Agosto 20, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea (UE) sta pianificando una vita senza gas russo a causa dell’aumento dell’inflazione

  • “L’idea di energia a basso costo è svanita”, afferma il primo ministro lettone
  • L’inflazione nella zona euro è ai massimi storici
  • La Germania ha avvertito che alcune industrie chiuderanno questo inverno

BRUXELLES, 24 giugno (Reuters) – Venerdì i leader dell’Ue hanno avvertito che “l’energia a basso costo è sparita” e hanno concordato di aumentare la produzione per ridurre ulteriormente il gas russo, accusando Mosca di “armarsi” con la pressione dell’approvvigionamento energetico, mentre la Germania ha avvertito che sarebbe stata parzialmente chiusa fuori uso. Industria.

Il giorno dopo le celebrazioni per la formazione di Kiev come membro del gruppo, il vertice di venerdì a Bruxelles è stata una sobria risposta all’impatto economico dell’invasione russa dell’Ucraina, agli avvertimenti di un aumento dei prezzi e di un “inverno rigido”.

“L’inflazione è una delle principali preoccupazioni per tutti noi”, ha detto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel in una conferenza stampa dopo il vertice di due giorni.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“La guerra di aggressione della Russia fa aumentare i prezzi di cibo, energia e materie prime”, ha affermato, aggiungendo che i leader hanno concordato di coordinare da vicino le loro risposte di politica economica.

Il vertice ha concordato un’azione decisiva, ma i leader hanno incaricato la Commissione europea di trovare ulteriori modi per proteggere “l’approvvigionamento a prezzi accessibili” a causa del “disarmo del gas da parte della Russia”.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che la ricerca di forniture alternative è già in corso, con le forniture di GNL statunitensi in aumento del 75% quest’anno e le forniture di gasdotti norvegesi in aumento del 15% rispetto all’anno precedente.

READ  Adele ha posticipato la residenza dopo lo sfogo sull'acrobazia in piscina: rapporto

Inoltre, l’esecutivo dell’UE presenterà ai leader un piano per ulteriori tagli al gas dalla Russia a luglio, aggiungendo: “Credi nel meglio, preparati al peggio. Questo è quello che stiamo facendo ora”.

La Commissione europea presenterà proposte e opzioni da discutere al prossimo vertice dell’UE di ottobre, compresi modelli di mercato alternativi che potrebbero impedire al gas di fissare i prezzi di mercato per l’elettricità, ha affermato Van der Leyen.

“Stiamo lavorando su diversi modelli per guardare al design del mercato, non solo a come controllare i prezzi dell’energia o dell’elettricità”, ha affermato.

Una questione controversa è se i governi debbano intervenire per controllare i prezzi.

Spagna e Portogallo hanno chiuso i prezzi del gas sui loro mercati locali dell’elettricità questo mese, ma altri stati hanno avvertito che i limiti di prezzo potrebbero destabilizzare i mercati energetici ed espellere ulteriormente le casse statali se i governi fossero costretti a pagare la differenza tra i prezzi nei mercati internazionali del gas.

“Duro inverno”

I leader di 27 paesi dell’UE hanno accusato la guerra, iniziata esattamente quattro mesi fa, del calo dei prezzi e della crescita globale.

“L’idea di energia a basso costo è scomparsa e l’idea russa di energia è scomparsa. Siamo tutti impegnati nella protezione delle risorse alternative”, ha affermato il primo ministro lettone Krisjanis Karins. “I governi devono sostenere le fasce più vulnerabili della società”.

Decine di paesi europei sono stati finora colpiti da tagli ai flussi di gas dalla Russia, a seguito di sanzioni occidentali senza precedenti imposte all’invasione.

“È ora che i russi chiudano tutte le esportazioni di gas”, ha detto un funzionario dell’UE prima dei colloqui di venerdì.

READ  Miguel Cabrera dei Detroit Tigers ha ottenuto 3.000 vittorie

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Hebeck ha avvertito che se l’offerta della Russia fosse ancora più bassa, il suo paese potrebbe affrontare carenze di gas e alcune industrie chiuderanno in inverno.

“Le aziende devono interrompere la produzione, licenziare i loro lavoratori, le catene di approvvigionamento crolleranno e le persone sprofonderanno nei debiti per pagare le bollette del riscaldamento”, ha detto a Der Spiegel. leggi di più

L’UE faceva affidamento sulla Russia per il 40% del suo fabbisogno di gas prima della guerra – salendo al 55% per la Germania – lasciando un enorme divario per colmare il già ristretto mercato globale del gas.

L’inflazione è salita sempre oltre l’8% nei 19 paesi che condividono l’euro e l’esecutivo dell’UE prevede che la crescita rallenterà al 2,7% quest’anno.

Paschal Donohoe, capo dell’Eurogruppo, ha avvertito che “il Mar Nero deve ammettere il pericolo che corriamo se l’inflazione è radicata nelle nostre economie”.

“Se non prestiamo attenzione, l’intera economia dell’UE andrà in recessione con tutte le sue conseguenze”, ha avvertito il primo ministro belga Alexander de Cruz.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Jan Strupczewski, Phil Blenkinsop, Marine Strauss, Bart Meijer, Francesco Guarascio, Kate Abnett, Charlotte Van Campenhout, Benoit Van Overstraeten, Gabriela Baczynska; Scritto da Ingrid Melander e Jan Strupczewski; Montaggio di John Salmers, Alex Richardson e Nick McPhee

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.