Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Netflix è stata citata in giudizio per l’invenzione del personaggio Anna

Netflix è stata citata in giudizio per l'invenzione del personaggio Anna

Katie Louise nei panni di Rachel Williams in Inventing Anna

Katie Louise nel ruolo di Rachel Williams La creazione di Anna
immagine: Nicole Rivelli/Netflix

Netflix è stato citato in giudizio per diffamazione e violazione della privacy per falsa luce per le sue precedenti riprese Fiera della vanità Editor di foto e partner Anna Sorokin Rachel Williams nella serie La creazione di Anna.

“Questa azione mostrerà che Netflix ha preso una decisione deliberata con scopi drammatici per mostrare che Williams fa o dice cose nella serie che la ritraggono come avida, arrogante, traditrice, disonesta, codarda, manipolatrice e opportunista”. rimostranzadepositato presso il tribunale federale del Delaware.

Il software mostra un disclaimer: “Questa storia è assolutamente vera. Fatta eccezione per l’intero componente”. Bene, Williams sostiene che quasi tutto ciò in cui Katie Louise ha interpretato La creazione di Anna Dalla natura della sua amicizia con Sorokin a come è finita la relazione tra i due. Nella serie, è chiaro in diverse scene che Williams è una freelance ed era amica di Sorokin solo a causa della sua ricchezza percepita.

La causa – che menziona solo Netflix come l’imputata e non la produttrice di spettacoli Shonda Rhimes – chiede danni non specificati, un processo con giuria e un’ingiunzione per rilasciare materiale relativo a Williams da L’innovazione di Anna. Vale la pena notare che, a differenza di Sorokin (che Netflix ha pagato per i diritti della sua storia), la Williams lo è Solo di natura importante Nella serie basata su una persona reale.

La denuncia continua: “L’entità del danno arrecato a Williams dalla diffamazione di Netflix sarebbe stato straordinario con qualsiasi misura ragionevole”. “Milioni di persone in tutto il mondo hanno visto la serie e, a causa della falsa rappresentazione di Netflix di lei come persona spregevole, è stata sottoposta a un torrente di abusi online che le hanno causato umiliazione, angoscia e dolore, oltre a danni ai suoi guadagni e/o potenziali guadagni”.

Williams’ representation, Alexander Rufus-Isaacs, points to an interview with executive producer Rhimes as evidence for the alleged intentional defamation.

“We wanted to know what we were making up,” Rhimes said on Crea Anna: il podcast ufficiale Torna a marzo. “Non volevamo inventare le cose solo per lei. Volevamo immaginare deliberatamente momenti piuttosto che immaginarli accidentalmente”.

in un altro posto un’intervista insieme a Il giornalista di Hollywood“C’erano anche cose che abbiamo inventato perché avevano bisogno di inventare per far sì che la storia cantasse davvero ed fosse ciò che dovrebbe essere”, ha detto Reims.

Katie Louise, che ha interpretato la Williams nella serie, ha detto in precedenza:[The Rachel character is] soddisfa le persone. È giovane, ingenua e ha una vita privilegiata. Non credo che questo si applichi necessariamente a Rachel Williams nella vita reale; Penso che questo valga per il personaggio che Shonda ha scritto e ciò di cui Shonda aveva bisogno per essere il personaggio dello show”.

Inoltre, mentre la serie Netflix è basata su quella di Jessica Pressler Rivista di New York Ho scritto un articolo intitolato “Come una ragazza ambiziosa ha ingannato i membri del partito di New York” proprio pezzo Fiera della vanità E pubblica il libro La mia ragazza Anna: la vera storia di una falsa ereditiera. Williams in seguito ha firmato un accordo con la HBO per acquisire i diritti sulle sue opere.

Rufus Isaacs dice in una dichiarazione a Limite. “Il danno devastante alla sua reputazione avrebbe potuto essere evitato se Netflix avesse usato un nome fittizio e dettagli diversi. Perché non l’hanno fatto per lei, quando lo hanno fatto con così tanti altri personaggi della serie? Forse è stato perché ha scelto giocare per l’altra squadra, cioè la HBO.

In una dichiarazione a THRWilliams afferma: “Netflix ha usato intenzionalmente il mio vero nome e aspetti reali della mia vita per creare una descrizione di me completamente falsa e diffamatoria. La verità è importante e ritrarre persone reali richiede una vera responsabilità. Sto intentando questa causa per ritenere Netflix responsabile della sua intenzionale incoscienza .”

READ  Come The Vampire Diaries ha causato la rottura di Nina Dobrev