Luglio 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Morti per l’Hajj: centinaia di pellegrini muoiono alla temperatura della Mecca in Arabia Saudita!

Morti per l’Hajj: centinaia di pellegrini muoiono alla temperatura della Mecca in Arabia Saudita!

Rafiq Maqbool/AP

I pellegrini musulmani usano gli ombrelli per proteggersi dal sole mentre lanciano pietre contro i pilastri che lapidano il diavolo a Mina, vicino alla città santa della Mecca, il 18 giugno 2024.


Dubai, Emirati Arabi Uniti
CNN

Centinaia di persone sono morte e migliaia sono state curate per un colpo di calore mentre effettuavano l’annuale pellegrinaggio musulmano alla Mecca in mezzo a temperature estreme fino a 49 gradi Celsius (120 gradi Fahrenheit).

Tra le vittime ci sono circa 165 indonesiani, ha riferito la CNN Indonesia, citando l’ufficio di gestione dell’Hajj del consolato del paese in Arabia Saudita. Inoltre, secondo i funzionari di ciascun paese, sono morti almeno 41 giordani, 35 tunisini e 11 iraniani.

Altri 22 giordani risultano dispersi e 26 iraniani sono ricoverati in ospedale, ha detto mercoledì la Croce Rossa iraniana, secondo l’agenzia di stampa semi-ufficiale iraniana Tasnim.

Alcuni iraniani sono morti a causa di un colpo di calore, mentre altri avevano patologie preesistenti, ha detto la Croce Rossa iraniana.

L’Arabia Saudita e l’Egitto non hanno ancora rilasciato dati ufficiali, quindi è probabile che il bilancio delle vittime aumenti. Inoltre, i governi sono a conoscenza solo dei pellegrini che si sono registrati e hanno viaggiato alla Mecca come parte della quota del loro paese – e si teme che possano verificarsi più morti tra i pellegrini non registrati.

Più di 2.700 persone sono in cura per il colpo di calore, ha detto lunedì il governo saudita. Nel frattempo, centinaia di persone si sono rivolte ai social media per denunciare che i loro cari risultano dispersi.

più di 1,8 milioni di persone Stanno partecipando all’Hajj di quest’anno, uno dei più grandi raduni religiosi del mondo, secondo l’Autorità generale saudita per le statistiche.

READ  La Germania è uscita dalla Coppa del Mondo dopo aver battuto il Costa Rica 4-2

Le morti tra i pellegrini non sono rare (ce ne sono state più di 200 l’anno scorso) e l’incontro di quest’anno si svolge in un clima particolarmente caldo.

La stagione dell’Hajj cambia ogni anno secondo il calendario islamico e quest’anno cade a giugno, uno dei mesi più caldi del regno.

Lunedì, l’Arabia Saudita ha consigliato ai pellegrini di non eseguire il rituale della “lapidazione del diavolo” nelle ore successive al raggiungimento dei 49 gradi Celsius (120 gradi Fahrenheit).

I funzionari dell’Hajj hanno chiesto ai pellegrini di portare ombrelli e rimanere idratati in condizioni estreme, mentre l’esercito saudita ha dispiegato più di 1.600 persone con unità mediche specifiche per i colpi di calore e 30 squadre di risposta rapida. E partecipano 5.000 volontari sanitari e di primo soccorso.

L’esecuzione dell’Hajj è uno dei cinque pilastri dell’Islam, che richiede a ogni musulmano che sia fisicamente e finanziariamente in grado di recarsi nella città santa della Mecca almeno una volta nella vita.

Il pellegrinaggio comprende molti rituali elaborati, compreso l’uso di un indumento speciale che simboleggia l’uguaglianza e l’unità umana davanti a Dio. Gaba cubica costruire e lapidare come simbolo del male.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni. Edward Szekeres e Handi Alkhshali hanno contribuito al reporting.