato.

READ  Le forze russe prendono il controllo della centrale di Chernobyl - Funzionario ucraino

L’ufficio di Duda, che ha incontrato anche Zelensky a Kiev il mese scorso, ha affermato che è il primo capo di stato a parlare di persona al parlamento dall’invasione.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Natalia Zenets, Max Hunder e Tom Palmforth a Kiev e David Younggreen a Ottawa e Lydia Kelly a Melbourne e negli uffici Reuters, scritti da Madeleine Chambers, Richard Boleyn e Doina Chiako; Montaggio di Nick Ziminsky e Jerry Doyle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.