Luglio 13, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ministro delle finanze: l’Arabia Saudita può investire in Iran “molto rapidamente”

Ministro delle finanze: l’Arabia Saudita può investire in Iran “molto rapidamente”
  • “Quando le persone si attengono davvero ai principi di ciò che è stato concordato, penso che ciò possa accadere molto rapidamente”, ha detto il ministro delle finanze saudita Mohammed Al-Jadaan alla CNBC a Riyadh.
  • Riyadh e Teheran hanno concordato di riprendere le relazioni diplomatiche e riaprire le ambasciate nei due paesi dopo i negoziati a guida cinese a Pechino culminati il ​​10 marzo.
  • Alcuni osservatori si chiedono se i paesi, in particolare l’Iran, rispetteranno gli impegni reciproci assunti nell’accordo diplomatico, che deve ancora essere visto.

Il ministro delle finanze saudita Mohammed Al-Jadaan ha dichiarato mercoledì che l’Arabia Saudita potrebbe presto investire nel suo nemico regionale di lunga data, l’Iran, dopo un accordo rivoluzionario raggiunto tra i due paesi per ripristinare le relazioni diplomatiche.

Alla domanda di Hadley Gamble sulla CNBC a Riyadh per quanto tempo il mondo potrebbe vedere il ricco regno saudita fare importanti investimenti in Iran e viceversa, Al-Jadaan ha risposto: “Direi molto rapidamente”.

“Quando le persone si attengono davvero ai principi di ciò che è stato concordato, penso che ciò possa accadere molto rapidamente. Il nostro obiettivo, e penso che la nostra leadership lo abbia chiarito in precedenza, è quello di avere una regione stabile, cioè in grado di fornire per la sua gente e per prosperare”, ha detto il ministro. Non c’è motivo per cui ciò non accada”.

Riyadh e Teheran hanno concordato di riprendere le relazioni diplomatiche e riaprire le ambasciate nei due paesi dopo i negoziati a guida cinese a Pechino culminati il ​​10 marzo.

L’alto funzionario della sicurezza iraniana Ali Shamkhani (a destra), il ministro degli Esteri cinese Wang Yi (a destra) e Musaed Al-Aiban, il consigliere per la sicurezza nazionale saudita, posano per una foto dopo che l’Iran e l’Arabia Saudita hanno deciso di riprendere le relazioni diplomatiche bilaterali dopo diversi giorni di deliberazioni. Tra alti funzionari della sicurezza dei due paesi a Pechino, in Cina, il 10 marzo 2023.

READ  Lavrov si ritira dai colloqui del G-20 dopo aver negato che la Russia stia causando una crisi alimentare | G20

Bollettino del Ministero degli Affari Esteri cinese | Agenzia Anadolu | Immagini Getty

Si sono inoltre impegnati ad affermare “il rispetto per la sovranità degli Stati e la non ingerenza negli affari interni degli Stati”, che è un passo importante Dopo anni di reciproca ostilità, aggressione e spionaggio tra i due Paesi.

Alcuni analisti regionali e responsabili politici occidentali si chiedono se i paesi, in particolare l’Iran, manterranno questi impegni, cosa ancora da vedere. Le due potenze in Medio Oriente rimangono ideologicamente in contrasto, e il sospetto di nessuno dei due paesi nei confronti dell’altro non scomparirà dall’oggi al domani.

Tuttavia, il ministro delle finanze saudita sembrava ottimista.

“L’Iran è il nostro vicino, ed è stato e rimarrà tale per centinaia di anni”, ha detto Al-Jadaan. “Quindi non vedo alcun problema che impedirebbe la normalizzazione della relazione, investimenti reciproci e così via, fintanto che ci atteniamo agli accordi – sai, rispettiamo i diritti sovrani, non interferiamo negli affari altrui , rispettiamo gli accordi ONU e altri, quindi non vedo ostacoli.” anzi”.

I paesi hanno inoltre convenuto che i precedenti accordi di cooperazione – vale a dire l'”Accordo sulla cooperazione per la sicurezza” del 2001 e l'”Accordo generale sulla cooperazione” del 1998 riguardanti il ​​commercio, l’economia, lo sport, la tecnologia, la scienza, la cultura, lo sport e la gioventù – vengono ripristinati.

La dichiarazione saudita che annunciava l’accordo diceva: “I tre paesi hanno espresso la loro volontà di compiere ogni sforzo per promuovere la pace e la sicurezza regionale e internazionale”, riferendosi a se stessi e all’Iran e alla Cina.

I due principali produttori di petrolio affrontano realtà economiche nettamente diverse: l’Arabia Saudita, che investe a livello internazionale e lancia migliaia di miliardi di dollari in mega progetti come parte del piano Vision 2030 del regno per diversificare lontano dal petrolio; e l’Iran, la cui economia e valuta sono aumentate vertiginosamente sotto anni di sanzioni occidentali, corruzione del governo e cattiva gestione economica.

READ  Altri attacchi aerei su Gaza oggi mentre gli aiuti restano bloccati in Egitto; Ha detto alle forze israeliane di essere "preparate" per l'invasione

È probabile che gli investimenti dall’Arabia Saudita rappresentino un enorme vantaggio per l’economia martoriata dell’Iran, anche se non è chiaro se le attuali sanzioni statunitensi contro l’Iran si applicheranno all’attività finanziaria tra i due paesi.

“Penso che, senza entrare nei dettagli, penso che ci rendiamo conto… chiaramente che per poterti concentrare sul tuo sviluppo economico e concentrarti sul provvedere alla gente del tuo paese, hai bisogno di stabilità e loro hanno bisogno di stabilità”. – disse Al-Jadaan. “E penso che ci siano molte opportunità in Iran, e noi offriamo loro molte opportunità, fintanto che la buona volontà continua”.

L’Iran e l’Arabia Saudita si sono a lungo accusati a vicenda di destabilizzare la regione e si sono visti reciprocamente come gravi minacce alla sicurezza, spesso su fronti opposti di conflitti regionali come quelli in Yemen, Libano e Siria. Sia Riyadh che Washington accusano Teheran di essere responsabile di diversi attacchi a navi, terra e infrastrutture energetiche saudite negli ultimi anni.

L’Arabia Saudita ha interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran nel 2016, dopo che i manifestanti iraniani hanno preso d’assalto l’ambasciata saudita a Teheran in risposta all’esecuzione da parte delle autorità saudite di 47 dissidenti, tra cui un importante religioso sciita.